Teatro della crudeltà

A proposito di apprezzare la vita

La filosofia della gratitudine Autore
Forfatter: Espen Gamlund
Forlag: Dreyers forlag
(Norge)
FILOSOFIA / In questo libro, la gratitudine cosmica è legata all’atteggiamento di umiltà. Perché viviamo nell’epoca del preteso, del disprezzato, del tradotto, dell’incompreso, del violato e dell’oppresso.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Quando mio padre morì Morte, l'ho ringraziato sinceramente per tutto quello che è stato per me. Non sono sicuro che mi abbia sentito da dove giaceva, ma è stato bello. Non avevo mai formulato un ringraziamento simile prima; si tende a dare per scontate le cure genitoriali. Quando ha esalato l'ultimo respiro, sono uscito nel corridoio dell'ospedale St. Olav di Trondheim. Era l'inizio di dicembre. Dal corridoio arrivò un coro di Lucia. La bellissima canzone ha riempito la mattinata di calore e cura. Mentre le lacrime scorrevano, provavo un'immensa gratitudine per la vita.

Mi è venuto in mente questo mentre sfogliavo il libro La filosofia della gratitudine di Espen Gamlund. Il filosofo Gamlund ha scritto diversi libri in passato sulla moralità e sulla morte. Il libro attuale è un progetto comprensivo, anche se la "gratitudine" non è l'argomento più dibattuto del nostro tempo. Forse al contrario: viviamo nell'epoca delle pretese, dei disprezzati, dei tradotti, degli incompresi, dei violati e degli oppressi. In altre parole, ci sono molte ragioni per cui temi diversi dalla gratitudine sono al centro.

Gratitudine all'ordine del giorno

La casa editrice di Dreyer è quindi da lodare per aver pubblicato una pubblicazione così piccola, su 185 pagine di testo. è forse per chi è più interessato, poiché questo è, secondo l'autore stesso, il primo libro di saggistica che discute l'argomento su base filosofica. Allora potrebbe seccarsi un po'. Ma secondo me dobbiamo sopportarlo. E Gamlund è un filosofo professionista, non un influencer. Il libro merita quindi attenzione e Gamlund spiega bene il perché del tema gratitudine dovrebbe essere all'ordine del giorno.

Conoscere il valore di un dono, il valore di un atto sacrificale, o il valore di un buon pensiero.

Abbiamo dei doveri come genitori nei confronti dei nostri figli. La loro gratitudine non dovrebbe essere intesa in modo tale che essi debbano andare in giro provando continuamente gratitudine eterna nei nostri confronti. Ma devono imparare a conoscere il valore di un dono, il valore di un atto sacrificale, o il valore di un buon pensiero, come qualcosa che è simbolo e da valorizzare in sé, e non solo come questione relazionale, dove spetta al destinatario restituire qualcosa di simile.

Gamlund problematizza il moderno le liste dei regali di nozze, dove gli sposi stabiliscono una panoramica di ciò che vogliono, preferibilmente denaro. Questo confonde un po’ la sensazione positiva che nasce quando diamo e riceviamo regali. Questa diventa più simile a una transazione di baratto. Dice anche qualcosa sulla reificazione e spersonalizzazione della società in cui viviamo.

Crea dipendenza

La gratitudine ha un'importanza morale, scrive Gamlund. "Costruisce" la società. Ma non sempre riusciamo a comprendere tutto ciò che dobbiamo apprezzare. È un paradosso che molte persone nei paesi poveri spesso abbiano punteggi relativamente alti Lykkela scala. Potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che coloro che dicono di essere felici sono i più religiosi. In un certo senso hanno vinto il sorteggio fortunato nella vita attraverso la loro fede. Qualunque cosa accada, trovano in esso un significato, poiché è Dio, Allah o Yahweh a gestire lo spettacolo. E Dio è interessato a salvarci e a darci un buon aldilà. In altre parole, la religione ha un ruolo importante da svolgere nel senso di gratitudine delle persone.

Gamlund problematizza le moderne liste dei regali di nozze.

Ma solo le persone libere sono capaci di provare vera gratitudine verso gli altri, dice il filosofo ebreo olandese Baruch Spinoza. Gamlund ha il fiuto in questo, e questo è ovvio. Ma quanto sono libere le persone religiose, possiamo chiederci. Ogni individuo deve quasi affrontarlo da solo. Ma molti si sentono abbastanza liberi da provare sincera gratitudine.

La vera gratitudine è tuttavia difficile da provare se diventiamo troppo dipendenti dagli altri. In diversi capitoli, Gamlund discute donatore e relazioni che creano dipendenza di per sé, e che quindi confondono una vera relazione di gratitudine.

