Ordina qui l'edizione estiva

Patetico

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

In una situazione dove sono in gioco gli interessi nazionali della Norvegia nella zona delle Svalbard, e dove la Norvegia subisce pressioni – non da ultimo dall'UE – Erna Solberg sceglie tattiche di partito piuttosto che difendere la Norvegia. È sensazionale! In un commento su VG del 24.11 novembre, il leader del Partito conservatore riesce ad affermare che "la Norvegia otterrebbe il sostegno delle Svalbard se fossimo membri dell'UE". Alzare i capelli da qualcuno che si è prefissato l'obiettivo di diventare primo ministro di questo paese. In una situazione in cui la maggior parte degli esperti legali, degli editorialisti (si veda, ad esempio, Aftenposten lo stesso giorno (UE fuori strada) e degli analisti politici concordano sul fatto che la Norvegia ha una buona causa, che il governo si batte con coraggio e chiarezza per gli interessi norvegesi e che il L'UE e la Spagna si sono spinte in un vicolo cieco, il leader conservatore si intromette di lato con il suo grido nel bosco: "La Norvegia deve diventare un membro dell'UE per guadagnare influenza".

Forse anche la Destra dovrebbe fare un viaggio nella scatola del pensiero? Mi permetto di citare il manager di Aftenposten: "Finora la politica comune della pesca dell'UE è stata un continuo disastro. Il Mare del Nord è, per così dire, svuotato di pesci, le zone di pesca in Irlanda e Scozia sono sovrasfruttate, le comunità di pescatori in Gran Bretagna sono state chiuse. Le flotte di Spagna e Portogallo non sono state ridotte. Le tentazioni di commettere atti illegali per fare soldi sono grandi. Il controllo dell'UE sullo sbarco del pesce è a dir poco scarso".

Questi sono i ragazzi che Solberg vuole che la Norvegia si unisca, in modo che "possiamo combatterli internamente". "Non è certo che l'UE avrebbe sostenuto

noi, ma avremmo avuto più amici", dice pateticamente Solberg. Che ne dici di sostenere un governo che si batte per i nostri interessi, Solberg? Che ne dici di lasciar riposare le tattiche del partito per una frazione di secondo e sostenere coloro che difendono il diritto internazionale e la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare? Per non parlare delle comunità costiere e delle popolazioni di pescatori?

Immagina di ascoltare un leader del Partito conservatore in questa situazione dite: la Norvegia deve ovviamente mantenere fermo il suo diritto e dovere basato sui trattati e sul diritto internazionale di garantire una sana gestione delle risorse alieutiche nella zona economica e sulla piattaforma continentale. Il governo ha il nostro pieno sostegno nella difesa della visione norvegese. L'UE e la Spagna hanno un caso infelice e devono cedere. Sarebbe stata arte di stato, Solberg. Invece del segnale acustico per unirti ai pescatori predatori per fare amicizia. Una volta non si chiamava "Jern-Erna"?

Heming Olaussen è il leader del No all'Ue.

Potrebbe piacerti anche