Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Politico o dispotico?


Filosofia politica del buon senso. Fascia 2
Moralità e società: Immanuel Kant
Forfatter: Oskar Negt
Forlag: Steidl (Tyskland)

FILOSOFIA: Oskar Negt chiede come sia nato il moderno cittadino politico sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.

Poi l'americano Congresso è stato preso d'assalto dai sostenitori di Trump il 6 gennaio di quest'anno, un segno apparentemente "politico" è scivolato nell'azionismo apolitico a prima vista. Era davvero "politico"? La stessa domanda può essere posta sulla descrizione dei media dei sostenitori come "manifestanti". Per un manifestante, viene pronunciato un messaggio: la violenza, d'altra parte, è stupida. Riunirsi durante l'invocazione del diritto di manifestare, e poi attaccare proprio il pilastro democratico, la costituzione che per prima legittima tale diritto, è una contraddizione in termini. La politica è precisamente definita dalla gestione degli affari comuni e deve e non può essere caratterizzata politica dell'identità.

Sulla scia dell'apatia politica, spesso citata, di ampie fasce della popolazione, può sembrare che gli affetti psicologici individuali e le motivazioni identitarie inquinino un governo razionale. politico discorso.

Politica filosofica sociale

Tali domande sull'autocomprensione democratica, le tendenze rivoluzionarie, la pubblicità borghese, il cambiamento sociale e la violenza politica sono poste anche nel libro di Oskar Negts (nato nel 1934) su Immanuel Kant: Filosofia politica del buon senso. Volume 2, Moralità e società: Immanuel Kant ("La filosofia politica del buon senso. Volume 2, Moralità e società: Immanuel Kant").

Mentre la violenza senza libertà e leggi è barbara, una repubblica democratica è definita con precisione
attraverso la combinazione di libertà e violenza statutaria "di stato".

Negt ha studiato con Horkheimer e Adorno e ha anche avuto una collaborazione pluriennale con Habermas. È uno dei principali filosofi sociali tedeschi ed è considerato uno dei più importanti rappresentanti viventi della Scuola di Francoforte e della cosiddetta teoria critica dei giovani.

- annuncio pubblicitario -

Il libro raccoglie conferenze tenute in due semestri tra il 1974 e il 1975, sulla filosofia trascendentale di Immanuel Kant in un contesto filosofico e politico sociale, spesso in dialogo con Marx e Hegel. Per Negt, Kant è il filosofo politico per eccellenza, il cui pensiero ha plasmato in modo decisivo l'autocomprensione borghese. È precisamente la comprensione di Kant di un pubblico borghese ragionevolmente costituito, senso di comunità e libertà che Negt si sforza di riattivare in una reinterpretazione marxista – che in molti modi enfatizza Negt come socialdemocratico di sinistra, nella tradizione del movimento operaio europeo.

Un filo conduttore delle lezioni – in stretto dialogo con Kant – è la questione di come il cittadino politico moderno (il cittadino) sia nato sulla scia della Rivoluzione francese
- come ha trovato la sua autocomprensione umanistica. Centrale qui è l'uso da parte di Kant del termine Gemeinsinn (lat. Sensus comunis) – che può essere tradotto in qualcosa come "senso di comunità" o "buon senso": questo senso comune è generalmente ragionevole nel suo sostegno di massime e leggi universali, come esso – secondo Negt – «Non limita le libertà dell'individuo. Quella che prima era ostinazione deve diventare senso di comunità, così si potrebbe formulare la filosofia pratica di Kant ».

Una rivoluzione interiore del modo di pensare

La seconda serie di conferenze del libro inizia proprio con la derivazione dell'inizio di questo pubblico borghese esaminando come Kant sullo sfondo degli effetti a catena della rivoluzione francese si stabilisce una prova della moralità generale, data a priori dell'uomo. Non solo nel libro di Kant Critica del giudizio (1790, norvegese 1995), ma anche in La disputa delle facoltà (1797, "La lotta delle facoltà"), Kant si occupa della questione se si possa parlare di progresso storico, non da ultimo in senso morale.

Quindi la moralità umana è qualcosa che si trova in un processo di sviluppo liberatorio? Kant comprende le disposizioni e le capacità morali dell'uomo come date a priori, ma solo come potenziale, cioè come opportunità, che può – ma non deve – essere espressa. Per arrivare a questo, sottolinea Negt, Kant compie un'interessante svolta argomentativa: invece di rivolgere la sua attenzione teorica agli eventi effettivi ed empirici della rivoluzione, Kant rivolge il suo sguardo agli "spettatori" della rivoluzione nella Prussia sicura, quanti ... compreso se stesso – entusiasta solidarietà con gli eventi in Francia.

Questi, contrariamente ai potenziali interessi di potere dei rivoluzionari, non hanno interessi personali immediati nella rivoluzione, ma tuttavia esprimono – ea rischio di rappresaglie – il loro sostegno ad essa. Proprio queste reazioni alla rivoluzione indicano per Kant l'esistenza di una disposizione morale data a priori nell'uomo, che vuole precisamente il bene universale per tutta l'umanità, piuttosto che coltivare interessi puramente egoistici.

