La parola che uccide

museruola: Gli abusi di potere, la guerra di attacchi e l'omicidio di massa vengono compiuti oggi senza che nessuno alzi un dito, poiché tutte le critiche vengono respinte come "teoria della cospirazione".

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Le guerre di attacco devono sempre essere legittimate nei mass media e nelle Nazioni Unite con argomenti come il genocidio o le armi di distruzione di massa. Quando oggi i critici affermano che questi argomenti sono usati come pretesto per andare in guerra per un cambio di regime, questi critici vengono definiti "teorici della cospirazione". Dopo di che diventano silenziosi. I critici non osano dire altro, perché la parola "teorico della cospirazione" è stata data circa lo stesso status della parola "ebreo" negli anni '30. La parola è diventata un'arma usata da americani, britannici e altri paesi per uccidere una resistenza iniziale alla guerra.

Negli ultimi decenni, ci sono state molte affermazioni sui mass media sul perché le guerre in Afghanistan, Iraq, Libia e Siria siano state legittime e necessarie. Praticamente tutti i giornali e i canali televisivi – The New York Times, The Washington Post, CNN e BBC – hanno affermato nel 2003 che il leader iracheno Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa e nel 2011 che Muammar Gheddafi avrebbe attaccato la città di Bengasi con genocidio come risultato. Ora sappiamo che questo era basato su "fake news". Funzionari responsabili e nuovi documenti hanno confermato che quanto detto dai media era una bugia. Non c'erano armi di distruzione di massa in Iraq e non c'erano minacce per Bengasi, ma c'erano americani e britannici e figure dell'opposizione irachena e libica che avevano prodotto documenti falsi per legittimare una guerra. Ora sappiamo chi ha prodotto questi documenti – comprese le firme false per vincolare Saddam Hussein a un presunto acquisto di uranio dal Niger, e sappiamo dalla rivelazione delle e-mail di Hillary Clinton che l'attacco alla Libia non riguardava la protezione dei civili . Sappiamo anche che le bugie hanno avuto conseguenze catastrofiche e che nessuno è stato punito per questo.

In sostanza, tutto significative attività di politica di sicurezza segrete – e sono tenute segrete per decenni. Le grandi potenze hanno enormi servizi di intelligence e le loro attività sono invisibili. Il vicepresidente Harry Truman, ad esempio, non è stato informato del programma di armi nucleari degli Stati Uniti (con più di 100 dipendenti) prima di assumere la carica di presidente nell'aprile 000. I segreti dello stato centrale sono spesso noti solo a pochi, e possono manipolare le opinioni degli altri e porre il veto. decisioni prese democraticamente. Questo è quello che oggi chiamiamo "The Deep State", un termine che usavo già nel 1945-2004, e che in seguito tramite un collega, Peter Dale Scott, si è diffuso negli Stati Uniti. Il presidente Donald Trump ha iniziato a usare il termine, anche se con un significato leggermente diverso. È lo stesso tipo di fenomeno che esiste in molti paesi.

Quando i media negli anni '80 menzionavano «Sottomarini russi nelle acque svedesi», si è scoperto che si trattava di operazioni americane e britanniche per testare la preparazione svedese. Qualcuno in "The Deep State" in Svezia lo sapeva, ma il popolo svedese e il governo sono stati sviati. Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti Caspar Weinberger confermò queste operazioni nel 2000, e il suo Segretario della Marina John Lehman mi disse che la decisione era stata presa da un "comitato di inganno" guidato dal capo della CIA William Casey. Quando un mio amico ha chiesto a uno dei parenti più stretti del presidente Ronald Reagan, Thomas Reed, delle "operazioni di inganno", Reed ha risposto: "Sì, la CIA è" inganno ". Questo è quello che fanno. " Manipolano i media e ingannano i governi stranieri, non ultimi alleati. E con il budget dell'intelligence statunitense di 80 miliardi di dollari all'anno, puoi fare molto. Si può ingannare il governo e le persone intorno.

Bisogna sempre avere un motivo per iniziare una guerra. Quindi sono necessari falsi attacchi e false affermazioni.

- annuncio pubblicitario -

Quando ho raccontato quello che Weinberger, Lehman e Reed avevano detto in interviste alla televisione svedese, tedesca e francese dopo il 2000, sono stato definito un "teorico della cospirazione". Anche quando un ministro degli esteri svedese e un giornalista hanno affermato che non c'era alcun sostegno per l'affermazione dell'attività russa nelle acque svedesi, sono stati chiamati "teorici della cospirazione". Il funzionario britannico David Kelly, che sapeva che in Iraq non c'erano quasi armi di distruzione di massa, ha affrontato la questione con un giornalista della BBC nella primavera del 2003 e ha dovuto testimoniare davanti alla commissione per gli affari esteri. Tre giorni dopo è stato trovato morto nel bosco. La persona che ha messo in dubbio questo incidente è stata chiamata "teorica della cospirazione".

