Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Progressivo e acustico





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Una delle nuove case discografiche jazz in Norvegia si chiama Jazzaway. È uscito con il suo primo disco poco più di due anni fa, e ora la compagnia individuale ha 19 uscite nel suo catalogo: musica acustica moderna, espressiva e progressiva il cui scopo è qualcosa di molto più interessante del semplice compiacere.

La band Jazzmob era attiva in diversi jazz club di Oslo nell'autunno del 1998 – le registrazioni dal vivo da lì sono state pubblicate su un CD dal titolo pretenzioso La verità. La casa discografica si chiamava "Be bop or be dead" – capiamo che si trattava di jazz onesto e senza compromessi. Tra i musicisti c'erano il sassofonista contralto Jon Klette, il sassofonista tenore Gisle Johansen, il bassista Mats Eilertsen e il batterista Jarle Vespestad.

Una nuova registrazione con i Jazzmob è stata fatta nell'autunno del 2001. Ma era musica troppo dura per le case discografiche? In ogni caso, non è stato rilasciato fino a quando il leader della band Jon Klette non ha preso in mano la situazione e ha fondato la compagnia Jazzaway. Il numero di catalogo JARCD001 era intitolato Esploratore, e ha offerto musica intensa con radici nei musicisti degli anni '60 come Ornette Coleman, Eric Dolphy e John Coltrane, cioè jazz acustico grezzo con una propria spinta e vitalità. Le composizioni di Jazzmob sono state in gran parte firmate da Klette. Il nuovo pianista della band era Anders Aarum, un musicista brillante che apparve improvvisamente a Oslo nel 1998 e fu attratto da tutte le band in cui ebbe il tempo di suonare, un musicista che "trasudava sentimento jazz" e che impressionò con un pensiero melodico sostanziale.

Lontano dal jazz di montagna

Il numero di catalogo 2 offriva musica che aspettavamo ancora da più tempo: si trattava di una registrazione dal vivo del festival jazz di Molde 1976 con il leggendario quartetto Christian Reim/Kalle Neumann, noto anche per la sua musica jazz onesta e senza compromessi. Il numero di catalogo 3 era del gruppo Dingobats di Trondheim, con Eirik Hegdal come compositore dominante nel terzo album della band, intitolato Segui. La quarta uscita della compagnia è stata con il trio Anders Aarum, Assenza in mente, recensito su Ny Tid nel novembre 2004.

Jazzaway aveva pubblicato nove CD prima della fine del 2004. Gli ultimi cinque erano pubblicazioni recenti con giovane jazz norvegese. I gruppi Trinity e The Core sono entrambi guidati dal sassofonista tenore e soprano Kjetil Møster, che questo fine settimana (14 gennaio) è negli Stati Uniti per ricevere l'IJFO, International Jazz Award for New Talents, vale a dire l'organizzazione del festival internazionale lo ha nominato del mondo miglior musicista jazz sotto i 30 anni! Negli album Spumante (JARCD005) e Vision (006), l'energia e l'espressività hanno assunto dimensioni che dimostrano che non tutta la musica norvegese è etereo “jazz di montagna”.

Raggruppo l'album di Bayashi Roccia (007) è vero che solo il batterista Thomas Strønen è un giovane, ma i veterani Bjørnar Andresen (basso) e Vidar Johansen (sassofono, clarinetto basso e flauto) sono gentiluomini vitali con una visione progressiva della musica. Nell'album Morthana (008) sono due giovani snob elettronici di Stavanger, Morten Olsen e Anders Hana, che hanno registrato a New York con il sassofonista e clarinettista basso Andrew D'Angelo. Su JARCD009, linee di Jazzmob, Trinity, Bayashi e Morthana sono state intrecciate insieme nella Crimetime Orchestra di dieci elementi, in una suite piuttosto avant-garde chiamata La vita è un bellissimo mostro, dedicato a Bjørnar Andresen, morto appena tre settimane dopo la registrazione.

Avanguardia americana

Nel 2005, il piccolo Jazzaway ha pubblicato dieci CD. C'era ancora un focus sul giovane jazz acustico norvegese con i gruppi Roundtrip (l'album Strada a doppio senso, JARCD010), MZN3 (sempre con Møster, CD013), Eirik Hegdal con la Trondheim Jazz Orchestra (Noi siamo?, 014), Shagma Music (015) e Solid! (016). Ma il contatto è stato stabilito con ciò che si muove nell'underground dell'avanguardia americana, preferibilmente a New York. Il veterano Sonny Simmons (sassofono contralto e corno inglese), particolarmente attivo negli anni '60, era a Oslo nell'autunno del 2004, tornò e realizzò l'album Il viaggiatore (JARCD011) insieme a musicisti norvegesi. Il bassista norvegese Eivind Opsvik ha portato due musicisti americani in un tour europeo e ha registrato l'album dal vivo Collezionista di toni (JARCD012). Le uscite 17 e 18 di Jazzaway prendono il polso direttamente a New York attraverso due registrazioni di agosto, The Calling con il sassofonista baritono Alex Harding e il suo The Bluetopia Ensemble e Parco giochi con il pianista transilvano Lucian Ban e musicisti americani nella costellazione Asimmetria. Qualcosa da ascoltare per chi è interessato a quello che succede in un Paese dove i jazzisti sono molto lontani dal regime di Bush.

L'ultimo disco di Jazzaway, Il pianeta Poing (JARCD019) ci porta in un altro mondo, ci sono giovani musicisti norvegesi con un background parzialmente jazz che eseguono musica contemporanea dei compositori Maja Ratkje, Sachito Tsurumi e altri.

Per coloro che hanno interessi oltre la musica progressiva, ad esempio il design grafico creativo, molte delle produzioni di Jazzaway sono interessanti. Circa la metà dei libretti di testo sono disegnati da Nick Alexander con un disegno giocoso e vitale che ben si adatta al messaggio musicale.

Potrebbe piacerti anche