Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Gioco di prestigio politico dal ricettario della Guerra Fredda

Quando i sottomarini compaiono nelle acque svedesi, i media puntano immediatamente a Mosca. Le campagne ingannevoli appaiono quasi come una copia parodistica della politica degli anni '1980.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Perché oggi gli USA usano la stessa ricetta nella lotta contro Mosca come negli anni '1980? Ci sono differenze, ma la procedura è quasi identica. Oggi conosciamo la strategia della CIA dagli anni '1980, quando l'intera campagna fu orchestrata dal capo della CIA William Casey.
Nel maggio di quest'anno, il canale televisivo franco-tedesco ARTE ha mostrato il documentario Inganno – Il metodo Reagan, in cui furono intervistati diversi consiglieri del presidente Ronald Reagan. Il film presentava la sua "strategia di vittoria": non solo dovresti costringere l'Unione Sovietica a ritirarsi, ma dovresti anche sconfiggere Mosca. L’idea alla base della strategia è venuta dal capo della CIA Bill Casey. Ancor prima che Reagan prestasse giuramento presidenziale, aveva deciso di istituire un "deception Committee", un comitato sull'inganno, e questo avrebbe avuto un'importanza decisiva. Del comitato facevano parte il presidente Bill Casey, il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente, e i vicesegretari di Stato e della Difesa. Questo "comitato inter-agenzia" è stato descritto dal segretario della Marina del presidente Reagan, John Lehman, prima in una conversazione che ho avuto con lui nel 2007, ma poi anche in un'intervista per il già citato canale televisivo ARTE. Le decisioni su colpi di stato, cambiamenti di regime e campagne di disinformazione non dovevano essere prese dal presidente stesso o dai suoi ministri della difesa e degli affari esteri, perché queste decisioni erano in conflitto con il diritto internazionale. Il presidente e i principali ministri dovevano avere una “negabilità plausibile” – dovevano essere in grado di parlare con i leader di altri stati senza sapere (o più correttamente, senza aver deciso) di queste operazioni.

L'inganno era centrale

Questo è ciò di cui stiamo parlando qui lo stesso tipo di "comitato inter-agenzia" istituito dall'allora capo della CIA Allan Dulles nel 1955, e che allora era chiamato "Gruppo Speciale". Nel 1964 fu sostituito dal "Comitato 303" sotto il consigliere per la sicurezza nazionale McGeorge Bundy, e nel 1970 fu sostituito dal "Comitato 40" sotto il consigliere per la sicurezza nazionale Henry Kissinger.
Ma tutti questi comitati erano caratterizzati anche dal loro presidente, e per Bill Casey lo era inganno – fuorviante – la parte centrale della politica. Lo aveva imparato dalla Seconda Guerra Mondiale e dal ruolo che ebbe durante l'operazione in Normandia, Lehman poteva dirlo. Casey voleva ingannare l’Unione Sovietica e gli europei “neutralisti” che si aggiravano.

Proprio come negli anni ’1980, gli Stati Uniti e i Sauditi stanno ora cercando di far morire di fame Mosca.

L'assistente di Bill Casey, Herb Meyer, ha spiegato la politica di Casey nel documentario di ARTE come segue: Non ci si dovrebbe più concentrare sulla difesa. Mosca doveva essere attaccata. Gli Stati Uniti hanno sostenuto i Mujahideen (guerrieri sacri) e gli islamici arabi appoggiati dal Pakistan in Afghanistan per destabilizzare il regime filo-Mosca a Kabul, costringendo così Mosca a intraprendere una guerra impossibile che avrebbe indebolito economicamente la Russia. Questa era già la politica del consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski. Nell'estate del 1979, gli Stati Uniti accettarono di "dare all'Unione Sovietica il proprio Vietnam", come disse Brzezinski. Gli islamisti furono aiutati a ingannare l'Unione Sovietica affinché entrasse in Afghanistan, e questa politica fu seguita da Casey. I costi della guerra avrebbero causato il collasso del sistema sovietico a livello puramente economico.
Questa fu allora la più grande operazione della CIA mai realizzata. Per ogni dollaro che gli Stati Uniti hanno dato ai ribelli afghani e arabi (quelli che poi sono diventati Al-Qaeda), i sauditi hanno dato un dollaro. Si trattava di una campagna americano-saudita volta a rovesciare il regime di Kabul e affamare il regime di Mosca.

