Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Camminando nell'Europa di oggi

Fabian Göranson dipinge un ritratto malinconico e amorevole di un continente che è ancora vivo nel passato ma alla disperata ricerca di un futuro praticabile.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Quando ho letto il libro di Fabian Göranson in forma seriale Il sogno dell'Europa, pubblicato su Galago Publishers, sono colpito da un senso di déjà vu. La stessa sensazione che ho avuto da adolescente quando ho letto il libro di Jack Kerouac Sulla strada, battere il grande romanzo della generazione, un disco attraverso i vasti Stati Uniti.

Kerouac viaggiò tra il 1947 e il 1950, subito dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il viaggio è stato un tentativo di comprendere gli Stati Uniti e il significato del sogno dell'America.

Fabian Göranson e il suo compagno di viaggio Daniel Berg hanno viaggiato per un mese nel giugno 2018 in Europa, alla ricerca di un'identità europea. Ma è anche un viaggio interiore – un'oscillazione costante tra il locale e il globale, il personale e il grande.

Dittatura, corruzione e deserti industriali

"Sono nato nel 1978 quando l'intera Europa orientale era governata da dittature comuniste durissime". Fabian si pone al centro della storia, è la sua voce che racconta, è la sua visione surreale del mondo che viene offerta. Non giudica, ma fattuale, l'Europa di oggi è anche questo che ripete come mantra: "Ucraina: guerra civile, Bielorussia: dittatura dura come la roccia, Turchia: guerra civile e dittatura, Russia: dittatura".

"Bruxelles è come una Roma senza vini, come una sottocultura Kreuzber come una post-apocalittica
Parigi. »

- annuncio pubblicitario -

Il viaggio è stato sia un viaggio di iniziazione che un romanzo educativo – hanno incontrato persone che hanno dato loro le chiavi di città e paesi – hanno viaggiato attraverso paesaggi lussureggianti e deserti industriali.

La Germania è sia frammentata che indebitata – l'Italia è corrotta e amichevole, scarsamente popolata e spopolata – i migranti dalla Macedonia e dal Montenegro viaggiano in squadre di costruzione. La sensazione di casa è andata.

In Ungheria, una Budapest è presentata con pareti con il volto di Soros. Cosa vuole questo capitalista filantropico che si fa conoscere per il suo sostegno ai rifugiati che arrivano in Europa?

A Varsavia – che fa da sfondo a edifici che sembrano del tutto identici a quelli distrutti durante la guerra – i giovani polacchi cercano di trovare risposte e speranza per il futuro.

Bruxelles, dove Fabian visse per due anni da giovane adolescente, è così descritta: "Bruxelles è come una Roma senza rovine, come un Kreuzberg senza sottoculture, come una Parigi post-apocalittica".

In Francia, è soprattutto Parigi a mostrare diversità e decadenza: "L'intera Belleville è come un grande matrimonio africano", scrive Fabian. Il quartiere era per lo più africano, ora sono cinesi e vietnamiti che hanno preso il sopravvento.

Nel quartiere parigino del Marais, Fabian cerca di mangiare un falafel a L'As du Falafel, ma la coda di centinaia di turisti lo spaventa. È forse nel Marais che il processo di gentrification è più pronunciato. Il vecchio quartiere ebraico è stato ora trasformato in una riserva per boutique di moda e viaggiatori facoltosi. Un vecchio hammam ora ospita un negozio Gucci.

Con l'aiuto di disegni in blu e nero, Fabian Göranson disegna un ritratto malinconico e amorevole di un continente che vive nel passato, ma che è alla disperata ricerca di un futuro possibile.

Un moderno Marco Polo

La lingua è costantemente bella e barocca, i pensieri di Göransson sono sia pieni di risorse che appropriati. "Sogno città in cui non sono mai stato", ed è magnifico Italo Calvino Le città invisibili (1972) emerge come un potente riferimento. Come un moderno Marco Polo, Göranson viaggia attraverso un continente sfregiato costruito sulla schiavitù e il colonialismo.

Come un moderno Marco Polo, Göranson viaggia attraverso un continente sfregiato che è stato costruito
sulla schiavitù e il colonialismo.

La città di Nantes in Francia si arricchì del commercio triangolare, gli schiavi neri venivano scambiati in città con tabacco, cacao e zucchero, che venivano rivenduti con grandi profitti. Anche Voltaire, che ha scritto ardenti opuscoli contro la schiavitù, possedeva parte di una società che vendeva e comprava schiavi nella stessa città.

Durante il viaggio, Daniel e Fabian incontrano teorici e poeti, contrabbandieri e prostitute, muratori e intellettuali. Vivono in alberghi semplici e mangiano fast food nei caffè. Stanno cercando di mimetizzarsi. Viaggiano come moderni backpackers, ma portano con sé il peso di una modernità morente.

A Belgrado e in Macedonia, Göranson vede chiare tracce della guerra, una guerra tribale nell'Europa centrale, come veniva chiamata la guerra in Jugoslavia. Una guerra in cui la retorica dell'odio era significativa e dove i vicini si uccidevano a vicenda. In Grecia, vede mendicanti morenti e tossicodipendenti: il contrasto tra ricchi e poveri è estremo ei rifugiati che vivono nelle tende rendono la città un crogiolo.

L'Europa sull'orlo del divorzio?

Il libro di Fabian è sia personale che universale. Inizia con un accenno di divorzio e finisce con un divorzio – senza drammi, senza odio. La Svezia sicura fa parte dell'Europa e del suo mistero, ma è anche un luogo alla periferia, al confine, come chiamavano i romani limitanae: i soldati che proteggevano i confini esterni dell'impero e che di solito venivano reclutati dalle tribù barbariche, che ricevevano un po 'di terra e oro per combattere le invasioni dei loro ex compatrioti.

In una conversazione che Fabian Göranson e Daniel Berg hanno con coloro che incontrano lungo il viaggio, si riflette anche la preoccupazione per il flusso di rifugiati che migrano in Europa e che devono essere integrati.

La ricetta dei romani era di renderli cittadini e affidare loro la protezione dei confini. Resta da vedere se la soluzione odierna può essere simile.

Il sogno dell'Europa è sia onirico che surreale, ma allo stesso tempo è una lettura dolorosa, bella e fragile come un vaso greco.

 

Ana L. Valdés
Valdés è scrittore, antropologo e attivista.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.