Negt interpreta le azioni della RAF non come azioni politiche, ma come azioni di disperazione psicologica soggettiva.

La vera rivoluzione è per Kant – secondo Negt – non il cambiamento di forme esterne di stato, ma piuttosto una rivoluzione interna di il modo di pensare. La rivoluzione empirica e attuale in Francia è solo un segno esteriore della fondamentale libertà trascendentale dell'uomo razionale e autodeterminato. Quindi non è la causa, ma l'indicazione di uno sviluppo morale: di fronte alla rivoluzione francese, il moderno cittadino, che in linea di principio si è liberata dagli interessi materiali e rappresenta solo gli interessi dell'umanità in generale, avanti.

Per Negt, questi processi sono caratterizzati dal fatto che non sono creati attraverso un'azione esterna. Certo, i cambiamenti nella coscienza possono essere avviati di fronte ad azioni esterne, ma queste ultime non devono necessariamente essere morali, poiché possono anche essere arbitrarie o controllate dall'interesse personale. Solo la massima di controllo dell'azione che è potenzialmente universale costituisce la moralità di un'azione, e quindi il progresso morale. La massima morale universale – e il diritto dell'umanità universale alla libertà e all'umanità – provoca entusiasmo in quanto moderno civile il soggetto cresce fuori.

 Terrorismo «politico» e Rote Armee Faction

Interessante nel contesto più attuale della tempesta congressuale americana è la conferenza del 14 novembre 1974, in cui Negt risponde alle dichiarazioni di solidarietà di molti dei suoi studenti con il gruppo terroristico radicale di sinistra Fazione dell'Armata Rossa (RAF). Quattro giorni prima, i suoi membri avevano ucciso il giudice Günter von Drenkmann in risposta alla morte del membro della RAF Holger Mein – per protestare contro le apparentemente pessime condizioni di prigionia, era andato in sciopero della fame.

Nella conferenza, Negt nega che la RAF possa stare nella tradizione del movimento operaio europeo, in quanto quest'ultimo non ha mai cercato di distruggere la concezione borghese e repubblicana della libertà. La libertà borghese "limitata" doveva essere introdotta nei processi di liberazione del movimento operaio – verso un sistema caratterizzato da più uguaglianza e libertà umane. La difesa delle libertà repubblicane e democratiche è proprio una componente fondamentale del movimento operaio. Secondo Negt, il potenziale cambiamento politico effettivo non può mai essere raggiunto uscendo dallo spazio di espressione democratico e facendo invece spazio ad azioni violente dal sottosuolo.

Per Negt, Kant è il filosofo politico per eccellenza.

Kant promuove un concetto positivo di violenza che anticipa lo stato moderno monopolio violento, delineando schematicamente le possibilità di combinazione di violenza, libertà e leggi. Mentre la violenza senza libertà e leggi è barbara, una repubblica democratica è definita precisamente attraverso la combinazione di libertà e violenza statutaria, "di stato": l'uomo, con certi precetti morali naturali, non può diventare "umano" senza "violenza", cioè ". violenza "» Di una restrizione e regolamentazione attraverso leggi generali e massimizzare. La ragione struttura la violenza, laddove la violenza pre-democratica e dispotica è diventata superflua.

In questo senso, Negt interpreta le azioni della RAF non come azioni politiche, ma come azioni disperate psicologiche soggettive. Lo fa, tra le altre cose, riferendosi a Frantz giogaias La Terra è condannata (I miserabili della terra, 1961 [pubblicato in norvegese nel 1967]), che delinea la tendenza fanatica in cui i gruppi di opposizione e gli individui avviano azioni che creano fatti e divisioni evidenti, ma rendono impossibile tornare alla società borghese – anche se lo volessero. In questo contesto, è possibile tracciare dei paralleli Rudy Il discorso di Giuliani ai sostenitori di Trump che successivamente avrebbero preso d'assalto il Congresso, in cui in un appello cospiratorio per frode elettorale ha esortato le masse a "duellare", in conformità con i post circolanti su alt-destra forum online che ora dovevano "combattere o morire" per il loro paese.

Tendenze cripto-fasciste

Negt ritiene che questa errata convinzione che possa esserci una violenza politica legittima sia profondamente problematica. La "violenza" veramente rivoluzionaria – nel vero senso politico, cioè il potere del cambiamento – deve, secondo Negt, essere sopportata dalla classe lavoratrice e perpetrata all'interno del sistema democratico, attraverso scioperi, opposizione politica in un "contro-pubblico". ", come resistenza agli errori sistemici e alle ingiustizie, se si vuole portare a un effettivo cambiamento politico.

La domanda è se si possa parlare di progresso storico.

Negt sottolinea anche come il potere esecutivo nella Repubblica di Weimar, ad esempio, fosse ancora in una certa misura caratterizzato da strutture di potere feudale, con una maggioranza di aristocratici nelle forze di polizia, cosicché era caratterizzato da elementi borghesi "dispotici". In questo contesto, si può considerare se il potere esecutivo fino ad oggi sia ancora caratterizzato da tendenze non borghesi, persino cripto-fasciste – ad esempio, è sorprendente che molti dei sostenitori di Trump che hanno preso d'assalto il Congresso fossero poliziotti fuori servizio da molti stati.