E mentre in Norvegia prima della guerra in Iraq nel 2003 si poteva ancora criticare la guerra, era quasi impossibile fare lo stesso prima della guerra in Libia nel 2011. Mentre lo Storting era diviso quando si trattava della guerra in Iraq, il sostegno alla guerra era contrario Libia totale. Il critico è stato calunniato e descritto come un "teorico della cospirazione".

Guerra del Vietnam nel 1964 è stato legittimato da un attacco del Vietnam del Nord al cacciatorpediniere americano USS "Maddox". Il mio amico ed ex collega Robert Bathurst era un ufficiale del Pentagono in servizio quella notte. Chiamò e svegliò il comandante della Marina degli Stati Uniti e la guerra divenne un fatto. Ma fu solo negli anni '90 che Robert divenne chiaro che non c'era mai stato un attacco. Mi ha mostrato un articolo sul Naval Intelligence Professionals Quarterly dell'ammiraglio James Stockdale, che ha volato come un giovane pilota sulla USS "Maddox": "C'erano solo spari americani e acque nere". Si è anche scoperto che gli Stati Uniti avevano usato piccoli motoscafi (MTB) di costruzione norvegese, con equipaggio in parte norvegese, per bombardare la costa del Vietnam del Nord nel tentativo di indurre i vietnamiti ad attaccare la USS "Maddox" – che legittimerebbe un attacco americano e la guerra totale. Alcuni di questi norvegesi continuarono nell'intelligence norvegese. Nonostante il fatto che Robert fosse stato a capo dei servizi di intelligence della Marina americana per l'Europa negli anni '70, fu solo 30 anni dopo che fu informato di quello che era successo.

Nel 1962, due anni prima del presunto attacco in Vietnam, la leadership militare statunitense voleva una guerra contro Cuba e propose al presidente John F. Kennedy una campagna ("Operazione Northwoods") con esplosioni di bombe nelle città americane. La colpa degli attacchi terroristici a Washington (DC) e Miami doveva essere attribuita ad agenti cubani e dovevano essere prodotti falsi documenti per confermare gli "attacchi cubani". Altre proposte erano di affondare una nave americana e abbattere un aereo americano e incolpare Cuba per aver legittimato una guerra contro lo stato insulare. Si credeva che falsi funerali di "morti dall'aereo" rafforzassero l'opinione pubblica anti-cubana.

Presidente Kennedy. rifiutò, tuttavia, di accettare la proposta della dirigenza militare. Il capo della difesa, il generale Lyman Lemnitzer, è stato trasferito ed è diventato comandante in capo delle forze NATO in Europa, dove ha continuato a compiere attacchi terroristici e bombardamenti incolpando la sinistra politica. Il documento per "Operazione Northwoods", firmato da Lemnitzer, era timbrato "Top Secret, Special Handling, Noforn" (Nessun cittadino straniero). Il documento è stato declassato 40 anni dopo, ed è solo ora che ne sappiamo qualcosa di più. Il documento riflette bene il pensiero negli Stati Uniti.

Bisogna sempre avere una ragione per å iniziare una guerra. Poi ci sono documenti falsi, falsi attacchi e false accuse necessario. Questo è stato il caso del Vietnam, dell'Afghanistan, dell'ex Jugoslavia, dell'Iraq e della Libia.

Un documento falso ampiamente utilizzato che viene evidenziato da coloro che condannano le "teorie del complotto", è il cosiddetto Compaiono i protocolli di Sion. Si diceva che i protocolli mostrassero una cospirazione ebraica con un presunto piano per la dominazione ebraica del mondo. Il documento è stato utilizzato dalla polizia segreta russa, Okhrana, e successivamente anche dai nazisti nella loro lotta contro gli ebrei. Ma produrre tali documenti falsi e riferirsi ad attacchi che non si sono mai verificati – o attacchi alla propria terra o ai propri alleati – effettuati dalle proprie forze è esattamente ciò che i servizi segreti statunitensi e britannici hanno fatto per decenni. E chiunque metta in dubbio questi documenti o eventi viene effettivamente etichettato come un "teorico della cospirazione". In questo modo, alla parola "teoria del complotto" è stato dato un significato inverso. Viviamo già nel 1984 di Orwell.

Ola Tunander
Tunander è professore emerito di PRIO.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?