Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Gli occhi chiusi per il futuro

Il flusso del mese per abo: Il sogno di una patria perduta è l'unico rifugiato rimasto, come rappresentato in questo documentario. Come si può quindi affrontare il futuro?

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Se chiudo gli occhi
Regia: Francesca Mannochi e Alessio Romenzi (in collaborazione con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) (password per gli abbonati New Age: 'libano')

Ricordo tutto. Ricordo la strada, ricordo le galline, ricordo il vicino. Ricordo tutto, grazie a Dio, non dimentico nulla.

Il Libano con i suoi circa quattro milioni di abitanti ospita oltre un milione di rifugiati siriani. 300 dei 000 bambini rifugiati siriani in Libano di età compresa tra 500 e 000 anni non ricevono istruzione. Le scuole pubbliche libanesi non hanno spazio per tutti i bambini siriani bisognosi di istruzione, nonostante i tentativi di estendere l'orario di insegnamento a diverse sessioni al giorno. E le tante scuole informali che sono state istituite non sono certificate, e quindi non possono rilasciare diplomi.

Nel documentario Se chiudo gli occhi offre ai direttori e giornalisti italiani Mannochi e Romenzi uno spaccato di una delle scuole informali gestite per i rifugiati siriani. Seguiamo l'avvocato e idealista siriano Suliman Zuhuri nel suo lavoro per impartire un minimo di conoscenza ai suoi giovani compatrioti. Inoltre, il padre di Suliman Nasser, lo studente Hyam, il fratello maggiore di Hyam Mohammed e sua madre Naziha vengono intervistati.

- annuncio pubblicitario -

Suliman, un insegnante carismatico e impegnato con un'eccezionale capacità di attivare e raggiungere i bambini, spiega che l'unica speranza di sopravvivenza dei siriani come nazione è la scuola. Con instancabile energia e amore, stuzzica i bambini con domande e svolazza ridendo intorno al cortile della scuola in una versione selvaggia della commedia "falco e colomba". Molti degli esercizi e dei compiti a cui sono esposti gli studenti implicano il ricordo il più possibile della patria e la devastazione della guerra e la formulazione di sogni di una futura riunificazione con il paese. Inoltre, gli studenti sono tenuti a intervistare i membri della famiglia sullo stesso argomento.

Uno per uno, studenti e parenti chiudono gli occhi e lasciano che le immagini che ricordano meglio emergano nella loro oscurità interiore. Dettagli dalle case. Vicinato. I volti di parenti abbandonati o deceduti. Gli animali domestici. Il fiume Oronte, gente che nuota, pesca, mangia il gelato. Uccelli nel cielo siriano, erba, pace.

Mappa di pianto. Gli studenti di Suliman rappresentano la fortunata minoranza di bambini rifugiati siriani che hanno accesso alla scuola, ma il tasso di abbandono scolastico è in aumento poiché sempre più bambini sono costretti a lavorare per fornire reddito alle famiglie affamate. L'insegnante dedicato cerca in ogni modo di iniettare conoscenza e speranza nel suo gregge di studenti in declino. Ha una cura speciale per Hyam, che ha perso suo padre in guerra e spesso piange in classe. Suliman crede che molti dei bambini maturino troppo in fretta per aver perso i genitori e per essere messi al lavoro.

L'unica speranza di sopravvivenza dei siriani come nazione è la scuola.

Dopo la morte del padre, il fratello dodicenne di Hyam, Mohammed, ha accettato il suo primo lavoro. Il brutale lavoro di trasporto dei mattoni lo ferì alla mano e alla schiena, e il ragazzo fu ingannato e sottopagato. Quando non riceveva uno stipendio per diversi mesi, si licenziava e non riceveva mai lo stipendio in arretrato. Ma il ragazzo ha continuato la sua involontaria carriera nel settore edile e, dopo cinque anni di spargimento di sangue, sogna ancora di andare a scuola in Siria, che crede fosse meglio che lavorare in Libano, anche se sono piovute bombe.

skjermbilde-2016-09-29-kl-12-02-07

Il film è caratterizzato da un budget basso e da un focus tematico alquanto limitato. La colonna sonora è generica, monotona e ripetitiva, ei sottotitoli in inglese sono rovinati da molti errori che distraggono. I filmati della scuola e dell'aula, le case dei personaggi principali e i campi profughi si intersecano con i fotogrammi del regista Romenzi dalla Siria dilaniata dalla guerra nel periodo compreso tra gennaio 2012 e maggio 2013. Considerando il tema del film, il film aveva tratto grandi benefici dalla diretta immagini dalla Siria ritorno a casa.

