Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Palestina, Portogallo, pluralismo

PELLE / Quando è importante un'identità più indipendente e quando non lo è?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Questa volta mi permetta di trattare con diversi esempi lì identità è problematico. Chi sei e dove appartieni sono costantemente dibattuti.

Come al solito, il ministro degli Esteri norvegese ha guidato il Gruppo dei donatori per la Palestina (AHLC), questa volta al municipio di Oslo per un paio di centinaia di partecipanti, come palestinesi, israeliani, USA, UE, Russia, ONU e altri centri Paesi. Anniken Huitfeldt ha esordito chiarendo che la Norvegia ci sta lavorando Palestina ottiene il proprio stato: la soluzione dei due stati. A lungo termine, ciò potrebbe significare che i palestinesi realizzano la propria identità indipendentemente da Israele. Huitfeldt ha sottolineato allo stesso tempo che la Norvegia è un partner per entrambe le parti. Successivamente, MODERN TIMES ha quindi chiesto in un'intervista separata come si comporta il governo Israele ha recentemente definito sei organizzazioni umanitarie palestinesi come organizzazioni terroristiche (o che queste le sostengono). Terrore-l'identità è un'etichetta che comporta sia arresti, sequestri che possibili chiusure. Huitfeldt ha risposto: "Abbiamo chiesto a Israele di documentare queste accuse molto gravi e stiamo aspettando una risposta". Si tratta di ONG umanitarie che hanno come obiettivo i diritti umani, ovvero lavorano con valori universali, al di là dell'identità dell'individuo. Dei sei, ad esempio Al-Haq e Defense for Children, secondo l'ONU, hanno presentato alla Corte penale internazionale (CPI) la documentazione dei crimini di guerra israeliani. Huitfeldt non ha maggiori informazioni al riguardo quando glielo chiedo, ma sottolinea che "dobbiamo aprire la società civile da parte palestinese, uno spazio che si è ridotto negli ultimi due anni. […] Potremmo trovarci di fronte a una società che sta crollando, e questo è molto, molto pericoloso”.

La Norvegia ha da tempo un’identità di costruttore di pace. Ad esempio, pianto nansen per il Passo Nansen a 500 profughi apolidi.

Ma in termini di identità, questo conflitto è complesso, poiché Israele si identifica come uno “Stato ebraico”. Quando MODERN TIMES filma il primo ministro palestinese Muhammed Shtayyed mentre parla qui con i media, la sua conclusione è chiara: "Il primo ministro israeliano ci ha detto no tre volte – nemmeno un sì. Ora hanno programmi di insediamento più intensi di Netanyahu, dicono no allo Stato palestinese e no all’incontro con il presidente Abbas. Ora dovranno affrontare conseguenze molto gravi”. Huitfeldt, da parte sua, ha indicato nella sua precedente sintesi dell'incontro che "Israele ha delineato una serie di misure concrete che il suo nuovo governo è disposto ad intraprendere".

Alla domanda sulla riduzione del conflitto tra Israele e Palestina, almeno Huitfeldt ha detto che stanno facendo quello che possono – in seguito all'accordo di Oslo – per garantire che la Palestina riceva abbastanza soldi dai donatori presenti. Una domanda che purtroppo non sono riuscito a porre è se il nuovo governo riconoscerà ora ufficialmente la Palestina come Stato indipendente, come ha fatto l’ex collega di Huitfeldt, Anna Linde, in Svezia nel 2014. E quando Jonas Gahr Negozio era ministro degli Esteri, il New York Times (18.09.11) ha affermato che "la Norvegia è disposta a riconoscere uno Stato palestinese". Il suo commento in stampa 4 giorni dopo con il titolo Pronti per la statualità, utrykte at «il principale ostacolo alla realizzazione dello Stato palestinese è l'occupazione. Per il resto i palestinesi sono pienamente in grado di gestire uno Stato».

Vedi anche la conversazione con Thorbjoern Jagland. Sì, non è forse giunto il momento che la Palestina realizzi un'identità indipendente?

Ai Weiwei, Skulptur, Lisbona

Il Portogallo e il mare

Vorrei cogliere l'identità in un modo completamente diverso, con le nazioni Portogallo og Norvegia. Recentemente sono stato invitato al festival del cinema documentario DocLisboa, dove ho partecipato a un panel per discutere dell'identità nazionale, attraverso le nazioni marittime di Portogallo e Norvegia. La Norvegia sta ora aiutando con quasi 10 milioni di corone norvegesi affinché il Portogallo possa digitalizzare i suoi film legati alla costa il mare. Come in Norvegia, dove l’80% della popolazione vive a 10 minuti dal mare, qui è legata molta identità. Siamo bravi a parlare della Norvegia come costa, pesca e fiordo – e come destinazione turistica nazionale. L'identità portoghese verrà ora rafforzata attraverso il cinema, come abbiamo visto Cinematografo a Lisbona digitalizzerà ben 10 minuti da rullini di pellicola. Al festival è stato proiettato anche un vecchio cortometraggio norvegese sulla pesca dell'aringa norvegese. Dopotutto, abbiamo parecchie storie su marinai, velieri, navi mercantili e armatori...

