Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Poeta, inserisci il tuo tempo

Juliana Spahr ha abbandonato la voce del poeta dello spettatore a favore di quella dell'attivista. Ma lei è ancora soprattutto una poetessa delle relazioni.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Giuliana Spahr. Quell'inverno venne il lupo. Edizioni comunali, 2015

"Il comune", scrive Il Comitato Invisibile in Nos amisO Ai nostri amici, come è stata chiamata l'edizione svedese di Tankekraft förlag, "è quindi il patto per confrontarsi insieme con il mondo […] è una connessione sociale e un modo di stare al mondo.” Non ci sono persone preesistenti che creano la ribellione, affermano. È la ribellione che crea un popolo, perché fa nascere "un'intelligenza e un'esperienza comuni, il tessuto umano e il linguaggio della vita reale che è andato perduto". L'evento stesso si svolge negli incontri a cui porta la rivolta, "[m]ötet är meno spettacolare di 'rörelsen' o 'revolutionen', ma considerevolmente più decisivo. Nessuno può sapere a cosa può portare un incontro".

Poetica resistenza. Da gennaio ad aprile 2014, sul sito di poesia americano Jacket2, si potevano leggere una serie di post che erano tutti firmati collettivamente Commune Editions. I redattori, Joshua Clover, Jasper Bernes e Juliana Spahr, si sono descritti come un'amicizia formata in lotte, anche durante Occupy Oakland, dove "coloro che si sono dedicati alla poesia e coloro che si sono dedicati alla resistenza politica militante sono diventati sempre più intricati e alla fine si è rivelato lo stesso". L'editore doveva pubblicare questa poesia, e metterla in relazione con poesie di altri tempi e luoghi dove "la politicizzazione della poesia e la partecipazione dei poeti a piccole e grandi ribellioni era ed è la convenzione".
Dopo più di cento anni di esperimenti sovversivi e antipoetici, questi fanno ora parte della cassetta degli attrezzi della poesia delle tecniche convenzionali; "ci sono app per questo".
I tre redattori si sono dati da fare. Nel primo post, sostenevano che, poiché il ruolo del poeta come lo conosciamo scaturisce da società alfabetizzate con una chiara divisione del lavoro, e dove il poeta appartiene alla stessa classe del guerriero e del prete, allora il poeta e la vocazione della poesia è quella di abolire se stessa: "Così la poesia si allea con quella classe il cui compito storico è quello di abolire tutte le classi, compresa se stessa". Le affermazioni sono state moderate, o meglio fondate sulla realtà, nei post successivi. I redattori hanno ammesso di avere poche risposte su ciò che una strategia rivoluzionaria comporta per la poesia qui e ora. Né il gesto d’avanguardia né le tecniche concettuali basteranno. Dopo più di cento anni di esperimenti sovversivi e antipoetici, questi appartengono ora alla cassetta degli attrezzi delle tecniche convenzionali della poesia; "ci sono app per questo". Durante l’inverno, il progetto sembrava piuttosto pragmatico a favore della poesia (e dell’arte). Si trattava di stare dalla parte della ribellione, di partecipare e forse di "svolgere un ruolo che ricorda quello di Atene cani antisommossa, un compagno di battaglie e manifestazioni il cui contributo è in definitiva subordinato, che rappresenta un'ispirazione e può essere in grado di distrarre il nemico di tanto in tanto, ma che non può fare molto per cambiare gli equilibri di potere".

Scritti di combattimento. Nell'aprile di quest'anno, l'editore ha lanciato il primo libro, Red Epic di Joshua Clover (una delle poesie del libro potrebbe essere letta qui sul giornale il 1 aprile), e in giugno è arrivato Noi non siamo niente e anche tu puoi farlo di Jasper Bernes (il titolo è preso da un graffito all'esterno di una gioielleria saccheggiata a Santa Cruz e suona su una battuta di The International, "Nous ne sommes rien, soyons tout!", che significa qualcosa come "Non siamo niente, e dobbiamo diventare qualunque cosa!"). La somiglianza più sorprendente tra i libri è il modo in cui gli scontri con la polizia e il cameratismo durante le manifestazioni e le occupazioni degli ultimi anni sono stati inscritti nella visione del mondo degli autori. I libri sono scritti nella lotta e per essere parte della lotta ulteriore.

[La soluzione di Spahr] è stata spesso costituita da passaggi che riflettono sulla posizione privilegiata di affermazione dell'autore – una strategia che può rapidamente apparire come un esercizio di penitenza obbligatorio che rafforza la distanza.

Lo stesso vale per il libro di Juliana Spahr Quell'inverno arrivò il lupo, lanciato il 30 agosto. Il libro descrive, tra le altre cose, la migrazione degli uccelli, l'estrazione del petrolio, i prezzi del petrolio, l'inquinamento e la cura dei bambini da parte dei genitori, ma con gli incontri nei campi durante Occupy e durante gli scontri con la polizia come ritornello sempre ricorrente. Il metodo inconfondibile dei libri precedenti è lo stesso: una ricchezza di frasi referenziali, collegate insieme in varie costellazioni in poesie lunghe, insistenti, basate su frasi, uno stile a metà tra Gertrude Stein e Inger Christensen, forse. Spahr si è sempre occupato dell'influenza reciproca e della dipendenza di diverse forme di vita e, naturalmente, anche dell'antagonismo, talvolta pericoloso per la vita, tra queste forme di vita. Che si tratti della piramide umana della rogna circense, o del rapporto tra nativi e padroni coloniali alle Hawaii i Vaffanculo, aloha, ti amo (2001); L'11 settembre e l'escalation della guerra in Iraq Questa connessione di tutti con i polmoni (2005), dove una cacafonia di affermazioni si collega in un discorso agli "amati" senza nome, o alla società di classe americana e globale, che è uno dei fili conduttori di Bene allora lì adesso (2011). Inoltre, è stata coinvolta in una vasta gamma di progetti editoriali e di scrittura collaborativa, di cui la rivista ed editore Chain, che ha curato insieme a Jena Osman, è probabilmente la più importante. La rivista, che è stata pubblicata annualmente dal 1994 al 2005, prevedeva come regola generale che i contributi fossero sempre stampati in ordine alfabetico. I redattori hanno voluto innanzitutto creare un luogo d'incontro tra diverse pratiche di scrittura e controllare il meno possibile la lettura dei testi. Spahr è uno il poeta e curatore di relazioni in senso lato.

Contraddizioni interne. Nell'ultimo numero di Monsieur Antipyrine, Mikkel Bolt si chiede se l'allontanamento dell'arte dalla critica istituzionale e verso azioni relazionali e attiviste negli ultimi anni sia davvero un'inversione dell'intento delle avanguardie storiche di cambiare la società: "Il tentativo dell'avanguardia di abolire e dare all'arte una nuova funzione nella vita quotidiana come parte di una trasformazione globale della società è stato così paradossalmente invertito, così che ora è apparentemente l'arte ad occupare sempre più ambiti della vita, senza che la vita si trasformi per questo motivo. » L'affermazione non è immediatamente applicabile alla poesia, ma nel caso di Spahr ha un certo valore di trasferimento. Nonostante tutte le buone intenzioni e le ovvie qualità (io stesso ho contribuito a pubblicare i suoi testi in Norvegia e ne tengo molto la paternità), c'è qualcosa di problematico nel permettere che forme di vita eterogenee siano iscritte in una sintassi omogeneizzante, almeno quando la pretesa immanente nei testi è che tutte le forme di vita sono in linea di principio uguali. IN alfabeto Inger Christensen ha risolto un problema simile introducendo deviazioni automutanti nel sistema in cui scriveva, in modo che il sistema arrivasse a controllare lo sviluppo del testo nella stessa misura dell'autore. Nel flusso coinvolgente di Spahr, la soluzione è stata spesso costituita da passaggi che riflettono sulla posizione privilegiata dell'autore nel parlare – una strategia che può rapidamente apparire come un esercizio di penitenza obbligatorio che rafforza la distanza. Non sono mai stato del tutto sicuro se questa contraddizione interna fosse voluta da Spahr o se la sintassi dovesse superarla. Non è un dato di fatto che ci sia una cattiva qualità in questi libri.
Durante la lettura di Quell'inverno arrivò il lupo tuttavia, penso che il libro mostri un rapporto più chiarito con la contraddizione interna nel suo stile di scrittura. Ci sono due ragioni in particolare per questo. Il primo è quasi lirico: con le esperienze delle lotte prima, durante e dopo Occupy, il sé in questi libri si trova ora al centro degli eventi che descrive. L'io si confronta con il mondo in una comunità che comprende molto di più di chi è solito scrivere e leggere poesia, non parla solo come poeta. La seconda ragione ha a che fare con la fondazione dell'editore e con l'approccio pragmatico dell'editore nel lavorare politicamente con la poesia, che pone la poesia allo stesso livello di qualsiasi altra attività che si schiera dalla parte dello sconvolgimento sociale. Mi sembra di vedere che ha trasformato Juliana Spahr come poetessa ed editrice dall'essere principalmente un'osservatrice alla partecipazione in un contesto storico specifico.


paalbjelke@gmail.com

Potrebbe piacerti anche