Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

- Non possiamo semplicemente chiamare la Russia un nemico

Le donne hanno preso un posto più grande nelle forze armate negli ultimi anni. Cosa pensa una giovane soldatessa del ruolo della Norvegia nel tanto discusso esercizio della NATO?

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Trude Gjelsten è una studentessa di scienze politiche e collega di Schøning ed Ekanger nella task force HV del Nordland. Durante l'esercizio a Telneset, Ny Tid le chiede se ha pensato a uno scenario di "caso peggiore":

"Sì, devi riflettere su ciò che pratichi, che devi difendere e guerre per riavere il tuo paese. Molto drammatico può accadere in una situazione di guerra: si può rischiare di dover prendere la vita o di trovarsi in situazioni di grande sofferenza. Nessuno lo vuole ", risponde il deputato di Heron.

Cosa pensa della Russia che critica l'esercizio della NATO?

"Ora non è vicino alla Russia quaggiù [nella Norvegia centrale], e anche i russi si stanno esercitando, quindi lo vedono minaccioso, non capisco", risponde Gjelsten. Ma anche la Russia non può essere definita solo un nemico, afferma:

- annuncio pubblicitario -

“La Norvegia ha molti accordi bilaterali con la Russia. Collaboriamo con la Russia in molte aree, lo abbiamo anche fatto militarmente prima dell'Ucraina [2014]. Certo, collaboriamo molto con gli Stati Uniti, siamo alleati della NATO e gli Stati Uniti rappresentano gran parte del bilancio della NATO. ”È chiaro che è importante che entrambi diate e prendiate parte a una collaborazione. Alle critiche che sono derivate, tra l'altro, dal movimento per la pace che un esercizio come questo – e l'esercito in generale – costa troppo, risponde:

"La pace e la cooperazione sono importanti per la costruzione, ma non possiamo ignorare il fatto che dobbiamo essere in grado di proteggere il nostro paese".

Gjelsten è ambizioso e si svilupperà ulteriormente all'interno della Home Guard. Molte volte ha anche pensato alla possibilità di partecipare a forze internazionali, racconta a Ny Tid.

"È stata un'esperienza, nel bene e nel male. Probabilmente non direi di no se ne avessi l'opportunità ”, afferma sorridendo il 24enne.

 

Vedi anche sostanzialmente.

Kaisa Ytterhaug
Ytterhaug è un libero professionista a Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.