Dal 1984, Casey portò la guerra nella stessa Unione Sovietica, con gli islamici sostenuti dagli Stati Uniti e dall’Arabia Saudita che combatterono in Uzbekistan, Tagikistan e nel Caucaso. Allo stesso tempo, Casey ha convinto il re saudita ad aumentare la produzione di petrolio per abbassare radicalmente il prezzo del petrolio, che a sua volta avrebbe sottratto la maggior parte delle entrate a Mosca. Mosca ha finanziato le sue operazioni principalmente con petrolio e gas. Abbassando i prezzi del petrolio, Mosca ha perso entrate significative. L'idea di Casey era una tattica di fame.

Manifestazioni violente

Esattamente la stessa la politica viene attuata oggi. Gli Stati Uniti si sono alleati con le forze critiche verso il regime nell’Ucraina occidentale per destabilizzare il regime filo-moscovita di Yanukovich a Kiev. Violente manifestazioni hanno costretto il presidente Viktor Yanukovich alla fuga. Il suo regime è stato sostituito da un regime altrettanto corrotto dell’Ucraina occidentale. Gli Stati Uniti hanno sostenuto il cambio di regime a Kiev a caro prezzo per Mosca, che si è vista costretta a sostenere i russofoni nell’Ucraina orientale. Le sanzioni hanno peggiorato la già debole economia. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sono riusciti a convincere l’Arabia Saudita ad abbassare il prezzo del petrolio, così che Mosca perdesse le sue entrate derivanti dal petrolio e dal gas. Alcuni stati dell’OPEC, come il Venezuela, volevano tagliare la produzione di petrolio per mantenere alto il prezzo, ma i sauditi rifiutarono. Il prezzo stava scendendo. Proprio come negli anni ’1980, gli Stati Uniti e i Sauditi stanno ora cercando di far morire di fame Mosca, mentre conducono sofisticate campagne di inganno contro Mosca. Il tutto appare quasi come una copia parodica della politica degli anni '1980, descritta anche nel già citato documentario ARTE.

Sottomarini nell'arcipelago svedese

Proprio come negli anni ’1980, nell’arcipelago svedese cominciarono ad apparire i sottomarini. Questi sottomarini venivano gestiti in modo del tutto irrazionale. Hanno mostrato periscopi o torrette in aree densamente popolate: un sottomarino non dovrebbe farlo. Tuttavia i giornali scrissero subito che dovevano essere sottomarini russi, perché chi altro ci sarebbe dietro?
Negli anni ’1980 molti svedesi credevano in una minaccia immediata da parte di Mosca. All'epoca questi sottomarini comparivano quasi ovunque, anche all'interno delle basi navali svedesi e nel porto di Stoccolma. Nel 1980, meno del 10% degli svedesi credeva che Mosca rappresentasse una minaccia diretta, mentre la cifra corrispondente era salita al 42% nel 1983. Nel 1980, meno del 30% degli svedesi credeva che Mosca rappresentasse una minaccia o fosse ostile alla Svezia. mentre questa cifra era salita all'83% nel 1983. Dopo tre anni di sottomarini nelle acque svedesi, la Svezia era diventata un paese diverso.

Quello sovietico il leader Juri Andropov disse nel 1983 che gli svedesi avrebbero dovuto affondare questi sottomarini, in modo che potessero vedere da soli chi li aveva effettivamente violati. Da allora Olof Palme e Ingvar Carlsson non hanno più puntato su Mosca, nonostante le affermazioni dei giornali. Solo nel 2000, il Segretario alla Difesa americano degli anni '1980, Caspar Weinberger, e l'ex ministro della Marina britannico, Keith Speed, ci dissero di aver utilizzato spesso e regolarmente sottomarini nelle acque svedesi per testare la prontezza della difesa svedese. Alcuni ufficiali della parte svedese furono informati, mentre i media e il governo svedese credettero che si trattasse di sottomarini russi. Dal 2001, documenti top secret declassati potevano dimostrare che l'intelligence svedese non aveva prove dell'esistenza di sottomarini sovietici. Si è scoperto che potrebbero esserci stati due diversi tipi di piccole imbarcazioni occidentali trasportate nelle acque svedesi. Il segretario americano della Marina John Lehman ha detto che la decisione è stata presa dal capo della CIA Bill Casey e dal suo comitato, mentre alti funzionari politici e della CIA mi hanno detto che la pianificazione è stata fatta dal National Underwater Reconnaissance Office (NURO) sotto John Lehman.

