Ordina qui l'edizione estiva

Storia norvegese delle idee in inglese

L'inglese minaccia la lingua norvegese e il mondo accademico norvegese?

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[nuovo diario] Sì, la risposta tradizionale è stata da parte di chiassosi intellettuali norvegesi. Questo autunno, ad esempio, i professori Erik Bjerck Hagen e Anders Johansen (a cura di) hanno pubblicato Cosa faremo con la scienza? 13 post dalla disputa sui bordi di conteggio. Si comincia con l'appello dell'anno scorso di 223 professori, che protestano contro i nuovi sistemi di ricompensa nelle università: "Le materie sociali e culturali hanno bisogno di accordi che non discriminino la lingua norvegese della conoscenza..."

Nel suo contributo, Birgit Brock-Utne, professoressa di scienze dell'educazione comparata, critica il Language Council per aver combattuto troppo poco per la lingua norvegese: "C'è motivo di affermare che la lingua norvegese è minacciata e che molti ambienti universitari e universitari contribuiscono a questo. Il Language Council permette loro di andare avanti".

Ma ora c'è stata una nuova collaborazione nordica che in pratica sfida l'idea della lingua inglese come minaccia. La neonata Associazione nordica per la storia delle idee ha avviato un nuovo giornale: Ideas in History. E come suggerisce il titolo, qui tutti i testi sono in inglese.

In pratica, quindi, paradossalmente, l'inglese funge da unificatore per i gruppi linguistici della regione nordica: finlandese, svedese, danese, norvegese e islandese. Norvegese e finlandese possono sembrare inclusivi per norvegesi e finlandesi, ma tali lingue minoritarie sembrano esclusive per la maggior parte delle altre. O per capovolgere: le lingue nazionali possono significare che ti rendi un disservizio chiudendoti fuori dal dibattito internazionale.

La redazione e direttrice della rivista Ingrid Markussen – nata in Danimarca, formata in Svezia e docente all'Università di Oslo – ovviamente non commenta i dibattiti linguistici. Ma nel primo editoriale vengono sottolineate le possibilità: "La comunità nordica di studiosi coinvolti nella storia intellettuale ha ora un'opportunità unica di raggiungere non solo un pubblico pan-nordico, ma anche un pubblico globale di lingua inglese" (traduzione mia).

Il primo numero di 230 pagine mostra che la comunità nordica di storia delle idee ha molto da offrire: Thomas Krogh e Sverre Blandhol analizzano rispettivamente CB Macpherson e il pensiero giurisprudenziale nordico. Mikkel Thorup, residente ad Aarhus, discute della "nuova barbarie" – la visione europea della politica unilaterale degli Stati Uniti, mentre il docente di Lund Mikael Hörnqvist resuscita Petrarca come pensatore politico. Forse alcuni dei più sorprendenti vengono dal 28enne borsista dell'Università di Bergen Kristoffer Mumrak, che esamina le somiglianze tra le forme di governo in Mesopotamia e nell'antica Grecia.

In breve: la storia delle idee norvegesi e nordiche sembra essere più forte che da molto tempo. Nonostante, o forse a causa della, lingua inglese.■

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche