Ordina qui l'edizione estiva

La Norvegia ad Arf!

Abbandonate il dibattito tra UE e USA. La Norvegia dovrebbe invece allearsi con l'Asia.

Dopo una visita a Toronto quest'estate, lo scrittore britannico Timothy Garton Ash ha scritto un controverso articolo su The Guardian: Suggerì che l'UE invitasse il Canada a diventare membro dell'Unione Europea! Il motivo è che quasi nessun paese al mondo – anzi, quasi nessuno dei futuri Stati membri dell'Europa orientale – soddisferebbe i requisiti dell'UE meglio del paese ricco, tollerante e amante della pace del Nord America.

La proposta di Ash può sembrare in qualche modo resiliente e lungimirante, ma se non altro ha portato a centinaia di post di lettori coinvolti.

Trasferito alle condizioni norvegesi: dove dovrebbe la Norvegia cercare nuovi alleati economici e culturali nel 21° secolo? In primo luogo, l'appartenenza all'UE non è rilevante: dopo oltre 40 anni di dibattiti e due referendum, l'opposizione norvegese all'adesione all'Unione europea è ancora forte. E quando la Norvegia sarà in grado di agire insieme per una domanda, l'UE stessa è di fatto pronta a fare il secondo violino su base globale con lo sviluppo economico odierno.

Ma dove dovrebbero rivolgersi questi norvegesi orientati a livello internazionale, in alternativa allo stretto sì o no al dibattito sull'UE, ora che anche i negoziati dell'OMC sono falliti a luglio?

Nel miglior spirito di Ash, la risposta alla fine dovrebbe essere ovvia: ASEAN, che sta per Associazione delle nazioni del sud-est. Oggi, la cooperazione economico-politica Asean ha 10 paesi membri principali, con Singapore, Indonesia e Tailandia come forze motrici originarie. Ma sia l'Australia che la Nuova Zelanda, il Giappone, l'India, la Cina e la Corea del Sud sono ora diventati i cosiddetti partner di dialogo. E così sono coperte ampie fasce della popolazione mondiale, per non parlare di una quota sempre più ampia dell'economia mondiale.

La Norvegia è già fortemente influenzata dai paesi dell'ASEAN: la Thailandia è la principale destinazione turistica all'estero della Norvegia. L'Australia è il luogo di studio più popolare tra i norvegesi. L'India e il Punjab ospitano il gruppo di immigrati più centrale della Norvegia. La Cina ha superato gli Stati Uniti come principale paese importatore di Norvegia al di fuori del nord Europa. Mentre il Giappone produce auto e televisori preferiti dai norvegesi, allo stesso tempo fornisce anche Playstation, Pokemon, manga e altre espressioni della più importante cultura per bambini e giovani di oggi.

L'unica cosa che manca in pratica alla Norvegia è un collegamento formale con i paesi più importanti del 21° secolo. A tal fine, la Norvegia potrebbe inizialmente aderire alla cooperazione in materia di sicurezza ARF, i 25 paesi del forum regionale dell'Asean. Qui, ad esempio, partecipa anche il Canada, che ha firmato un accordo antiterrorismo con l'organizzazione alla 13a conferenza dell'Asean in Malesia il 28 luglio.

Finora, la Norvegia ha scelto di stare fuori, ma la Norvegia probabilmente perde più di quelli che sembrano essere i paesi più importanti del 21° secolo.

Può sembrare improbabile che la Norvegia ufficiale cominci a rivolgere lo sguardo più a est che a ovest. Quasi come se qualcuno avesse predetto nel 1989 che l'ignota enclave sovietica della Lettonia sarebbe presto diventata un membro della NATO e dell'UE. È tempo di pensare in grande.

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche