L'età delle piattaforme


MEDIA: L'autore Geert Lovink analizza l'uso contemporaneo dei social media e osserva una possibile fine del "nichilismo della piattaforma".

Zajc è uno scrittore di media, ricercatore e critico cinematografico. Vive e lavora in Slovenia, Italia e Africa.
E-mail: melita.zajc@gmail.com
Pubblicato: 2019-11-01
Sad by Design: sulla piattaforma nichilismo
Autore: Geert Lovink
Pluto Press, Regno Unito

Il titolo lo dice di più. Ed è un libro amaro, questo. Scritti in uno stile saggistico, con narrazione di sé, discutiamo delle cose che tutti riconosciamo dalla vita quotidiana da quando i social media sono diventati il ​​nostro intero mondo. Le analisi comportamentali e le notizie false sono argomenti importanti, ma ci sono anche altri cambiamenti meno visibili che si fanno conoscere: poco chiari
confini tra lavoro e privacy, incertezza creata dalla costante accessibilità, il divario paradossale tra il soggetto iperindividualizzato e la mentalità sociale dei media, la pressione per vivere una vita prevedibile, una classifica sociale costante, gerarchie espanse ma invisibili, indifferenza, odio.

Nonostante il tono amaro, è un piacere leggere il libro. Perché non è solo osservativo; dà ai temi un contesto più ampio e li colloca in un contesto storico. Prendi, ad esempio, l'hype attorno ai big data e all'intelligenza artificiale: siamo colpiti dalla conoscenza che possiamo acquisire analizzando grandi quantità di informazioni, mentre allo stesso tempo sappiamo che questo significa raccogliere informazioni su di noi, che a loro volta ci preoccupano. L'autore Geert Lovink pone queste preoccupazioni nel contesto dell'opposizione al censimento dei Paesi Bassi negli anni '1970 e al movimento di protesta tedesco nel 1983. «Questi oppositori semplicemente non hanno accettato questa grande raccolta di dati personali sull'identità personale, che includeva la religione, la posizione politica e il background etnico dell'identificato »(P. 88). Spiega in dettaglio e in dettaglio come l'attenzione di oggi sull'interfaccia utente del computer si oppone al suo scopo originale e quindi il fatto che statistiche e computer hanno un'origine comune nell'ampio uso della tecnologia delle carte di timbratura di IBM, creata dai nazisti per coordinare il lavoro forzato e utilizzata svolgere l'Olocausto quando parlavano sistematicamente e sceglievano ebrei (p. 84).

L'età delle piattaforme

Il computer è stato usato per il controllo della popolazione e il genocidio (p. 79) molto prima che lo acclamassimo con entusiasmo come strumento di liberazione per gli individui e le società (p. 80). La prima volta che ho sentito parlare di Geert Lovink, un teorico, attivista e critico online che "ha fatto uno sforzo per modellare l'evoluzione di Internet", è stato verso la metà degli anni '90. Fu allora che fondò il Nettime internazionale (mailing list), e scrissi un saggio per l'opuscolo che fu pubblicato in connessione con la Conferenza di Nettime di maggio - Beauty and the East, organizzata da Nettime e Ljudmila (Lubiana Digital Media Lab) ...


Caro lettore. Hai già letto i 4 articoli gratuiti del mese. Che ne dici di supportare i TEMPI MODERNI disegnando una corsa online Abbonamento per libero accesso a tutti gli articoli?

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Lascia un commento

(Usiamo Akismet per ridurre lo spam.)