Ordina qui l'edizione estiva

Su strade selvagge?

La produzione di acqua pesante da parte di Norsk Hydro è terminata nel 1988. Tuttavia, le esportazioni norvegesi della merce che può essere utilizzata per fabbricare armi nucleari continuano.

[acqua pesante] Il pubblico norvegese vive nella convinzione che le esportazioni di acqua pesante dalla Norvegia siano terminate con la chiusura della produzione di acqua pesante di Norsk Hydro a Rjukan nel 1988.

Tuttavia, Ny Tid può rivelare che la Norvegia ha continuato ad esportare acqua pesante almeno fino al 2004. Nel periodo dal 1988 al 2004, l'acqua pesante norvegese per un valore totale di quasi 70 milioni di NOK è stata spedita fuori dal paese.

Il commercio di acqua pesante è soggetto a rigorosi controlli a livello internazionale perché può essere incluso nella produzione di armi nucleari. Lo scandalo è stato quindi grande quando l'acqua pesante norvegese è stata segretamente venduta a Israele negli anni '1960, il che ha aiutato Israele ad acquisire armi nucleari.

Ma la questione dell'acqua pesante dalla Norvegia dal 1988 si è smarrita e sarà difficile rispondere. La direzione delle dogane e delle accise ha rifiutato la richiesta di accesso di Ny Tid a cui i giocatori norvegesi esportano questo bene strategicamente importante.

La Direzione si rifiuta inoltre di indicare a quali quantitativi ea quali clienti sia stata consegnata l'acqua pesante, ad eccezione dei dati relativi al biennio 2001 e 2004.

Quello che sappiamo, tuttavia, è che i totali nelle statistiche di Statistics Norway rappresentano quantità così grandi di acqua pesante che il destinatario deve essere stato una centrale nucleare nella maggior parte degli anni.

La mancanza di apertura norvegese sull'acqua pesante dai peccati precedenti è ora affrontata dalla Lega Araba a metà settembre. In una lettera al ministro degli Esteri Jonas Gahr Støre, il segretario generale della lega Amre Moussa chiede alla Norvegia di rendere pubbliche tutte le informazioni relative allo scandalo che circonda il contributo norvegese dell'acqua pesante al programma di armi nucleari di Israele negli anni '1960.

- Non siamo sicuri che la Norvegia abbia detto tutto, dice a Ny Tid Alaa Roushydy, portavoce ufficiale della Lega araba.

Esportazioni estese

- Abbiamo prodotto tra le 500 e le 600 tonnellate di acqua pesante qui dal 1934 fino all'interruzione della produzione nel 1988, afferma l'ex direttore di laboratorio Per Pynten.

Siamo nel seminterrato del vecchio laboratorio della Norsk Hydro a Rjukan. C'è molta storia nei vecchi edifici sul lato sud della valle lungo il ripido fianco della montagna. Più a monte si trova Vemork, dove il famoso sabotaggio contro la fabbrica di acqua pesante durante la seconda guerra mondiale ha frenato gli sforzi dei tedeschi per realizzare bombe atomiche.

Alcune delle vecchie attrezzature sono ancora nel seminterrato del laboratorio; contenitori per l'acqua pesanti di varie dimensioni, di grandi dimensioni, alcune centrifughe, provette e provette, provette e pasticci e veloci.

- Il Ministero degli Affari Esteri ha approvato tutte le esportazioni di acqua pesante da qui. Le esportazioni sono andate solo verso i paesi approvati dall'AIEA, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica. Questi erano paesi come Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Canada, Svezia e Danimarca. Ma ai miei tempi i lotti più grandi andavano in Giappone, dice Pynten.

Pynten dovrebbe sapere di cosa sta parlando. Nel 1962, il chimico ora in pensione fu impiegato presso il laboratorio principale di Norsk Hydro a Rjukan, e dopo alcuni anni divenne direttore del laboratorio. Nel 1971, la produzione di acqua pesante è stata spostata da Vemork a Såheim e il laboratorio di acqua pesante è stato spostato nel laboratorio principale di Rjukan. D'ora in poi, Pynten era anche responsabile della qualità, dello stoccaggio e della spedizione dell'acqua pesante.

- Dal 1985 abbiamo prodotto poca acqua pesante qui a Rjukan. L'ultimo lotto è stato prodotto nel dicembre 1988, afferma Pynten.