Si può quindi concludere che un simile esercizio di violenza "politica" – sia da parte della RAF o del movimento di alt-right – commette nel senso kantiano il peccato filosoficamente peggiore di impegnarsi in contraddizioni usando mezzi come distruggere gli obiettivi. Una conclusione più spaventosa, tuttavia, è che il loro obiettivo non è precisamente una società più libera e democratica, ma piuttosto una regressione a una società dispotica e barbara. Ma la politica non ha niente a che fare con la politica.

Lukas Lehner
Scrittore freelance.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Ultimi articoli

Giornalismo / Il giornalista di scavo Seymour Hersh – un modelloTra i migliori, regna il giornalista americano Seymour Hersh (83). È annerito sia sul fianco destro che su quello sinistro, ma non si pente di nulla.
Notifica / Il governo non ha rafforzato la protezione degli informatoriIl governo non ha dato seguito alla proposta del comitato di notifica, né al proprio difensore civico per le notifiche né al proprio comitato di notifica.
Finanza / Socialismo nordico – Verso un'economia democratica (di Pelle Dragsted)Dragsted ha una serie di suggerimenti su come i dipendenti possono ottenere una quota maggiore della "torta della comunità" – ad es. chiudendoli nelle stanze dei dirigenti aziendali.
Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite / Segreti ufficiali (di Gavin Hood)Katharine Gun ha fatto trapelare informazioni sulla richiesta della NSA al servizio di intelligence britannico GCHQ di spiare i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in relazione alla prevista invasione dell'Iraq.
3 libri sull'ecologia / I gilet gialli hanno il pavimento, ... (di Mads Christoffersen, ...)Dai Gilet Gialli vennero nuove forme di organizzazione all'interno delle funzioni di produzione, alloggio e consumo. E con "Decrescita", a partire da azioni molto semplici come la protezione dell'acqua, dell'aria e del suolo. E il locale?
Società / Crollo (di Carlos Taibo)Ci sono molte indicazioni che si avvicina un crollo definitivo. Per molte persone il crollo è già un dato di fatto.
Chic radicale / Desiderio postcapitalista: le lezioni finali (di Mark Fisher (ed.) Introduzione di Matt Colquhoun)Se la sinistra vuole diventare di nuovo dominante, deve, secondo Mark Fisher, abbracciare i desideri che sono emersi sotto il capitalismo, non solo respingerli. La sinistra dovrebbe coltivare tecnologia, automazione, giornata lavorativa ridotta ed espressioni estetiche popolari come la moda.
Clima / 70 / 30 (di Phie Amb)Il film di apertura al Copenhagen DOX: i giovani hanno influenzato le scelte climatiche della politica, ma Ida Auken è il punto focale più importante del film.
Saggio / Ero completamente fuori dal mondoL'autrice Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale porta, tra le altre cose, al cervello che non è in grado di smorzare impressioni ed emozioni.
Prio / Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricercaMolti di coloro che mettono in dubbio la legittimità delle guerre statunitensi sembrano subire pressioni dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Istituto per la ricerca sulla pace (PRIO), che ha avuto ricercatori che sono stati storicamente critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che a malapena sono appartenuti agli amici intimi delle armi nucleari.
Spagna / La Spagna è uno stato terrorista?Il paese riceve aspre critiche internazionali per l'ampio uso della tortura da parte della polizia e della guardia civile, che non viene mai perseguito. I ribelli del regime sono imprigionati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.
Covid19 / Vaccino coercitivo all'ombra della crisi della corona (di Trond Skaftnesmo)Non c'è un vero scetticismo da parte del settore pubblico sul vaccino coronarico: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive riguardo al vaccino. Ma l'abbraccio del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?
Militare / I comandanti militari volevano annientare l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si mise in mezzoCi concentriamo sul pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà completata da una guerra biologica?
Bjørneboe / NostalgiaIn questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno conosciuto di suo padre.
Blocco a Y / Arrestato e messo su cella liscia per blocco Y.Ieri sono stati portati via cinque manifestanti, tra cui Ellen de Vibe, ex direttore dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y finì in contenitori.
Tangen / Un ragazzo cesto perdonato, raffinato e untoL'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.
Ambiente / Il pianeta degli umani (di Jeff Gibbs)Per molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.
Mike Davis / La pandemia creerà un nuovo ordine mondialeSecondo l'attivista e storico Mike Davis, i bacini selvatici, come i pipistrelli, contengono fino a 400 tipi di coronavirus che stanno solo aspettando di diffondersi ad altri animali e umani.
Unità / Newtopia (di Audun Amundsen)L'aspettativa di un paradiso libero dai progressi moderni è diventata l'opposto, ma soprattutto Newtopia riguarda due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.
Anoressia / AUTORITRATTO (di Margreth Olin, ...)spudorato usa il corpo torturato di Lene Marie Fossen come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel documentario AUTORITRATTO e nella mostra Gatekeeper.