Poetico e politico

Dove abbiamo effettivamente il regista Gus Van Sant? In effetti, non è facile dirlo, ma probabilmente ho già affrontato una delle qualità di questo regista che lo rende ancora un nome eccitante e un uomo che può permettersi di inventare qualsiasi cosa.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Questo è l'uomo che si è assicurato lo status di cult iniziale attraverso film come Drugstore Cowboy (1989) e Il mio Idaho privato (1991), che potrebbe aver raggiunto un picco provvisorio con Nicole Kidman in Da morire (1995), che è stato commercializzato con Will Hunting Buona (1997) e Scoprendo Forrester (2000) e che non da ultimo hanno lasciato grandi punti interrogativi dopo un remake di Hitchcocks Psycho (1998) che era solo una ricostruzione immagine per immagine nel senso più letterale. Quel che è almeno certo è che la sua carriera sia all'interno che in gran parte al di fuori del film mainstream americano ha assunto una curva leggermente in calo negli ultimi anni. Questo prima che apparisse al festival di Cannes di quest'anno con il film Elefante, in realtà realizzato come film TV per la compagnia televisiva americana HBO, e con esso ha fatto qualcosa di inaudito come vincere i premi sia per il miglior film che per la migliore regia.

Comune a quasi tutti i film di Van Sant è che ritraggono giovani che sono ai margini della società. Sono spesso uomini che in un modo o nell'altro non si adattano o non vogliono essere messi sotto pressione all'interno delle norme che la società definisce come ideali. Un problema simile può essere visto in Elefante dove il regista, attraverso uno stile simpatico osservatore e quasi documentaristico, ci pone come testimoni di un massacro di scuola superiore ispirato alla Colombina dove due ragazzini un giorno appaiono improvvisamente a scuola armati fino ai denti e iniziano a sparare intorno a loro. Ovviamente è naturale lasciare che i pensieri volino in direzione di Michael Moores Bowling for Columbine che era solo una specie di documentario su questo argomento, ma d'altra parte va detto subito Elefante forse il più lontano possibile dal giornalismo di Moore. Perché dove Moore è davvero un elefante nella rivista di vetro e fa oscillare allegramente il club degli arbitri sugli Stati Uniti conservatori con sarcasmo e umorismo, lo sperimentiamo con Elefante un film che non vuole risposte e giudizi chiari. Quasi non si pone qui una domanda, e il film trae consapevolmente la sua forza dal rifiuto di lanciare soluzioni chiare che in ogni caso spesso non sono all'altezza e quindi potrebbero drenare emotivamente la materia.

Il genio di Gus Van Sant sta nella telecamera di osservazione e nella clip. Con questo, crea un'atmosfera poetica tranquilla che in molti modi sostituisce sia i personaggi che l'azione guidata dai personaggi. Perseguiamo studenti diversi attraverso la scuola nelle loro faccende quotidiane e irrilevanti. Alla fine vediamo le stesse scene da prospettive diverse e lentamente ci rendiamo conto che ciò che vediamo è una documentazione degli ultimi minuti di una serie di vite prima che cambino per sempre o finiscano. Elefante è un film che spicca quasi come pura regia. Con la psicologia dei personaggi e le curve drammatiche strappate, van Sant ha perso il film convenzionale per i suoi tratti più caratteristici e si è ritrovato con un prodotto che è tanto più forte e più drammatico proprio perché il pubblico è stato derubato dei materassini che la narrazione convenzionale le prese sono diventate. Si può dire in molti modi che Gus van Sant restituisce l'autorità sulla propria vita emotiva e di pensiero a un pubblico che di solito ha impresso dottrinalmente tutte le emozioni dallo schermo e dagli altoparlanti.

Ovviamente, questo non significa che il film appaia privo di atteggiamenti o indifferenti. Anzi Elefante un film molto politico che fa emergere precisamente le caratteristiche assurde della società americana, lasciandole non commentate come parte della rappresentazione distante. Pertanto, i media americani si sono affrettati a criticare anche la giuria di Cannes per aver agito politicamente applaudendo un film antiamericano ai prezzi più alti.

- annuncio pubblicitario -
- annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?