Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Inflazione dei prezzi

Spesso, le cerimonie di premiazione riguardano più il donatore che il destinatario.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[prezzi culturali] C'è stata inflazione nei prezzi. E non sto parlando dei prezzi degli alloggi, delle auto o dell'elettricità. Non il tipo di prezzo per cui noi poveri consumatori dobbiamo sborsare. Anzi. Intendo il tipo di premi che vengono assegnati.

È possibile che si verifichi lo stesso fenomeno nel settore informatico, alberghiero o petrolifero, ma dubito che in qualsiasi altro campo vengano assegnati tanti premi come in quello culturale. Un rapido conteggio online ha mostrato circa 40 premi letterari nazionali. Se si considera che questi premi vengono assegnati ogni anno, in un paese con 4,5 milioni di abitanti, ci si potrebbe chiedere se ci siano scrittori norvegesi che non abbiano ancora ricevuto qualche tipo di premio per il loro lavoro.

Lo stesso accade nel mondo del cinema, dove presto Ane Dahl Torp avrà un intero caminetto pieno di statuette e diplomi diversi. Al piuttosto piccolo Festival del cortometraggio di Grimstad quest'estate non verranno assegnati solo gli undici premi tradizionali, ma quest'anno anche un nuovo premio per cortometraggi da parte della Filmpolitiet di NRK P3. Non posso documentarlo statisticamente, ma trovo che il numero dei premi non fa altro che aumentare di anno in anno e che presto non passa giorno senza che su un giornale almeno venga menzionato l'uno o l'altro vincitore del premio.

L'inflazione dei prezzi è naturalmente legata al crescente numero di premi e classifiche. Il pregiudizio selettivo non è mai stato così forte come lo è adesso. Ogni giornale, festival, sito web e ogni programma televisivo e radiofonico nomina costantemente i 25 migliori o l'altro, oppure i dieci peggiori questo e quello. Ogni premio prevede naturalmente un vincitore, che può poi essere intervistato sia nel proprio mezzo che in quello degli altri.

Ci sono molti motivi nobili per consegnare un premio. Il più vicino è il desiderio di premiare un individuo che ha fornito una prestazione eccezionalmente buona. Può anche trattarsi di mettere in risalto un gruppo competente e importante, ma non molto visibile (autori di libri per ragazzi o montatori di film), oppure può trattarsi di elevare lo status di un intero campo che è rimasto al di fuori dei riconoscimenti propri dell'alta cultura (Gullblyanten della pubblicità , Sproingpris dei fumetti). . Ma ho il sospetto che spesso si tratti tanto di far luce sulla persona che consegna il premio quanto su chi lo riceve.

Il bello dei premi e delle assegnazioni dal punto di vista del vincitore è che questo si traduce quasi inevitabilmente in una copertura mediatica. I principali premi del settore come Amanda, Brage e Gullfisken, con programmi televisivi di un'ora, generano naturalmente molta attenzione, glamour delle celebrità e talvolta dibattiti. Ma anche i premi più piccoli e più giovani ottengono in modo relativamente automatico una certa attenzione da parte dei media.

Assegnare un premio significa quindi commercializzare te stesso. L'attenzione dei media può essere vitale per alcune istituzioni. Con la liberalizzazione e la privatizzazione, la necessità di apparire è diventata sempre più importante. La Norvegia è in fase di razionalizzazione e organizzazioni, istituti e redazioni sono minacciate da chiusure e fusioni. Consegnare un premio può essere un modo per darti legittimità come organizzazione. "Guardi, noi abbiamo l'autorità di esprimere giudizi di gusto e abbiamo ricevuto x numero di segnalazioni dalla stampa per questo premio, quindi non si può chiudere un'istituzione così importante?", dice indirettamente la cerimonia di premiazione.

Ci si può chiedere se sia così pericoloso avere più riconoscimenti, premi, interviste ai vincitori dei premi e più tributi ai vincitori dei premi e a coloro che li consegnano. Il problema dell’inflazione è che porta rapidamente alla deflazione. Più premi ci sono, meno importanti diventano. Se in Norvegia ogni operatore culturale di spettacolo ha ricevuto il suo premio o lo stesso "artista famoso" deve tenere un discorso di accettazione più volte all'anno per un premio insignificante, abbiamo silurato l'intero concetto di qualità.

Potrebbe piacerti anche