Il Palme perde credibilità

Quindi sottomarini e piccole imbarcazioni furono esposte nell'arcipelago svedese, il primo ministro svedese Olof Palme perse ogni credibilità. Aveva tentato un dialogo con Mosca e aveva cercato di raggiungere una distensione europea, ma quando gli svedesi credevano che fossero stati i sottomarini sovietici a violare l'integrità territoriale della Svezia in uno stato in guerra, non c'era più spazio per questa politica.

La crisi in Ucraina, così come quella dei sottomarini nelle acque svedesi, sono diventate una conferma che "i russi stanno arrivando".

Non c’era più spazio per una politica di distensione – e la stessa cosa è successa nel 2014. I media svedesi hanno scritto di “sottomarini russi” che violavano il territorio svedese, senza che nessuno nel governo svedese puntasse il dito sulla Russia. I "sottomarini russi" dei media sono stati confermati da voci britanniche e americane, che parlavano tutte di "russi". La crisi in Ucraina, così come quella dei sottomarini nelle acque svedesi, sono diventate una conferma che "i russi stanno arrivando". Siamo diventati tutti parte del "grande noi occidentale" (leggi: "il noi anglo-americano"). Una politica nazionale svedese divenne difficile da attuare.

Ma già negli anni ’1980 la flotta americana era superiore a quella russa. Il ministro della Marina Lehman ha detto ad ARTE che sia la parte americana che quella russa si aspettavano che gli Stati Uniti potessero eliminare la flotta settentrionale russa in una settimana – e la flotta baltica era solo una sorella minore con circa 40 sottomarini. Oggi la flotta del Baltico ha solo due sottomarini e la provenienza dei sottomarini nell’arcipelago svedese è un mistero. La minaccia russa descritta oggi è patetica. Nel 2010, il Segretario alla Difesa americano Robert Gates ha affermato che la Marina degli Stati Uniti "ha una capacità maggiore rispetto alle marine delle seguenti 13 nazioni messe insieme, e di quelle nazioni siamo alleati o partner di 11". Secondo l’istituto svedese di ricerca sulla pace SIPRI, gli Stati Uniti rappresentano oltre il 33% del bilancio mondiale per la difesa, mentre la Russia circa il 5%. Leggendo i giornali si ha l'impressione che questi dati siano esattamente l'opposto.
Bisogna chiedersi: perché i media anglo-americani parlano di una minaccia russa?
Quando i sottomarini sono apparsi nelle acque svedesi, i media hanno immediatamente puntato il dito contro Mosca. Perché pensi di sapere qualcosa che non sai? È forse la questione del “discorso dominante” a rendere ovvia la designazione? Oppure ci sono individui nel sistema che agiscono consapevolmente per affermare queste idee, proprio come negli anni ’1980? Forse alcuni credono che le disastrose guerre in Afghanistan, Iraq e Libia abbiano reso necessaria la ricerca di un nuovo nemico, un nemico contro cui indirizzare le nostre forze e che possa aiutarci a dimenticare oltre dieci anni di guerre fallite. Ma perché utilizzare esattamente la stessa ricetta degli anni ’1980?

L'idea dietro questa politica negli anni ’1980 mirava a schiacciare il sistema sovietico. Faceva parte della "strategia di vittoria" dell'allora presidente Ronald Reagan ed è stata avanzata dal capo della CIA William Casey. Ma che tipo di pensiero si nasconde oggi dietro la stessa politica? Sembra che la CIA abbia esaurito le idee e stia solo leggendo il vecchio ricettario strategico della Guerra Fredda. O forse pensano che ci sia un certo valore umoristico nel fare esattamente la stessa cosa, ingannando ancora una volta la gente in Europa.


Tunander è un professore di ricerca presso l'Institute for Peace Research (PRIO).

Ola Tunder
Ola Tunander
Tunander è professore emerito del PRIO. Guarda anche wikipedia, a PRIMA, oltre a una bibliografia su Pietra d'acqua

Potrebbe piacerti anche