Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Ribellione o quinta ruota sul carro?

Il punto di partenza di SV per i negoziati di Soria Moria è un calo dal dodici all'otto per cento. La dirigenza del partito può ringraziare se stessa.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

La persona che è apparsa come ribelle dello Storting non è affatto SV, come avrebbe dovuto essere, ma Carl I. Hagen. Non principalmente perché FrP vuole usare il denaro che è nostro, ma perché tutti gli altri partiti tengono lo stesso denaro così vicino al petto che si potrebbe quasi pensare che fosse proprio. Dato che più della metà degli elettori ha preso una decisione nelle ultime quattro settimane, ci sono prove abbastanza ironiche che il FrP stia navigando su un'onda di sinistra.

I sogni di Soria Moria hanno dato alla leadership dell’SV una strategia di campagna elettorale che prevedeva un allineamento così stretto con il Partito Laburista che gli elettori hanno preferito l’originale. E nonostante le sue contraddizioni, il FrP è quindi arrivato a un tavolo fisso in ogni singolo dibattito elettorale. Ad apparecchiare la tavola sono soprattutto Halvorsen e Djupedal. Ogni volta che hanno provato a competere con Foss sulla politica di bilancio responsabile, hanno apparecchiato la tavola. Ogni volta che Stoltenberg ha dovuto dire che "Kristin è a buon mercato da gestire", hanno apparecchiato la tavola. Ogni volta che si sono allontanati dai calcoli della destra, hanno apparecchiato la tavola. E quando scoprirono che non potevano permettersi nemmeno la carne scelta, il pranzo scolastico, l'ironia fu totale. La tavola era pronta e ciò che è stato servito non è stato affatto il pranzo scolastico, ma discussioni gratuite a chiunque potesse rompere con il sacro mantra del presente e dire che la Norvegia può permettersi di spendere soldi.

All'inizio nell'aprile 2003 la situazione era diversa. I sondaggi d'opinione hanno mostrato per la prima volta che l'SV è il partito più grande del paese, con un sostegno di 22,7 punti percentuali. Qual era lo sfondo? Due mesi prima si erano svolte le più grandi manifestazioni della storia norvegese contro l'attacco pianificato dagli Stati Uniti all'Iraq. E le proteste sono cresciute insieme al clima di Seattle. Non era semplicemente una questione di quantità; il successo del movimento contro la guerra si basava su un'intesa politica: no alla guerra per il petrolio. Hanno così fatto qualcosa che i politici dello Storting raramente fanno, cioè unire economia e politica in un’unica critica al sistema.

"La guerra è una cosa", ha detto Kristin Halvorsen all'Aftenposten dopo il sondaggio record, "ma questa è ben più ampia". Questa è una reazione contro il mercato, il commercio e il profitto. Oggi lo stesso Halvorsen sta negoziando a Soria Moria, e il probabile risultato è che i soldati norvegesi non verranno ritirati dall’Afghanistan. Anche gli ufficiali di stato maggiore in Iraq possono effettivamente restare, secondo quanto riferito dai media, per ragioni puramente formalistiche, perché la NATO ritiene che si siano "arresi". In questo caso ad "arrendersi" non sono gli ufficiali, ma la resistenza bellica dell'SV.

I 2000 SV ha ricevuto per la prima volta il sostegno finanziario di LO. Il contesto era che il 65% dei membri della LO nel settore privato ha sfidato le raccomandazioni della direzione e ha intrapreso uno sciopero ampio e importante. L'alternativa solidale è stata smascherata per la menzogna che era: la moderazione salariale per 14 anni aveva avuto luogo parallelamente a colossali festeggiamenti per i dividendi per i proprietari di capitale, e il termine "Forskjells-Norge" era da tempo diventato parte del linguaggio quotidiano. Che anche questo sciopero sia stato venduto sarà un’altra storia. La cosa interessante è che molti nel movimento sindacale volevano una politica più radicale di quella che il Partito Laburista poteva offrire, e si sono rivolti all’SV.

Quest'anno il 40 per cento dei delegati al congresso della LO ha votato no alla riforma delle pensioni e la nuova dotazione alla SV è stata di 750.000 corone norvegesi. Cosa abbiamo ottenuto questa volta con i nostri soldi? Una strategia elettorale che ha ridotto i consensi all’8,8% e la completa abolizione della rivincita sulle pensioni.

Nessuno ha al punto da chiedere di essere battuto quest'autunno nei panni del giovane prodigio di Høyre, Torbjørn Røe Isaksen, quando ha commentato la cosiddetta collusione con LO. E nessuno è riuscito a farla franca a tal punto con la propria audacia.

"Ciò dà potere ai partiti che non vengono eletti", ha detto Isaksen alla NRK. Qualcuno dei nostri rappresentanti è riuscito a dire all'impavido cucciolo di Høyre chi è quello che non si candida alle elezioni? Qualcuno ha menzionato i miliardari sulla lista di Trygve Hegnar? Qualcuno ha detto che il presupposto di tutto ciò che viene chiamato politica in questo paese è che la competitività dovrebbe essere rafforzata? Che i capitalisti ci deruberanno? Che l’Unione dovrebbe essere chiusa e che il partito dei dividendi dovrebbe continuare, indipendentemente da chi sia al governo?

Assolutamente no. Mentre i politici discutono di piccola liquidità, il patrimonio privato di John Fredriksen è cresciuto fino a 33 miliardi. Ciò corrisponde a più di cinquanta volte la somma richiesta dall’ONU per fermare l’intera catastrofe della carestia in Niger. E invece di dare a Isaksen una risposta alle accuse, l’SV ha accettato che sia un tabù chiedere ai miliardari di pagare il conto nei dibattiti elettorali norvegesi. Quest'anno sono addirittura riusciti a votare per il fatto che il livello delle tasse dal 2004 non dovrebbe essere aumentato.

Se Kristin Halvorsen avesse ragione nel 2003, quando disse che era stata la lotta contro la guerra, il mercato, il profitto e il “commercio” a dare il vento in poppa, perché ha ammainato le vele e lasciato andare il vento? Che le persone che vogliono che la politica del Partito Laburista votino per il Partito Laburista non può essere stata una sorpresa. Ma quando le persone che vogliono la politica del SV credono di dover votare il FrP per far saltare il quadro di bilancio, allora l’allarme dovrebbe suonare.

La posizione negoziale raggiunta dall'SV nei confronti di Stoltenberg non è molto buona. Ma è ancora più cruciale ora che la base del partito stabilisce limiti chiari su quanto lontano possono arrivare i nostri leader. Se Halvorsen e Djupedal vogliono portare avanti la strategia del “economico” da parte degli uffici governativi, la cosa è chiara: passeranno quattro anni a apparecchiare nuovamente la tavola, questa volta per una formidabile vittoria elettorale di Siv Jensen nel 2009.

Ma un risultato del genere non è dato in anticipo. SV e SU hanno guadagnato migliaia di nuovi membri negli ultimi anni. Nessuno di noi vuole essere la quinta ruota del carro della politica di austerità del Partito Laburista. Dobbiamo quindi esigere che il partito persegua una politica che possiamo difendere alle urne tra quattro anni. Il primo punto è spiegare all'avversaria Kristin Halvorsen che i soldati norvegesi non hanno nulla a che fare in Afghanistan, indipendentemente dall'abbreviazione della lettera sulla loro uniforme o dal colore del loro elmetto.

Jan Roger Ljønes e Eivind Johansen sono membri del Trondheim SV.

Potrebbe piacerti anche