Persone nelle piccole città

USA:  Quali erano le possibilità di rielezione di Trump a novembre? Un ampio lavoro sul campo fornisce informazioni utili sul segmento comunemente percepito come i suoi elettori principali.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, solo il 35% degli elettori delle principali città ha votato per il candidato repubblicano. Nelle enormi periferie, il numero era di 50 e nelle aree rurali ben il 62 per cento ha fatto il segno Trump. L'ultimo gruppo comprende tutti coloro che vivono in città con meno di 25.000 abitanti, e poi ovviamente quelli che vivono effettivamente in campagna. Saranno circa 40 milioni di persone, che quindi partecipano in larga misura al fatto che Trump sia stato eletto. Tra gli osservatori liberali, quindi, ci sono buone ragioni per guardarli con sospetto.

Sono razzisti e nel loro mondo conservatore del bastone, un candidato bianco e maschio sarà sempre preferito. Stanno attraversando un periodo difficile finanziariamente, è un'altra spiegazione popolare, e quindi ricorrono a soluzioni facili, soprattutto se servite in un modo in cui il livello di astrazione non è troppo alto.

La piccola città americana è una comunità morale.

Ma questo è un modo estremamente semplicistico di presentare la realtà americana, afferma Robert Wuthrow. È professore alla Princeton University e ha scritto un piccolo libro che descrive in dettaglio questo segmento di popolazione. Alla base c'è un ampio lavoro sul campo, dove ha visitato oltre un migliaio di queste piccole comunità e condotto montagne di lunghe interviste con le persone sul posto. Sì, sono un popolo con una visione conservatrice della vita e non sono entusiasti degli estranei, ma alla fine non sono significativamente più razzisti o reazionari del popolo americano in quanto tale. In questo modo, Wuthrow ci dà un'idea del modo di pensare sulla prateria e quindi anche un pezzo di comprensione del motivo per cui Trump è stato eletto.

Le frustrazioni

L'autore ha le sue radici personali in una piccola città del Kansas. Ha 600 residenti e il 74% ha votato per Trump. Lui stesso è docente in un'università della Ivy League e ha votato per Hillary Clinton, ma apprezza la sua città natale e gli piace arrivarci. Sottolinea anche che non sta cercando di riciclare nulla, ma ha deciso di sfumare il quadro, e questo è estremamente prezioso.

La piccola città americana è una comunità morale. Non è la parola "moralità" nel suo senso tradizionale, dove include, ad esempio, virtù cristiane conservatrici. La morale sta nel fatto che il singolo cittadino sente una grande responsabilità per la comunità locale. Il grado di volontariato è molto ampio. È nell'aria che dai sempre una mano al vicino e quando la stazione dei vigili del fuoco locale opera con lavoro volontario, crea un orgoglio speciale quando il sistema funziona. E in realtà lo fa in moltissime piccole comunità. Ci sono numerosi esempi di economia interconnessa e tutto funziona, sebbene ci siano anche molte piccole città in cui la fuga della popolazione e il disagio sociale fissano l'agenda.

Ma da dove vengono le frustrazioni che fanno sì che questa parte della popolazione sostenga così massicciamente Trump? La vera spiegazione probabilmente sta nel fatto che la cultura della piccola città è minacciata. In ogni caso è così in molti luoghi il sentimento locale, e può essere qualcosa di banale come la catena di supermercati Walmart che apre una filiale e quindi minaccia i commercianti locali. Sono i grandi affari e la società moderna che stanno spingendo se stessi. Alimenta l'avversione locale per il potere remoto che è principalmente Washington. E quando quel potere diventa impersonale e dominante, va solo storto.

La costituzione

Si percepisce quindi chiaramente che il comportamento degli elettori non riflette tanto l'amore per Trump quanto è diventato un allontanamento da Obama. Questo rappresentava l'élite di Washington, e quando Obama nel 2008 ha affermato che la popolazione rurale "si aggrappa alle armi, alla religione e all'antipatia nei confronti di persone che non sono come loro", aveva già spinto gran parte di questo elettorato ad abbracciare Briscola. E non ha necessariamente a che fare con l'appartenenza al partito di Trump, poiché essere repubblicano non è, ovviamente, un biglietto d'ingresso per la popolazione rurale. Nixon cadde in disgrazia nelle campagne e Bush divenne altamente impopolare a causa della guerra in Iraq. Come scrive Wuthnow, le persone nelle piccole città hanno una lunga memoria, e il grande nome rimane il democratico Theodore Roosevelt, che ha salvato l'agricoltura dalla crisi degli anni '1930.

Per molti versi si tratta di funzioni abbastanza comuni, che ritroviamo naturalmente anche nella politica europea. Eppure viene messo in punta USA. Barack Obama è diventato altamente impopolare nella periferia americana quando ha salvato Wall Street e la General Motors, perché ha portato alla chiusura delle scuole e alle misure di austerità pubblica nelle piccole comunità. E quando Obama ha contemporaneamente rafforzato la legislazione in altre aree e, ad esempio, ha richiesto alle piccole comunità di pagare per la nuova rete fognaria, l'obiettivo era pieno.

Il comportamento degli elettori non riflette tanto l'amore per Trump quanto
è diventato un allontanamento da Obama.

Queste misure sono state considerate da molti locali come incostituzionali, poiché l'amministrazione centrale a Washington ha interferito in alcune questioni locali, dove era richiesto dalla costituzione di interferire ben oltre. È qui che risiede il problema americano. Quaranta milioni di persone abituate a gestire se stesse e ad apprezzare il locale. La massima libertà, o, se vuoi, l'American Way.

Ovviamente, il libro non ha avuto il tempo di scrivere delle reazioni all'orribile contrasto di Trump coronacrisi, ma anche questo potrebbe non essere cruciale. Fin dall'inizio, l'epicentro dell'epidemia è stato a New York e in un certo numero di altre grandi città, mentre le aree rurali in particolare sembravano essere scappate più facilmente – e questo potrebbe avere un impatto sulle elezioni presidenziali di novembre.

Con questo libro, Wuthnow ci ha fornito una visione insolitamente buona e qualificata di questo gruppo, che è percepito come i principali elettori dell'uomo e non importa con cosa è difficile muoversi, puramente politicamente.

- auto-pubblicità -
Hans Henrik Fafner
Fafner è un critico regolare a Ny Tid. Residente a Tel Aviv.

Commenti recenti:

Persone nelle piccole città

USA:  Quali erano le possibilità di rielezione di Trump a novembre? Un ampio lavoro sul campo fornisce informazioni utili sul segmento comunemente percepito come i suoi elettori principali.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il paese riceve aspre critiche internazionali per l'ampio uso della tortura da parte della polizia e della guardia civile, che non viene mai perseguito. I ribelli del regime sono imprigionati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

La cima di un iceberg

IMPOSTA: Panama Papers, Paradise Papers, LuxLeaks e FinCEN forniscono un indizio sulla portata globale della "pianificazione fiscale".

Incredibile!

COMMENTO: L'esercitazione Joint Viking 2021 è una forza trainante in una «nuova guerra fredda».