Statistiche insufficienti

Ma nonostante siano passati quasi 18 anni da quando l'acqua pesante è stata prodotta a Rjukan, si scopre che l'acqua pesante viene ancora spedita fuori dal paese.

Ciò è stato rivelato quando Ny Tid è andato a Statistisk Sentralbyrå (SSB) per fare un controllo. Per prima cosa, abbiamo provato a inserire il codice articolo per l'ossido di deuterio (acqua pesante) nella banca statistica di Statistics Norway e abbiamo cercato una panoramica delle esportazioni. La risposta è stata che non c'erano esportazioni verso nessun paese.

Tuttavia, ciò si rivelerebbe sbagliato.

Perché quando Ny Tid ha chiesto a uno dei dipendenti di SSB di fare una "corsa" separata del materiale statistico sull'acqua pesante, è apparsa una statistica che mostrava che nel periodo dal 1988 al 2004 la Norvegia ha esportato acqua pesante per un valore di quasi 70 milioni corone (vedi tabella). In alcuni anni, il valore delle esportazioni è stato elevato, ad esempio fino a 51 milioni di NOK nel 1989 e otto milioni nel 2001. In altri anni, le esportazioni sono state inferiori o inesistenti.

Nelle statistiche, le informazioni nelle colonne relative a quantità, mittente e destinatario sono state barrate. Ciò significa che non è possibile determinare quanto ea quali attori e paesi sia andata l'acqua pesante. Inoltre, non è possibile determinare chi in Norvegia esporti l'acqua pesante, né se l'esportazione dalla Norvegia riguardi acqua pesante che la Norvegia ha importato per la prima volta da altri paesi, o se la Norvegia abbia in magazzino acqua pesante dai vecchi tempi che ora viene esportato.

- Questo non ha nulla a che fare con la politica, dice il CEO di SSB Øystein Olsen quando Ny Tid chiama e chiede perché l'agenzia non vuole distribuire le statistiche sulle esportazioni di acqua pesante per paese.

- Nei casi in cui le statistiche vengono raccolte da un piccolo numero di attori, la nostra politica generale è quella di inserire punti nelle statistiche in modo da non rilasciare informazioni dettagliate sull'azienda, spiega Olsen.

Sul tavolo di Kristin Halvorsen

Sulla base della segretezza di Statistics Norway, a giugno Ny Tid ha chiesto alla Direzione delle dogane e delle accise di accedere alla documentazione relativa all'esportazione.

Ma la direzione, che è subordinata al Ministero delle finanze, era disposta a rilasciare solo informazioni relative agli anni 2001 e 2004. Mostra che poco più di quattro tonnellate di acqua pesante sono state esportate nel 2001 in Danimarca per il trattamento e la successiva reimportazione alla Norvegia. Nel 2004, tuttavia, la Norvegia ha esportato 150 chili in Canada come "esportazione ordinaria". In altre parole, quest'acqua pesante non è stata reintrodotta in Norvegia.

L'argomento della dogana per non rilasciare ulteriori informazioni si basa sul fatto che sarebbe troppo faticoso trovare il resto del materiale e che non vogliono dare la priorità a questo. Ny Tid ha presentato una denuncia al Ministero delle Finanze.

L'acqua pesante è coperta dal controllo delle esportazioni del Ministero degli Affari Esteri. Un tuffo nei registri postali del ministero mostra una serie di documenti che riguardano sia l'importazione che l'esportazione di acqua pesante da e verso la Norvegia.

Ma anche qui l'informazione è nel profondo. Quasi tutti i documenti sono esenti dall'accesso pubblico.

La Lega Araba contro la Norvegia

Il segretario generale della Lega Araba Amre Moussa ha scritto una lettera al ministro degli Esteri Jonas Gahr Støre e ha chiesto alla Norvegia di chiarire una volta per tutte che tipo di ruolo ha svolto il paese nella costruzione del controverso programma di armi nucleari israeliano negli anni '1960.

La lettera è datata 28 maggio di quest'anno e chiarisce che quando i ministri degli Esteri arabi si riuniranno al Cairo a metà settembre, la sicurezza nucleare e il disarmo nella regione saranno, tra le altre cose, all'ordine del giorno.

- È vero che abbiamo messo in discussione il ruolo della Norvegia, dice Roushydy, nella Lega Araba.

La Lega Araba è particolarmente preoccupata per la documentazione nei precedenti programmi Brennpunkt della NRK e per un programma della BBC questo inverno, tra le altre cose, sul ruolo della Norvegia nello scandalo israeliano.

- I ripetuti riferimenti al ruolo della Norvegia nelle lettere rese pubbliche attraverso il "Newsnight" della BBC il 9 marzo di quest'anno hanno sollevato serie preoccupazioni in relazione a quale sia il vero ruolo [del paese], scrive Moussa a Støre.

Dentro e fuori la Norvegia

Le autorità finora non pubblicheranno dettagli sull'esportazione di acqua pesante dalla Norvegia dal 1988, ma è possibile trovare possibili spiegazioni per parti dell'esportazione.

Per alcuni anni si può risalire che i mittenti erano probabilmente Norsk Hydro (oggi Yara) e l'Istituto di tecnologia energetica (IFE).

- Le cifre elevate nelle statistiche del 1989 potrebbero provenire da Rjukan. Abbiamo importato una grande quantità di acqua pesante dal Cern, un istituto di ricerca in Svizzera, per migliorare l'acqua pesante per loro. È successo a Rjukan, spiega Arne Cartridge, direttore dell'informazione di Yara.

Yara, che è stata separata da Norsk Hydro nel 2004, ha ancora uno stabilimento a Rjukan, dove l'azienda produce, tra le altre cose, gas deuterio – acqua pesante in forma gassosa. A tale scopo, Yara importa acqua pesante, tra l'altro, dal Canada.

Le informazioni di Cartridge concordano con le cifre di importazione ed esportazione del 1989: la prima acqua pesante dalla Svizzera per un valore di circa 50 milioni di NOK è stata importata in Norvegia, prima che l'acqua pesante per un valore simile fosse esportata in Svizzera.

Poiché Yara importa acqua pesante, la questione è anche se la società possa aver esportato ulteriormente acqua pesante.

- No, non riesco a immaginarlo. Importiamo acqua pesante, ma rivendiamo solo gas deuterio, afferma il direttore dell'informazione Arne Cartidge.

Atle Valseth, che è il responsabile della sicurezza presso il reattore sperimentale dell'Istituto di tecnologia energetica (IFE) di Halden, spiega che occasionalmente hanno anche esportato acqua pesante in Danimarca per l'aggiornamento, per poi importarla in Norvegia e rimetterla in uso.

- Trovo tracce nel mio archivio che abbiamo inviato acqua pesante per il potenziamento in Danimarca negli anni dal 1998 al 2001, dice Valseth.

Valseth può documentare le quantità effettuate in determinati anni, ma le statistiche di Statistics Norway mostrano solo valori in corone, il che rende impossibile confermare il quadro generale.

Differenza nel bisogno

Tornato a Rjukan, Per Pynten spiega che c'era una grande differenza nelle esigenze dei clienti quando lavorava con la produzione di acqua pesante di Norsk Hydro.

- Il 95 per cento dei clienti erano università ed enti di ricerca, il cinque per cento l'industria nucleare. Ma in termini di quantità, è stato il contrario: il 90 per cento dell'acqua pesante è andato all'industria nucleare, il resto alla ricerca, dice l'ex direttore del laboratorio, e mostra un piccolo contenitore destinato alla spedizione di piccole quantità di acqua pesante.

- La ricerca utilizza quantità molto piccole di acqua pesante, da pochi grammi a forse qualche chilogrammo. Quando si tratta di centinaia di chilogrammi o tonnellate, va alle centrali nucleari, dice Pynten, indicando alcuni vecchi barili di metallo.

Questi, spiega, venivano usati per trasportare maggiori quantità di acqua pesante. Dall'iscrizione si legge che ogni barile conteneva circa 220 chilogrammi di acqua pesante.

Non tutte le botti in cantina sono di vecchia data. Alcuni sono più recenti e l'iscrizione documenta che negli ultimi anni a Rjukan la Norsk Hydro ha importato acqua pesante dal Canada.

