Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La superficialità è il nuovo dialogo

Lavorare attraverso il passato
Forfatter: Kjetil Røed
Forlag: Skira Editore (Italia)
CONCETTO ART / Un'opera storica di micro-arte orientata al concetto che rivaluta il valore dell'arte




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Con cosa stiamo effettivamente andando? concept art? Qual è la connessione tra arte contemporanea og storia, due taglie quasi incompatibili? Il nuovo libro dello storico e critico dell'arte Kjetil Røed non è un libro "il meglio dell'arte concettuale", sebbene funzioni anche come introduzione alla recente arte concettuale nordica, ma un profondo riconoscimento della nostra esperienza contemporanea e un'altrettanto seria preoccupazione per gli sviluppi. Røed continua la sua lotta mirata contro il lontano, l'irriconoscibile e il superficiale.

Si basa sul chiarimento di Walter Benjamin "articolare storicamente il passato non significa riconoscerlo" in Tesi di Filosofia della Storia (1940) troviamo il progetto del libro di Kjetil Røed.

L'invito a ripensare la storia ha successo. Molti possono probabilmente riconoscere il sentimento di impotenza per non aver trovato la rilevanza del soggetto della storia nella condizione qui e ora a cui siamo lasciati, dove la storia è uno strumento, una linea di fatti insignificante che sembra non avere senso, un tipo histoire-pour-l'histoire, dove la storia indica la sua stessa esistenza ipocrita, non più come narrativa, ma non correlata alla nostra reale esistenza qui e ora. La storia è sempre gestita dalle istituzioni, e con la sua visione d'insieme sembra in grado di porre fine alla visione di noi stessi o come oggetti scelti dalla storia.

Molti possono probabilmente riconoscere la sensazione di impotenza nel non trovare l'argomento della storia rilevante nella condizione qui e ora a cui siamo lasciati.

Røed si riferisce alla definizione di arte della teorica dell'arte britannica centrale Claire Bishop come "qualcosa di più dei fatti". Questo modo poetico di leggere la storia dell'arte comporta una rivalutazione dell'arte – e dello storico dell'arte. La storia dell'arte non deve essere utilizzata per classificare la rarità, l'eleganza, la bellezza o il valore dell'oggetto, questo “qualcosa” può diventare narrazioni che portano fuori dalla portata, fuori dai fatti. Spesso, scrive Kjetil Røed, si tratta di “qualche” storia storica, cioè del passato, che viene trasportata o utilizzata dallo spazio dell’arte contemporanea. La concept art è narrazioni significative. Lo storico dell'arte appare come un narratore errante di queste storie, dei momenti della storia in cui il concept art cerca i punti ciechi nel presente.

Quando Dovre cade

Viviamo nel mezzo di quella realtà piuttosto strana e poco chiara che chiamiamo Norvegia, scrive Røed. Fa riferimento ad esempi scandinavi, in particolare in Arte norvegese, con un'enfasi sugli ultimi 30 anni e soprattutto sugli ultimi 15 anni, cioè dopo il 2005. Ad esempio, la storia di Dovre (Andreas Bennin, Una nazione restaurata, 2013) un esempio di come l'arte concettuale catturi, cambi o aggiunga prospettive "più che semplici fatti" a tali storie "perdute": Dovre, l'acropoli degli uomini di Eidsvolls, divenne un'area di addestramento per le forze militari norvegesi e della NATO da 1923; la zona più devastata dalla guerra in Norvegia. Alla fine, questo fu considerato un peccato e, con un budget di oltre 160 milioni di corone norvegesi, l'intera area montuosa di 135 chilometri quadrati fu restaurata. I crateri e le trincee delle bombe furono nuovamente sigillati. Con un'operazione di massa, l'area è stata riportata al suo stato esteticamente naturale: un pezzo di natura idilliaca e incontaminata, quella norvegese.

Nello spazio dell’arte concettuale può sorgere una nuova verità sulla verità, al di là della storia stessa, al di là del tempo, né nell’arte stessa, ma nell’intersezione tra queste, nella narrazione e nel modo in cui viene raccontata.

Anche l'arte concettuale scandinava svolge il ruolo del buon samaritano, che "si prende cura della storia" quando la visione d'insieme viene meno e si presentano lacune. "Il narratore di fronte alle rovine del passato", come viene chiamato uno dei capitoli. Kjetil Røed lo dimostra con esempi tratti da Vittorio Lind ad Ahmad Gossein, da Marianne Heske a Kajsa Dahlberg, così come il concept iniziale di Ole John Aandal.

Le prospettive nel nordico concept art gli ultimi 15 anni mostrano come l’arte scalfisce la superficie della storia in una prospettiva critica del potere. È nell'intreccio di prospettive storiche dell'arte concettuale che passato e presente si intrecciano nel futuro, non in una comprensione lineare del tempo, e poiché è spaziale, toccherà anche il mitico. Anche la storia dell’arte è decolonizzata. È sui campi di battaglia che si lasciano alle spalle traumi nazionali, personali, internazionali, o come eventi "più grandi della vita", soprattutto quelli circondati dal silenzio o da varie forme di amnesia, che l'arte concettuale ha particolarmente successo nel suo trattamento. Ma al mondo ci sono cose peggiori delle falesie devastate di Dovre.

Olocausto
Memoriale dell'Olocausto, Germania. Foto: pixabay

Da Montaigne ad Adorno

Il titolo si riferisce al termine tedesco "Vergangenheitsbewältigung" ("padronanza del passato"), che ha avuto origine in una fase letteraria, sociale e culturale successiva al 1945. Røed si sposta qui in aree più oscure rispetto alle collezioni precedenti. Per il filosofo tedesco Theodor Adorno il 9 novembre 1959 presenta una critica alla "Vergangenheitsbewältigung" dopo una nuova ondata di attacchi contro le sinagoghe ebraiche nella Germania occidentale, dove respinge come fuorviante l'espressione "lavorare sul passato". Invece di un’autoriflessione critica, ha mascherato una negazione. Non avevamo imparato nulla dal passato?

L’etica è il nuovo confronto.

La critica di Adorno colpì il filosofo Heidegger e la sua associazione con il nazismo. Heidegger ha presentato germania come origine e destino tipicamente tedeschi. Successivamente coniò il termine “L’Occidente”. L'"Auschwitz" di Adorno diventa il punto estremo dell'asse dalla Germania. Il "dasein" o "presenza" di Heidegger, la presenza del momento, è diventata un'esperienza qui e ora completamente priva di responsabilità morale, in un ritiro storico dalla realtà storica. Il libro di Røed è un attacco a questa mancanza di moralità. Se non impari dalla storia, impara almeno dal libro di Røed:

"A partire dalla Riforma 94, la materia della storia ha lentamente ma inesorabilmente ridotto la sua importanza nelle scuole norvegesi. Significa richiedere l'esistenza del "dasein"; riduzione dell’uomo e della società a condizione economica, è un richiamo a un’amnesia collettiva, ma anche alla possibilità di valutazione. Una tale percezione della società qui e ora tocca proprio questo tema."

Røed scava quindi in profondità negli strumenti della società norvegese quando, in uno dei capitoli, affronta le questioni relative ai "memoriali". Guarda i memoriali della Seconda Guerra Mondiale in Germania. Cosa crea complicazioni nella creazione delle pietre commemorative e dei luoghi commemorativi dopo il 22 luglio? L’etica è il nuovo confronto.

Marianne Solberg
Marianne Solberg
Solberg è un critico regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche