Ordina qui l'edizione estiva

Sables innovazione

YouTube, Wikipedia, vaccini, mp3 e p2p, piante geneticamente modificate e Google News; la digitalizzazione e la cooperazione internazionale aprono nuove opportunità per la diffusione della cultura e della conoscenza.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[battaglia della conoscenza] Le domande sulla battaglia sono in coda. Gli intermediari, come le industrie della musica, dell'editoria e del software, sono scettici e si girano lentamente. Il download illegale di musica sarebbe così esteso se le alternative legali fossero arrivate prima?

Il motivo dello scetticismo degli intermediari è che lo sviluppo consente di prendersi cura sia degli interessi dei creatori e degli inventori da un lato, sia degli utenti dall'altro, senza che gli intermediari debbano essere lasciati con un così grande pezzo di la torta come oggi. Pertanto, queste industrie rispondono con una campagna ideologica per un controllo legale e tecnologico più rigoroso – nelle premesse degli intermediari. Un risultato è l'accordo TRIPS anti-sviluppo, che attraverso i brevetti sul materiale genetico sottrae alle comunità locali il diritto di coltivare piante che coltivano da generazioni.

Nelle ultime settimane, ci sono stati diversi dibattiti correlati qui a Ny Tid. Il Segretario di Stato Morten Wetland nell'Ufficio del Primo Ministro non si è nemmeno preso la briga di commentare la sua risposta (15 dicembre) su una proposta per un modello alternativo di finanziamento dei vaccini, presentata da John Y. Jones l'8 dicembre. Invece, Jens Stoltenberg si alza sorridendo e legittima il programma di vaccini Gavi di Bill Gates, dove il re dei brevetti Gates ha rifiutato il diritto alla licenza obbligatoria. Il fatto che Gates abbia scelto di dare soldi proprio per i vaccini non è affatto casuale: ammorbidisce le critiche contro un regime di brevetti da cui guadagna una fortuna. La questione non è se dovremmo avere brevetti o meno, ma come sono concepite le regole.

Piuttosto che doni da ricchi zii con motivi vicari, i paesi poveri dovrebbero avere l'opportunità di costruire la propria industria della conoscenza. Quando l'Occidente si è industrializzato, abbiamo fatto a pezzi la tecnologia per una scarpa bassa. La Norvegia aveva spie industriali sui libri paga pubblici. Le tigri asiatiche fiorirono, tra l'altro, perché ricevettero la tecnologia dagli Stati Uniti, che volevano contenere il comunismo. Ora che l'Occidente si è costruito, stiamo tirando su la scala dietro di noi, in modo che i paesi poveri siano frenati da un brutale regime di brevetti.

La proposta di esenzione fiscale per gli artisti, avanzata da Elektronik forpost Norge (EFN), ha suscitato un dibattito in cui Hans M. Graasvold della Norwegian Association of Professional Writers and Translators (NFF) ritiene che la proposta "soprattutto era una patina sul vero scopo dell'EFN" che The NFF ritiene che in pratica il copyright debba essere abolito (Ny Tid, 8 dicembre). Non è vero. EFN, d'altra parte, ritiene che sia possibile sia aumentare la libertà dell'utente sia salvaguardare il reddito dei creatori. La nuova tecnologia offre nuove opportunità: la digitalizzazione e le ricerche online portano a un aumento della domanda di titoli ristretti. In futuro, ogni caffetteria avrà una piccola stampante/rilegatrice simile a un bancomat nell'angolo. Lo sviluppo tecnologico sta avanzando e sta creando un crescente bisogno di innovazione ideologica. ■

Potrebbe piacerti anche