Per Pynten non vuole parlare di quanto stia andando il traffico idrico pesante adesso. Non è nemmeno il suo lavoro, dato che è in pensione da tempo. n

Lo scandalo israeliano

[export] Lo sfondo dell'inchiesta della Lega Araba al Ministero degli Affari Esteri norvegese è principalmente la contestata vendita di 20 tonnellate di acqua pesante a Israele nel 1960, e un'altra tonnellata nel 1970. Sono state vendute anche competenze tecniche e ampie e avanzate attrezzature di laboratorio ad Israele nella costruzione della centrale nucleare di Dimona.

Le gravi dimensioni del caso divennero chiare quando lo scienziato nucleare israeliano Mordechai Vanunu pubblicò nel 1986 la prova che l'impianto di Dimona, che utilizzava l'acqua pesante norvegese, aveva sviluppato armi nucleari. Vanunu è stato rapito dal servizio di sicurezza Mossad e imprigionato per 18 anni.

La vendita di acqua pesante a Israele è diventata politicamente molto accesa durante gli anni '1980, dopo diverse rivelazioni nei media.

I governi norvegesi alternati hanno affrontato sia critiche politiche interne che non da ultimo da parte dei diplomatici arabi. Alla fine, la Norvegia ha chiesto di riacquistare l'acqua pesante. L'azione è stata soprattutto simbolica, perché nel frattempo Israele aveva costruito la propria capacità di produrre acqua pesante.

Tuttavia, nel 1990, la Norvegia ha riacquistato acqua pesante da Israele, più precisamente 10,5 tonnellate o la metà di quanto originariamente venduto.

L'accordo è stato negoziato da un funzionario del Ministero degli Affari Esteri che sarebbe poi diventato Ministro degli Affari Esteri. Oggi, Knut Wollebæk è l'ambasciatore della Norvegia a Washington.

L'acqua pesante di Dimona è stata immagazzinata presso il Dipartimento di Ingegneria Energetica di Kjeller. L'acqua pesante dello Stato era destinata ai due reattori nucleari dell'IFE, rispettivamente a Kjeller ea Halden.

Un resto di questa acqua pesante è ancora in uso all'IFE, ed è oggi immagazzinata nel reattore di Halden (vedi Ny Tid 7 luglio 2006).

I ricercatori chiedono trasparenza

[controllo delle esportazioni] I ricercatori e gli attivisti per la pace con cui Ny Tid è stata in contatto sono molto sorpresi che la Norvegia abbia esportato acqua pesante anche dopo la chiusura della fabbrica di Rjukan nel 1988.

Chiedono al ministro delle finanze Kristin Halvorsen piena trasparenza sulla questione.

- Le autorità norvegesi devono rendere pubbliche queste informazioni. La Norvegia deve guidare con un minimo di trasparenza, afferma il ricercatore senior Morten Bremer Mærli presso il Norwegian Foreign Policy Institute (Nupi).

- In questi giorni di minacce terroristiche, tutte le informazioni sul materiale che può essere utilizzato per produrre armi nucleari dovrebbero essere rese pubbliche, concorda il ricercatore Nicholas Marsh del Peace Research Institute di Oslo (Prio).

Chiede inoltre trasparenza per quanto riguarda le dichiarazioni degli utenti finali. Secondo la legge norvegese, il destinatario di beni strategici provenienti dalla Norvegia deve firmare una dichiarazione che indichi dove verranno utilizzati i beni. Questo per evitare, ad esempio, che l'acqua pesante proveniente dalla Norvegia vada persa attraverso la vendita a terzi.

- Una parte importante del controllo se l'acqua pesante è andata fuori strada è che il pubblico sappia in quali paesi è andata l'acqua pesante e cosa dice la dichiarazione dell'utente finale, ritiene Marsh.

Il leader della Peace League norvegese pensa che sia molto preoccupante che le esportazioni norvegesi non siano menzionate nei rapporti allo Storting sulle esportazioni di armi.

"Questi sono beni strategici a cui dovrebbero avere accesso i funzionari eletti. Affronteremo la questione", afferma Alexander Harang.

Poco prima che Ny Tid andasse in stampa, il Ministero delle Finanze ha annunciato che sarebbe stata fornita una parziale trasparenza per gli anni 1996, 1998, 1999 e 2000. Acquirenti e venditori di acqua pesante norvegese in questi anni sono ancora riservati, così come tutte le cifre da prima del 1996.

Di Harald Eraker, Tarjei Leer-Salvesen (testo) e Trond Sørås (foto)

Potrebbe piacerti anche