Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Gli sciocchi per le strade di New York

La mostra di Helen Levitt mostra come la vita nelle strade di New York nel diciannovesimo secolo possa essere divertente e divertente, specialmente per i più piccoli.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

display: Helen Levitt
Museo Albertina a Vienna, Austria
Al 27 gennaio 2019

Helen Levitt

La mostra delle opere della fotografa americana Helen Levitt (1913–2009) al Museo Albertina di Vienna presenta un'opera d'arte umoristica, surreale e giocosa, con immagini scattate per le strade dei quartieri poveri di Harlem e del Bronx a New York City . La mostra include opere dai tempi di Levitt come fotografa di strada a documentarista e la eleva come pioniera nella fotografia a colori.

A metà degli anni '1930, Levitt acquistò una fotocamera Leica 35mm – la preferita di Henri Cartier-Bresson (1908–2004) – e iniziò a fotografare la cultura dei bambini per le strade di Manhattan. La sua arte è fortemente influenzata da Cartier-Bresson e dal surrealismo, dove le sue composizioni contengono elementi di coincidenze enigmatiche e umoristiche che sembrano surreali.

- annuncio pubblicitario -

Levitt ha scattato foto in modo intuitivo mentre si pavoneggiava per le strade di New York. Spesso catturava i passanti in pose strane, conferendo ai loro corpi uno sguardo alienato. Come il ragazzo nella carrozzina (New York, 1940), dove il corpo della madre, che si china nella carrozzina su cui è seduto il figlio, sembra alienato e strano. L'immagine mi fa ridere, allo stesso tempo sembra misteriosa e strana.

Bouffonesk

È sorprendente vedere quanto siano vitali, creativi, inventivi e giocherelloni i bambini di quel tempo, rispetto ai bambini del nostro tempo, che spesso siedono in casa e "giocano" sull'iPad. Levitt ritrae i bambini che giocano ad alta velocità con ciò che trovano per le strade.

La mostra è un commento politico sul mondo tecnologico in cui viviamo.

Tutto dalla foto con i bambini che hanno trovato una cornice con cui giocare (New York, 1940), ai bambini che ricreano scene di battaglia della seconda guerra mondiale con pistole di cartone, sembra allo stesso tempo ingenuo, creativo e dirompente.

Verso la fine dei suoi 70 anni di carriera, Levitt esprime profondo dolore per i cambiamenti nel panorama di New York: “I bambini erano fuori. Adesso le strade sono vuote. Le persone sono in casa, guardano la televisione o qualcosa del genere. »

Il paesaggio di Levitt, con i suoi ritratti di individui in circostanze surreali, mi ricorda il genere teatrale giullare («Stolti»). Vivo gli individui come gli sciocchi della strada. Ogni singola persona nelle sue fotografie rappresenta archetipi di classi sociali diverse: abbiamo la donna ricca in pelliccia e tacchi alti – le donne pettegole sedute proprio fuori casa – il povero ragazzo che mendica per strada – la madre della classe operaia a casa – e presto.

Nel bouffon di genere teatrale politico e umoristico, gli sciocchi ridono del loro pubblico – e non il contrario. Le persone nel paesaggio di Levitt sono come i personaggi di un bouffon, con la strada come palcoscenico. Quando li vedo fissare sorridenti nell'obiettivo della fotocamera, è come se stessero ridendo di me e dei tempi in cui vivo, con la guerra, il razzismo, l'estremismo di destra, l'oppressione delle donne, il consumismo e la catastrofica crisi climatica proprio intorno. l'angolo.

La strada come parco giochi

I personaggi grandi e piccoli del bouffon usano la strada come un parco giochi. È stimolante vedere come sfruttano il potenziale della strada nello spettacolo: i bambini si nascondono negli angoli e nelle fessure e giocano con tutto ciò che già esiste in strada, come i rubinetti dell'acqua pubblica.

Per i bambini, ciò che non è pensato per essere un giocattolo è spesso più interessante con cui giocare rispetto ai giocattoli reali. Mia figlia di nove mesi conferma questa teoria: spesso trova più interessante giocare con un cucchiaio o una salvietta umidificata rispetto ai giocattoli costosi e fantasiosi che le ho comprato. Mi viene ricordato ogni giorno che la semplicità è spesso la migliore.

In questa rappresentazione politica di Levitt, i bambini agiscono come attori e gli adulti come comparse o spettatori interattivi. Mi ispira, mi delizia e mi tocca. Una parte di me vuole prendere parte al gioco, ma sfortunatamente queste piccole comunità che sono catturate nelle sue fotografie sono scomparse dal nostro tempo. Vivo la mostra come un commento politico, sul mondo tecnologico in cui viviamo, dove siamo controllati dai nostri telefoni cellulari.

Mentre guardo un estratto dal cortometraggio Nella strada (1948) nell'ultima stanza, penso che vorrei che ci fosse una macchina del tempo in modo da poter tornare indietro nel tempo e piuttosto vivere a New York negli anni '1940. All'improvviso il mio pensiero viene interrotto dallo squillo del cellulare.

Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Tutti contro tutti

RIFUGIATI: L'unità è polverizzata, tutti pensano solo a cavarsela da soli, sopravvivere, strappare un boccone in più, un posto nella coda del cibo o nella coda del telefono.

Molti conservatori norvegesi faranno un cenno di apprezzamento a Burke

UNA DOPPIA BIOGRAFIA: Dagli anni '1950, le idee di Burke hanno subito una rinascita. L'opposizione al razionalismo e all'ateismo è forte tra i 40-50 milioni di cristiani americani evangelici.

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti.

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.