Ordina qui l'edizione estiva

Record di jazz norvegese da 100 anni

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

In un catalogo del 1906 per i rullini fonografici di Pathé, c'è una nota melodia jazz tradizionale, "At a Georgia Camp Meeting", registrata dal piccolo flautista Chr. Pettersen. La registrazione deve essere avvenuta probabilmente nel 1905, il che significa che non solo abbiamo potuto celebrare il 100° anniversario dello scioglimento del sindacato, ma anche dei dischi jazz norvegesi.

Jazz e jazz. La musica non era particolarmente "calda", ma le sincopi ragtime erano ben note in Norvegia. Non era nemmeno un disco, ma un rullino fonografico. La registrazione è inclusa nella discografia jazz norvegese di Johs Bergh, con il sottotitolo 1905-1998, quindi possiamo ben celebrare questo precursore del jazz norvegese.

Il ragtime ha preso rapidamente piede tra i fisarmonicisti norvegesi e negli anni 1908-20 sono state effettuate numerose registrazioni rilevanti, e ora ha coinvolto 78 dischi, per un totale di 35 lati di dischi. Il termine "jazz" non è arrivato in Norvegia fino al 1919, e ci sarebbero voluti altri sei anni prima che la parola apparisse su un'etichetta discografica, "Nya bonnjazzen" con Original Oslo Jazzband. Ma era molto lontano da quello che oggi chiamiamo jazz.

La musica "jazz" dal 1925 in poi era musica da ballo e intrattenimento leggermente sincopata senza improvvisazione, ma con frammenti di fraseggio jazz. Dapprima puramente strumentale, come "Columbia Blues" (1928) di Ottar Akre e "Norsk Jazzfantasi" di Kristian Hauger (pot-pourri di melodie popolari norvegesi, 1929), poi come supporto orchestrale per schlager.

L'era dell'oscillazione

Fu solo nel 1938 che uscirono i primi "veri" dischi jazz, cioè dischi che erano intesi come jazz onesto piuttosto che come musica schlager. Il quartetto Funny Boys (con, tra gli altri, il pianista Gunnar Sønstevold) andò nello studio di Odeon e realizzò il disco del 78 "Tiger Rag/Cocktail". Nasce così, in un periodo di gloria per la musica swing, con, tra gli altri, String Swing di Freddie Valier (1938-39), Swing Four di Gunnar Sønstevold (1939), Oslo Swingklubbs Band (1940), il gruppo String Swing (1940 -41), Rowland Greenberg (1942), Frank Ottersen (1942-43) e il leggendario Syv Muntre (1942-43). Il 1941 fu un anno di punta preliminare nella produzione di dischi jazz norvegesi; 26 pagine di record sono incluse nella discografia jazz di Johs Bergh, un record che non è stato battuto per 13 anni.

Nel 1943, però, le sorti della guerra erano cambiate per la Germania, c'erano tempi duri e dolorosi, con poco spazio per il jazz. Nella corsa alla libertà del 1945, si aspettavano una valanga di dischi jazz, ma il revival ha avuto il suo pedaggio. Ci sono stati diversi anni di produzione molto lenta del jazz norvegese.

Varietà di stili

Nel 1949 la conoscenza del bebop jazz era arrivata in Norvegia, contemporaneamente a un "revival" per il jazz tradizionale. A cavallo degli anni 1949/50, il quintetto di Willy Andresen registrò quattro lati del moderno bebop, e la popolare Big Chief Jazzband divenne l'ospite più frequente degli anni '50 in studio di registrazione con un totale di otto 78 dischi – una quantità considerevole per le condizioni del tempo.

Il 1954 doveva essere un altro anno di punta per il jazz norvegese, con 38 lati di album registrati, incluso il primo EP norvegese con jazz abbastanza avanzato arrangiato dal trombonista Arne Hermandsen. Ma il problema è che molte delle 38 pagine dell'album non sono uscite! Qualcosa chiamato rock'n'roll, pop e un nuovo mercato adolescenziale era arrivato – e il jazz aveva perso in quella competizione. Nel 1959, un anno di punta per i jazz club norvegesi, non fu registrata una sola nota jazz.

Primo LP norvegese

I musicisti jazz svedesi erano già sul mercato degli LP dal 1956, e i musicisti norvegesi guardavano oltre confine con grande invidia. Sette anni dopo, nel 1963, Norsk Grammofonkompani prese l'iniziativa per il primo LP jazz norvegese, una compilation con 11 band sotto il titolo Jazz metropolitano. L'anno seguente vide il primo LP a nome di un singolo artista, Karin Krogs by Myself su Philips (1964).

Dopo questo attento investimento, il 1967 ha portato la pausa primaverile nel jazz norvegese con un totale di cinque LP, e siamo tornati ai livelli del 1941 e del 1954.

Ciò non è dovuto solo alle solite case discografiche commerciali, ma anche al fatto che le organizzazioni Norsk Jazzforum e Norsk Jazzforbund hanno preso in mano la situazione e hanno pubblicato Egil Kapstads Sembra e Jan Garbarek A Vigdis.

Ora sia l'ambiente dei club che la produzione discografica erano in ripresa. Con Jan Garbarek come band leader, negli anni 1967-73 furono realizzati dieci LP, tra gli altri Uccello pepe africano, che nel 1970 ha inaugurato il successo dei musicisti contemporanei norvegesi su German ECM Records. Nel 1974, Karin Krog pubblicò un totale di quattro LP, e in quell'anno il numero di dischi jazz norvegesi salì a circa 20 LP all'anno.

Compagnia idealista

Ma questo livello doveva rimanere invariato per 16 anni. Forze più idealiste farebbero qualcosa al riguardo. Nel 1981, l'etichetta discografica del Norsk Jazzforbund, Odin, e il campione di free jazz Frode Gjerstad fondarono la loro etichetta, Circulasione Totale, a Stavanger. L'anno successivo Jon Larsen fondò la Hot Club Records, nel 1984 arrivò Bjørn Petersen con Gemini, nel 1987 Karin Krog con Meantime e alla vigilia degli anni '1980 il tradizionale appassionato di jazz Trygve Hernæs con Herman Records a Trondheim.

Poiché queste imprese idealistiche si aggiungevano a quelle consolidate e commerciali, probabilmente avrebbe dovuto significare una maggiore produzione di jazz norvegese. Ma il risultato è stato solo che i grandi marchi hanno lasciato l'arena ai fanatici, ora non avevano bisogno di pubblicare dischi jazz e potevano perseguire i loro interessi finanziari.

Nel 1985, il primo CD con jazz norvegese (Jan Garbareks Va bene ascoltare la voce grigia). Questo nuovo mezzo era economico da produrre, e una volta che la maggior parte delle persone ha avuto lettori CD, la produzione è salita alle stelle, dal 1990 con circa 35 CD all'anno, dal 1997 oltre 50, e nel 2001 sono stati pubblicati circa 100 (!) CD con jazz norvegese.

C'era una flora di piccole compagnie gestite da musicisti, tra cui NOR-CD di Karl Seglem nel 1990, Curling Legs di Knut Værnes nel 1991, Jazzland di Bugge Wesseltoft nel 1996, Resonant Music di Terje Gewelt nel 1998, Sofa di Ivar Grydeland e Ingar Zach nel 2000, Jazzaway di Jon Klette e Household Records di Petter Wettre, entrambi nel 2003.

Negli ultimi quattro anni, 2001-2004, abbiamo prodotto circa 60-100 dischi jazz all'anno. Alcuni hanno chiesto se questo è troppo. Tutto ciò che è stato registrato merita davvero di essere pubblicato? Dopotutto, le persone coinvolte hanno scoperto da tempo che il jazz non è qualcosa da cui si guadagnano soldi. Ma il jazz è "l'arte del momento". Dà motivo per registrare momenti musicali che non possono mai essere scritti. In quale altro modo documenteremo una forma di musica in cui l'improvvisazione è più importante dello scritto?

Potrebbe piacerti anche