Teatro della crudeltà

Verso un'umanità unita

So che ci sono così tanti di voi
Forfatter: Alain Badiou
Forlag: Polity Press (Storbritannia)
Stiamo vivendo nel mezzo di un dramma storico mondiale in cui la speranza rivoluzionaria deve essere mantenuta viva. Solo così possiamo costruire la civiltà per tutti, afferma il filosofo Alain Badiou.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il nuovo libro del filosofo francese 85enne Alain Badiou è come il precedente, La vraie vie, rivolto ai giovani. Poiché i testi si basano su discorsi che ha tenuto a studenti delle scuole superiori e di arte a Parigi, sembrano immediati ed educativi, dando a Badiou libero sfogo per spiegare i punti fondamentali senza dover tener conto di un pubblico accademico scettico. Il discorso agli studenti permette anche a Badiou di tornare indietro alla rivolta del 68, in cui è stato coinvolto lui stesso, e di riflettere su ciò che è successo da allora.

Il mondo è giovane!

La prima delle due conferenze del libro si apre con il richiamo a quelli che Badiou chiama “fatti banali”, che rilancia in un modo che li fa apparire sorprendenti. Un primo punto: l’umanità come specie è un nuovo arrivato nell’evoluzione, ha solo 200 anni. La nostra avventura cosmica è appena iniziata. Il mondo è giovane! dice Badiou animatamente. Il secondo punto è che la scienza ha recentemente confermato che le persone in tutto il pianeta sono geneticamente estremamente simili. Nonostante tutte le differenze, l’umanità è una. Fino a qualche anno fa una simile affermazione era scandalosa, sottolinea il filosofo, e quindi la gente è ancora ossessionata dalle distinzioni tra i gruppi etnici. Terzo: Quando guardiamo all’evoluzione dell’umanità sul pianeta dal punto di vista delle stelle, la nostra specie ha sperimentato solo una vera trasformazione di significato: il passaggio dalla vita di cacciatori e raccoglitori a quella di agricoltori stanziali nel Neolitico – il Neolitico – cioè da 000 a 10 anni fa. Quando coltivavamo il grano, potevamo immagazzinare il surplus – e da ciò derivarono i diritti di proprietà, una classe superiore e una sottoclasse, uno stato autoritario, eserciti permanenti e guerre tra nazioni. Questo è il mondo in cui viviamo ancora – e in questo senso siamo tutti ancora un popolo neolitico.

Logica neolitica

La logica neolitica porta ad una divisione tra le persone all'interno della società e ad un conflitto costante tra società diverse. C'è una competizione generale nella società che crea vincitori e vinti, vincitori e vinti. Questa è la natura, si potrebbe obiettare – e Badiou dice la stessa cosa in un certo senso: nella misura in cui continuiamo così, siamo presi in una lotta animalesca per l'esistenza, con la differenza che ora la combattiamo con mezzi tecnologici e ideologici. .

Badiou scrive delle rivoluzioni fallite – la serie di aspettative infrante che perseguitano la sinistra come un trauma ripetuto e demoralizzante.

Se questo stato di competizione tuttavia non convince come verità definitiva sulle condizioni fondamentali dell'uomo, è perché le società fondate sulla classe e sulla competizione sono sempre state costrette a negare l'unità fondamentale di tutti gli uomini. Con la menzogna, un tale sistema sociale distingue tra “noi” e “gli altri”. Un reale riconoscimento delle persone appartenenti a gruppi diversi dal proprio è ancora un'utopia politica, sostiene Badiou.

Lo sguardo degli esclusi

Ma riconoscere le altre persone, cosa significa veramente? Nella sua risposta, Badiou esamina il termine l'altro e passa dalla storia della civiltà alla filosofia moderna. Questo è comune a pensatori come Victor Hugo, Sartre, Lacan e Hegel l'altro è una parte fondamentale di noi stessi – per la comprensione di chi siamo. Allo stesso modo, questa parte di noi è aliena e qualcosa che cerchiamo costantemente di controllare, negare, sottomettere e padroneggiare. Il rapporto competitivo tra noi e gli altri, tra il mio gruppo e i gruppi altrui, rende gli altri un elemento di disturbo, ma un elemento di cui non possiamo fare a meno: "L'inferno sono gli altri", recita la formulazione cupamente satirica di Sartre. Con Hegel lo è l'altro uno schiavo sottomesso, che il padrone nega e da cui dipende.

I vincitori nel gioco competitivo globale hanno un vago senso di colpa verso la marea di perdenti esclusi e sfruttati. Il rifugiato e il disoccupato nomade ne diventano l'immagine l'altro oggi – e ci sfida a fare il passo decisivo nella direzione della fraternità. Se vogliamo che questo passo sia qualcosa di più di un gesto vuoto e carico di sensi di colpa, dobbiamo avere il coraggio di parlare apertamente comunismo, sostiene Badiou.

La "fase neolitica" rimane una lotta di potere primitiva con mezzi sofisticati: uno stato di guerra brutale coperto da una sottile patina di civiltà. Per come la vede Badiou, deve aver luogo una nuova rivoluzione – la vera rivoluzione che può portarci verso una vera civiltà globale.

La dimenticanza dei rivoluzionari

La seconda conferenza del libro contiene 13 tesi sulla politica mondiale. Alcuni riguardano la guerra, mentre la maggior parte analizza le rivoluzioni fallite, la serie di aspettative infrante che perseguitano il progetto della sinistra come un trauma ripetuto e demoralizzante. Perché le cose sono andate così male con la Primavera Araba, con il movimento Occupy, con Syriza in Grecia? Secondo Badiou, gran parte dell’errore risiede in un orizzonte temporale ristretto. I movimenti mancano di comprensione storica e non sono in grado di imparare dagli errori del passato.

Badiou è anche abbastanza vecchio e forte da mettere in guardia contro l'ingenua aspettativa dei ribelli che i loro problemi vengano risolti da un giorno all'altro. Il potere basato sul monopolio e i tumori cancerosi della concentrazione del capitale sono malattie dello stile di vita che si sono radicate nella civiltà nel corso di millenni. Pensare in termini storici e comunisti significa per Badiou lavorare a lungo termine, pazientemente e strategicamente nella direzione di una società più sana.

Guerra, rivoluzione o entrambe?

Badiou faceva parte del movimento maoista durante la rivolta del 68, e verso la fine del discorso si rivolge al giovane lettore o ascoltatore nel ruolo del leader della rivoluzione: Dobbiamo avviare scuole che possano diffondere il messaggio del comunismo, dichiara – organizzare comizi di massa e opporsi lentamente agli apparati statali capitalisti prima che le potenze mondiali crollino in una nuova e fatale guerra mondiale. Il fatto che Badiou non menzioni i problemi ambientali sembra un po' fuori dai tempi, considerando il pubblico giovane a cui si rivolge.

A prima vista, il filosofo qui appare come un tipico vecchio radicale, ancora bloccato nella visione del mondo piena di ansia del dopoguerra. Ciò può essere vero, ma forse è proprio il contrario: le generazioni successive a quella di Badiou hanno dimenticato quanto sia dura la politica. La guerra mondiale non è altro che la manifestazione del principio di concorrenza su cui si fonda ancora la società mondiale.

 

Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti anche