Tuttavia, nel dibattito ero scettico riguardo alla costruzione dell’identità. Dopotutto, il Portogallo aveva uno sbocco per la sua potenza coloniale attraverso il mare. Sebbene si possa essere orgogliosi di vedere lo scorfano norvegese (bacalao) in Portogallo, io sono stato piuttosto un eretico nel dibattito. Ho piuttosto sottolineato il pluralismo e ho ricordato all'assemblea il cinico Kjell Inge Røkke. Lui che, con i pescherecci da traino, ha distrutto le condizioni dei fondali e indebolito la popolazione ittica del Sud America. Molti pescatori locali hanno perso il loro reddito. Røkke è un occidentale che cerca orgogliosamente di rivendicare l'identità di "pescatore" e oggi scommette molto sul salmone d'allevamento – con "infinite possibilità", come dice lui.

Se guardate qui sul giornale troverete – non a caso – diverse critiche all’identità.

Mi sono piaciuti piuttosto alcuni film del festival, come la retrospettiva di Italian Cecilia Mangini, dove una coppia di eretici – il ragazzo che non rientrava nella classe; o il lungometraggio su Antonio Gramsci in carcere. Qui è piuttosto importante la deviazione, la capacità di accettare pensieri diversi. Perché la salute della nazione o della democrazia non si misura dal modo in cui trattano la minoranza o le minoranze? Pertanto è stato provocatorio vedere nel film la vasta area francese con eco-collettivi hippie Scintilla (vedi appendice, MTR) – dove le persone avevano scelto di vivere in armonia con la natura e tra loro – saranno rase al suolo dalle forze di polizia di Macron. Come membri della giuria, abbiamo assegnato al film una menzione d'onore.

I film documentari possono – oltre a rafforzare l’identità personale o nazionale – anche sollevare domande e aprire la strada a un trattamento più equo dell’Altro, dello straniero o del rifugiato.

Sì, anche il rifugiato era un tema Lisbona, con Ai WeiweiC'è un'enorme mostra nei magazzini del porto, compresi tutti i suoi documentari sui rifugiati – che Flusso umano (vedi pagine 2–3 in appendice). Inoltre, la scultura di un grande gommone nero petrolio con profughi. Questo artista dell'opposizione di fama mondiale non ha trovato il suo posto nel sistema totalitario cinese e oggi vive a Berlino. Anche per lui vale il problema dell’identità dei rifugiati politici da lui menzionati.

Pluralismo

Se guardate qui sul giornale troverete – non a caso – diverse critiche all’identità. Ad esempio, nella conversazione qui con jagland, dove critica l'alternativa rossoverde con SV e Sp – che smorza Il Partito Laburistas internazionalismo storico – esprime che "in me è morto qualcosa di socialdemocratico". O che dire dell'ex caporedattore Arne Ruth, che, a causa del trattamento riservato dalla Svezia a Julian Assange (vedi pagina 8), d'ora in poi sceglie di definirsi europeo piuttosto che svedese. D'altra parte, il saggio di Steffen Moestrup (pagina 50) sull'appartenenza familiare, avere una nonna che testimonia la vita, è un argomento opposto. Anche il saggio di Dag Herbjørnsrud (pagina 54) mostra come l'Africa abbia storicamente contribuito ad aiutare l'Europa, ma sia stata poi disprezzata. E diversi libri trattano dell'identità, sia essa politica, etnica, legata al genere, giovanile, nazionale, religiosa o ecologica – o del modo in cui ci si mette in scena nei media.

La sezione centrale ORIENTERING si occupa anche di fotografia, dove, ad esempio, l'identità nera, o la sua soppressione, è evidente nell'articolo di Zofia Cielatkowska (pagina 28). Il saggio sul mondo dei libri internazionali (pagina 34), sui grandi librai, a sua volta si fonda su un pluralismo e una comprensione ampia.

Come disse una volta il filosofo Søren Kierkegaard a proposito dell’identità, non dobbiamo allacciare l’abito da viaggio con un nodo duro. Perché con una piccola riflessione, vedi davvero quanto sia temporanea la tua identità – e non trattenerla così duramente, ma apriti di più agli altri, a coloro che la pensano diversamente, al multiculturalismo o al pluralismo. Un filosofo francese come Emmanuel Levinas ha sottolineato con "la faccia dell'altro".

E come sottolinea il politico Jagland in quattro pagine, la guerra e il conflitto finiscono spesso con il nazionalismo e l’immagine del nemico. Confini e muri creano violenza e le azioni militari creano vendetta e odio per generazioni. L’etichettatura del passato come “nero” o “ebreo”, o il gioco populista di oggi sulle emozioni con etichette come “terrorista”, “teorico della cospirazione” o “anti-vaccino”, non ha mai aiutato il mondo ad andare avanti.

È tempo di ridurre le sofferenze e le emozioni e piuttosto di avere più apertura, ragione e riconciliazione – o come ha detto il premio Nobel Liu , Aobo ha finalmente detto al suo processo in Cina: "Non ho nemici".

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

I nuovi barbari

MIGRAZIONE: Quali esperienze si possono collegare alla teoria dell'Altro quando si visita un'isola di migranti come Lampedusa? Forse alcuni filosofi possono indicare la via. A meno che i migranti non siano le migliori guide.

Morte: più o meno reale

LA REALTÀ: Percepiamo la realtà in modo molto diverso. Vorrei quindi suggerire tre ambiti in cui la realtà è reale, forte e diretta per tutti noi. Ma anche cosa dice un nuovo libro tradotto di Pier Paolo Pasolini sul contatto del film con la realtà.

Quando la violenza diventa l'unica cosa

POTENZA: Secondo Hannah Arendt l’uso della violenza, delle armi e delle bombe ci lascia politicamente senza parole. Le sue particolari analisi del potere possono insegnarci qualcosa sulla violenza che viene perpetrata oggi da e dentro Gaza?