Ingratitudine e moralità

Espen Gamlund

Per tutto il Medioevo l’ingratitudine veniva descritta quasi come un peccato mortale. Ha chiamato il filosofo tedesco Immanuel Kant ingratitudine per i "vizi diabolici", e il filosofo britannico David Hume paragona le persone ingrate ai genitori che non amano i propri figli. Gamlund opera con due forme di gratitudine, quella interpersonale e quella cosmica. Il primo è quando riceviamo qualcosa o sperimentiamo un'azione positiva nei confronti di noi stessi, e poi ci sentiamo grati alla persona o a coloro che sono stati responsabili dell'azione. La seconda forma si estende su un quadro molto più ampio, che Gamlund chiama cosmico. È la vita stessa, è Dio, è la natura. Qui forse stiamo parlando altrettanto di una visione della vita caratterizzata da una forma di attività apprezzamento, più che gratitudine. La gratitudine cosmica è legata all’atteggiamento di umiltà. È positivo perché contribuisce ad aumentare il grado di solidarietà con gli altri, scrive Gamlund.

Sarebbe riprovevole esprimere gratitudine per qualcosa che è sbagliato e moralmente riprovevole, scrive Gamlund. Dobbiamo sempre distinguere tra giusto e sbagliato. Sono solidale con la lotta dei palestinesi per una Palestina libera e condizioni di vivibilità nella Striscia di Gaza. Ma se ci fossero palestinesi o altri che potessero provare gratitudine verso gli atti terroristici di Hamas sul territorio israeliano, allora sarebbe sbagliato.

Ci sono molte importanti dimensioni sociali e morali nell’essere grati. Anche in questo paese è stato così per molto tempo. Nella vecchia socialdemocrazia, cresciuta fortemente dal 1935 fino alla fine degli anni ’1960, la Norvegia aveva molti portavoce che erano grati per ciò che questo sistema di governo aveva portato in termini di opportunità e diritti per la stragrande maggioranza delle persone. Allo stesso tempo, dovresti essere comunque preparato politicamente: dovresti fare il tuo dovere e rivendicare i tuoi diritti. La gratitudine non dovrebbe passivare.

Gratitudine e altruismo

Abbiamo anche diversi incontri ritualizzati in cui ringraziamo l'esistenza e la comunità per ciò che abbiamo, come il Ringraziamento cristiano. Questo lo troviamo anche nelle altre religioni monoteistiche. Nel circolo culturale orientale, nel Buddismo, ad esempio, c'è una grande enfasi sulla gratitudine, quasi come un riflesso spinale, non importa se si ha poco. Inoltre, c’è una dimensione in più, dove idealmente dovremmo anche essere grati per le prove a cui siamo esposti. Questo è il punto in cui l'ovest e l'est si separano l'uno dall'altro. Il leader spirituale del Tibet, Dalai Lama, fa molta strada quando si dice felice che la Cina lo abbia messo a dura prova costringendolo a fuggire dalla sua amata patria.

Un rapporto attivo con la natura può donare anche sentimenti di gratitudine e di appartenenza.

Alcuni di noi non hanno bisogno di rivolgersi alle comunità religiose per provare una gratitudine generale maggiore. Un rapporto attivo con la natura, di cui facciamo parte, può donare anche sentimenti di gratitudine e di appartenenza. Almeno così funziona per me.

Negli animali possiamo trovare molti esempi di una forma di altruismo reciproco che può essere collegata alla gratitudine, ed è evolutivamente un vantaggio reciproco “comportarsi”. Rispetto agli esseri umani, i cani possono esprimere gratitudine esplicita. Chiunque abbia avuto un cane lo sa. Nelle nostre società umane lo sono altruistico Anche il comportamento è un vantaggio e crea un sentimento di gratitudine e di conseguenza otteniamo una maggiore fiducia.

La gratitudine è forse un sentimento difficile da classificare, ed è meno forte della gelosia, dell’infatuazione e della rabbia. Inoltre diminuisce relativamente velocemente, cioè non dura molto a lungo.

I nostri figli lo capiscono

Dopo dodici capitoli che trattano diversi aspetti del termine, la conclusione è semplice: dobbiamo allenarci a saperne di più sui sentimenti di gratitudine. Ci farà bene. Contribuisce a una società migliore, a più fiducia, più soddisfazione, a una salute migliore e a più felicità. Le ultime due affermazioni sono supportate dalla ricerca. Gamlund afferma inoltre che è assolutamente fondamentale garantire che i nostri figli lo comprendano e che provino gratitudine fin dalla tenera età. La sfida è che oggi ricevono così tanti stimoli che rischiano di perdere tali sentimenti. Sono sovrastimolati e noi siamo così benestanti dal punto di vista materiale che ci "sovraccaricamo" a vicenda con diversi tipi di doni.

Sono felice di aver potuto ringraziare mio padre per la vita e per tutto ciò che ha significato per me. E sono completamente d'accordo con Gamund sul fatto che non dovremmo essere timidi nell'insegnare ai nostri figli a dire attivamente "grazie", ma ovviamente senza trasformarli in pappagalli che si limitano a ripetere qualcosa che hanno sentito, senza metterci alcuna intenzione.

Dobbiamo coltivare un sentimento morale verso chi ci dimostra buona volontà, cioè il sentimento di gratitudine. Il libro di Espen Gamlund ci aiuta nel cammino verso tale intuizione.

Andrew P.Kroglund
Andrew P. Kroglund
Kroglund è un critico e scrittore. Anche segretario generale della BKA (Grandparents Climate Action).

Potrebbe piacerti anche