La Siria appare come il simbolo inequivocabile del futuro del film, splendidamente illustrato dal disegno di Hyam di una mappa piangente che la abbraccia: “La Siria ci manca. Dobbiamo riunirci. " Bambini e adulti dicono con voce quasi unanime che sono stati costretti a lasciare la casa e che non vedono l'ora di tornare a casa. Il messaggio è presentato con una chiarezza che sembra indottrinata o modificata. Il risultato sembra essere programmatico nella sua mancanza di sfumature. Non sono inclusi dettagli in espansione o contraddittori, non vengono presentati sogni futuri alternativi. I siriani che chiudono gli occhi per immaginare meglio la loro patria diventano involontariamente il ritratto di una nazione sfollata che chiude gli occhi sul proprio futuro.

Idea salvavita? Infatti, sebbene tutti sperino che la guerra siriana finisca presto, sembra incerto quando e se ciò accadrà. Ma qual è l'alternativa al sognare la tua patria? Altri documentari sui rifugiati siriani, tra gli altri La fuga di Mahmoud (riportato a Ny Tid a maggio) e La vita al confine, mostra famiglie e bambini che attraversano il confine verso i paesi europei, dove hanno l'opportunità di integrarsi in comunità che offrono alloggio e istruzione. Ma ci sono abbastanza paesi disposti e in grado di ospitare milioni di siriani? E come potrà essere ricostruita la Siria quando la maggior parte dei bambini sarà privata dell'opportunità di ricevere un'istruzione di base?

In quanto internazionalista, rifiuto l'idea dello stato nazione come insostituibile capofamiglia e incubatore di aggressioni per cui vale la pena sacrificare la vita. Ma l'idea che Suliman pianta nei suoi studenti – la patria come obiettivo e l'istruzione come mezzo – è comprensibile, forse vitale per i rifugiati che vivono nelle condizioni più anguste. La madre di Hyam osserva che la guerra non fa discriminazioni tra adulti e bambini: "Viviamo o moriamo". Dopo tutto quello che hanno perso, forse la speranza della loro patria è l'unica cosa per cui vivono.

Occhi chiusi. Le interpretazioni siriane dell'incubo della guerra fanno una forte impressione, ma la situazione più forte del film si verifica quando Suliman cerca una zona particolarmente misera nel campo profughi. Viene ricevuto da alcuni bambini di sei anni e flirta con baci di benvenuto su entrambe le guance. "Perché non sei a scuola?" chiede a una bambina. "Perché sono a casa," risponde con aria di sfida. "Cosa hai mangiato oggi?" chiede ulteriormente, con occhi innocenti e una presunta leggerezza, ma la preoccupazione si avverte dietro. "Insalata", risponde. "Non è un cetriolo?" "Non abbiamo il cetriolo." "E non la carne?" "No." Chiede ad alcuni dei bambini più piccoli quali sono i loro nomi, di chi sono fratelli e se può ricevere un bacio anche da loro. Poi va a incontrare un uomo adulto e sottolinea con voce gentile quanto sia sfortunato che sempre più bambini siano assenti da scuola. L'uomo annuisce seriamente, ovviamente non ha soluzioni da offrire: le famiglie dipendono dal lavoro dei bambini per sopravvivere. Il futuro è un lusso che puoi permetterti di sognare solo quando chiudi gli occhi.

 

Leggi l'intervista al regista qui: Descrive la vita quotidiana dei bambini rifugiati

Hilde Susan Jaegtnes
Autore e sceneggiatore per film e televisione.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato