Crescita post traumatica

Violenza e pericolo per la vita – Esperienze di guerra norvegesi e svedesi dall'Afghanistan
AFGHANISTAN / Il cappellano e ricercatore sul campo Gudmund Waaler ha qualcosa di nuovo da aggiungere in un nuovo libro sulle reazioni dei soldati alla guerra?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Ho visitato l'Afghanistan come giornalista nel 2007. Guidare per Kabul indossando giubbotti antiproiettile in un veicolo civile sembrava un mix di Mad Max e dei secoli bui. È stato peggio del previsto. Gli edifici sembravano fragili e difficilmente abitabili, forse a causa della guerra dell'Unione Sovietica in Afghanistan negli anni '1980. Abbiamo superato un incidente d'autobus da cui si alzava il fumo. L'autista mi ha detto che poche ore prima era avvenuto un attentato suicida. L'odore era ancora più nauseabondo che in qualunque altra parte della città. Senza saperlo con certezza, potevo quasi sentire l'odore dei corpi umani bruciati. In mezzo alla strada sedeva un uomo che giungeva le mani in preghiera. Era tutto surreale.

Stress e coping

Sono stati scritti diversi libri norvegesi sul nostro contributo militare in Afghanistan. Per esempio Guerrieri e diplomatici (2013), dove Morten Bakkeli, orientato all'azione, segue il Comando Speciale della Difesa (FSK) con uno stile eroico e un po' pomposo che a volte ricorda la letteratura cliché da edicola. Allontana il lettore dalla serietà.

La paura e lo stress erano sentimenti molto comuni tra i veterani dell’Afghanistan.

Libro del giornalista Anders Hammers La guerra dei sogni (2010) è di gran lunga migliore. Hammer ha vissuto a Kabul per un periodo e scrive, tra le altre cose, di cosa vuol dire essere un giornalista arruolato tra esperti soldati canadesi. Nel primo capitolo, Hammer scrive che voleva provare l'esperienza di essere colpito da colpi di arma da fuoco e vivere un'esperienza di pre-morte in Afghanistan. Verso la fine del 2007 l'occasione si è presentata a Kandahar ovest. Hammer ammette che si trattava di una sorta di ego dei giornalisti che doveva essere soddisfatto: sono quasi circondati dai rivoltosi e attaccati. Ma in seguito conclude che sembrava privo di significato, egoista e solitario. Sono riflessioni interessanti.

Nel nuovo libro Violenza e pericolo per la vita. Esperienze di guerra norvegesi e svedesi dall'Afghanistan Waaler svela emozioni diverse tra i soldati che hanno partecipato al duro conflitto in Afghanistan. Ha intervistato 28 soldati norvegesi e svedesi su come ci si sente a combattere e a togliersi la vita. Le risposte che ha trovato sono in parte sorprendenti: il soldato Alf racconta di una scaramuccia a Meymaneh nel febbraio 2006 – dove è stato colpito ed era estremamente stressato, ma ha anche sperimentato la capacità di reazione.

MAZAR-I-SHARIF, Afghanistan 20060922: le forze di reazione rapida norvegesi (QRF) hanno pattugliato venerdì fuori Mazar-i-Sharif, nel nord dell'Afghanistan. Allo stesso tempo, la Norvegia vuole concentrarsi maggiormente sugli aspetti umanitari dell’operazione NATO nel nord dell’Afghanistan. Foto: Heiko Junge/SCANPIX.

578 soldati sui circa 4000 veterani che hanno risposto a un precedente sondaggio condotto da Waaler nel 2012 hanno dimostrato che l’unità tra i soldati è stata la chiave per il successo della maggior parte di loro. Tuttavia, la paura e lo stress erano sentimenti molto comuni, soprattutto quando alcuni erano così spaventati da non essere in grado di eseguire gli ordini. Ma Waaler si riferisce anche ad alcune emozioni positive, come la maestria e la gioia: il soldato Nils, ad esempio, ha provato una "travolgente sensazione di felicità" quando si è scoperto che un colpo alla testa di un collega era solo uno squarcio.

Post traumatico

I La guerra dei sogni Anders Hammer scrisse anche di soldati canadesi che sedevano e giocavano ai videogiochi sulla guerra, mentre il campo veniva scoperto. Questa indifferenza, secondo l'autore, potrebbe essere un segno che i soldati stavano sviluppando un disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Secondo una ricerca americana, nel 17 oltre il 2007% dei soldati statunitensi con esperienza di guerra in Afghanistan e Iraq soffriva di problemi di salute mentale.

Sono molti di più dei soldati norvegesi che Waaler ha ora intervistato. Secondo la sua ricerca, solo l’1-2% dei soldati norvegesi con esperienza di combattimento in Afghanistan soffre di disturbo da stress post-traumatico. Tra i soldati svedesi, il dato è ancora più incoraggiante: infatti, i veterani svedesi dell’Afghanistan hanno una salute mentale migliore rispetto alla popolazione svedese in generale.

Un altro tema nel libro di Waaler riguarda coloro che non si sentono molto dopo aver tolto una vita. O che i legami di fiducia si sono rotti laddove i soldati non hanno svolto i compiti loro assegnati. L'autore sottolinea inoltre che non tutti i soldati con esperienza di combattimento provenienti dall'Afghanistan volevano togliersi la vita, anche se combattevano contro i talebani: alcuni soldati gli hanno detto che se si uccidono molti talebani, si crea rabbia locale e un reclutamento base per i nuovi membri del movimento.

Una delle conclusioni che Waaler trae nel libro è che i soldati che hanno combattuto a lungo, che hanno perso colleghi e che hanno avuto poco riposo per molto tempo, possono sviluppare comportamenti violenti. Allo stesso tempo, c’è chi ha effettivamente sperimentato una crescita post-traumatica (PTG). Questo è il rafforzamento della salute mentale, come risultato del tempo e degli sforzi spesi per elaborare le reazioni dopo eventi traumatici. – esattamente l'opposto del disturbo da stress post-traumatico. Grati di essere vivi, devono aver rafforzato la loro capacità di vedere le possibilità della vita.

Abbonamento NOK 195 al trimestre