Ordina qui l'edizione estiva

Oslo World Music: – Non possiamo coprire tutto

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

- Riceviamo un numero enorme di richieste e posso solo scusarmi di non avere il tempo di esaminarle tutte, afferma Anne Moberg, direttrice dell'Oslo World Music Festival.

Può quindi solo pentirsi del fatto che Naheddi, nominato ai Folkelarm, non abbia nemmeno ricevuto una risposta quando volevano suonare al festival dell'anno scorso, ma la richiesta è così grande che la direzione del festival non è in grado di rispondere a tutti. Allo stesso tempo, Moberg sottolinea che il festival mira a collegare le star internazionali della musica mondiale con i talenti locali.

- Ci sono molti nomi mondiali che suonano all'Oslo World Music Festival e temiamo che gli artisti locali anneghino tra la folla se li mettiamo in piedi da soli. Ecco perché lavoriamo per collegare artisti norvegesi e stranieri, in modo che possano collaborare ed esibirsi sullo stesso palco come parte di un pacchetto, afferma Moberg.

Non mancano i musicisti norvegesi durante il festival, ma la stragrande maggioranza di loro non ha origini immigrate. Si tratta di nomi affermati come Unni Løvlid, Sjur Miljeteig, Frode Haltli e Rune "Sternklang" Brøndbo. Se guardi più da vicino nel programma, tuttavia, emergono nuovi talenti come la rapper norvegese-keniota STL, il gruppo teatrale Queendom, la promettente band Sami Adjagas, la moderna band di tango Electrocutango e ballerini, cantanti e rapper associati a X- Ray Ungdomshus.

- In realtà c'è poco da fare sul fronte della world music in Norvegia, sia in un contesto internazionale che scandinavo. Vediamo che un certo numero di musicisti tradizionali del mondo si sono trasferiti in Norvegia e continuano il loro lavoro musicale qui, ma penso che saranno le generazioni più giovani a portare avanti la musica. Una musica che si caratterizza per le proprie radici culturali, le correnti internazionali e la crescita in Norvegia, preferibilmente basata su generi popolari come hip-hop, r&b e dancehall, conclude Moberg.

Potrebbe piacerti anche