Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il narco-stato che ha saltato la democrazia

Fatos Lubonja
Fatos Lubonja
Fatos Lubonja è uno scrittore albanese che ha trascorso un totale di 17 anni in prigioni e campi di lavoro forzato durante il regime di Enver Hoxha. È autore di numerosi libri tradotti in italiano, tedesco, inglese e polacco. Tra gli altri premi ha ricevuto il Premio Alberto Moravia per la Letteratura Internazionale nel 2002 e il Premio Herder per la Letteratura nel 2004. Vedi https://en.wikipedia.org/wiki/Fatos_Lubonja
ALBANIA / Perché l'Occidente sostiene un paese che è nelle grinfie della criminalità organizzata?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nella primavera del 2019, i membri dei partiti di opposizione albanesi hanno deciso di rinunciare ai loro mandati parlamentari. Avevano prove di collaborazione tra la criminalità organizzata e il partito al potere alle ultime elezioni e non volevano aiutare a mantenere una facciata democratica in un narco-stato che il quotidiano The Independent chiamava "la Colombia d'Europa".

L'opposizione ha scelto le proteste e la disobbedienza civile come metodo per sensibilizzare il proprio popolo e tra i politici occidentali. Ma da Bruxelles è arrivata una condanna e un chiaro sostegno all'attuale governo. L'argomento principale di Bruxelles può essere riassunto come segue: avete compiuto progressi verso il nostro tenore di vita, quindi ora non dovete fare un passo indietro.

Vice Segretario di Stato Matteo Palmer, ora rappresentante americano degli Stati Uniti nella regione, ha dichiarato in una trasmissione di un'emittente televisiva albanese filogovernativa che sarà vietato l'ingresso negli Stati Uniti a qualsiasi politico che inciti atti di violenza durante le elezioni locali boicottate. (Lo stesso atteggiamento è prevalso contro le proteste antiautoritarie dell'opposizione in Serbia e Montenegro.)

Il sostegno dato al narcostato albanese dall'establishment occidentale si basa essenzialmente sull'avversione dell'Occidente a riconoscere il fallimento del neoliberismo e della globalizzazione.

Come si spiega il sostegno all'autoritarismo, alla corruzione e alla cooperazione sempre crescente tra il governo albanese e la criminalità organizzata? Alcuni critici indicano come causa la diffusione delle "stabilocrazie" della democrazia [stati che tengono regolarmente elezioni, ma hanno leader autoritari che governano attraverso reti informali, ndr]. Altri sottolineano ragioni geopolitiche, come il rischio di una maggiore influenza russa o turca nella regione.

Il fatto che il governo albanese abbia protetto i mujaheddin iraniani viene citato come spiegazione del sostegno americano. Queste spiegazioni non possono essere ignorate, ma c’è una ragione più profonda per questo sostegno, e ha a che fare con gli sviluppi successivi alla Guerra Fredda, sia in Occidente che nei paesi ex comunisti.

Rotta verso ovest

La narrazione della transizione dall'essere un paese ex comunista all'abbracciare il modello occidentale, costruita all'inizio degli anni '90, si basa su due paradigmi semplicistici: la "fine della storia" di Fukuyama e i "paesi lacerati" di Huntington. Secondo questa rappresentazione, nei paesi dell’Est l’élite di orientamento occidentale (in contrasto con la mentalità orientale della popolazione, e per questo chiamata da Huntington “paesi spinosi”) doveva condurre il popolo verso la “terra promessa” che l’Occidente aveva già raggiunto (la "fine della storia" di Fukuyama). L'idea di questo viaggio, chiamato “la transizione”, porterebbe infine a un'espansione dell'Occidente secondo un modello che potrebbe poi conquistare il mondo.

Negli ultimi trent’anni l’élite politica occidentale ha assunto il ruolo di guidare tali cambiamenti nei confronti dei paesi dell’Europa orientale. D’altra parte, le élite dei paesi dell’Europa orientale hanno utilizzato il proprio coinvolgimento politico per competere per vedere chi fa il miglior lavoro per raggiungere uno standard occidentale. Alcuni di questi paesi hanno già raggiunto l'adesione all'UE, altri, come i paesi dei Balcani, costituiscono l'ultima parte della carovana verso l'Occidente, ma secondo la storia sono sulla strada giusta.

In realtà stiamo assistendo a un viaggio completamente diverso; sia in occidente che in oriente. Trump al potere negli USA, la Brexit, la sovranità nei paesi dell’UE sono esempi del fatto che l’Occidente non ha raggiunto la “terra promessa”, ma si sta muovendo verso un futuro non proprio così felice.

Lo sviluppo autoritario e autocratico nei nuovi paesi dell’UE, come Ungheria e Polonia – per non parlare dello sviluppo nei paesi che non hanno ancora aderito all’UE: Albania, Serbia, Montenegro, Bosnia, Kosovo e Macedonia del Nord – è ben lungi dall’essere 90 le aspettative del XX secolo.

Se consideriamo che la narrazione della transizione comprende anche Turchia e Russia, il vero viaggio diventa ancora più complesso e problematico.

Dalla dittatura alla post-democrazia

L’Albania è un buon esempio di crisi nella storia della transizione. L’economia albanese è sempre stata debole, informale e sempre più basata sul denaro della criminalità organizzata. Se guardiamo al boom edilizio di Tirana, che rappresenta solo una piccola parte dell’economia sana, ci rendiamo conto che stanno riciclando denaro per conto della criminalità organizzata albanese, un’organizzazione diffusa in tutta Europa. A causa di questo fenomeno socioeconomico, la politica albanese è diventata sempre più rappresentativa e favorevole agli interessi criminali, evolvendosi in un sistema più autoritario con spazi democratici restrittivi.

Il fatto che trafficanti di esseri umani e assassini siano entrati in parlamento e siano stati eletti sindaci di diverse città è un fenomeno che non avremmo potuto immaginare negli anni ’1990.

Come conseguenza della disperazione creata da questa transizione senza speranza, il numero di albanesi che hanno lasciato la propria patria è aumentato drasticamente negli ultimi anni. (Secondo un sondaggio Gallup del 2017, il 56% degli albanesi vuole emigrare. Secondo le previsioni delle Nazioni Unite del 2019, l’Albania, che oggi conta 2,87 milioni di abitanti, entro il 512 ne avrà solo 000).

L’economia albanese è sempre stata debole, informale e sempre più basata sul denaro della criminalità organizzata.

Invece di una transizione verso la prosperità e la democrazia occidentale, l’Albania sta in realtà vivendo un regime narco-autoritario che sembra peggiorare.

D’altra parte: perché i burocrati dell’euro continuano a insistere sul fatto che il Paese ha fatto progressi, dimenticando che quando analizzano gli sviluppi, non sono disposti a parlare di pericolosi passi indietro?

Per me, ciò è fondamentalmente dovuto a una crisi/malattia comune, sia in Occidente che in paesi come l’Albania: ciò che è stato introdotto dal sistema come la “fine della storia”: il neoliberismo, basato sull’idea della Thatcher: “Non esiste un tale in quanto “società”, esistono solo gli individui”.

Polarizzazione crescente

Dopo l’illusione originaria di una maggiore libertà e ricchezza per l’individuo, che è stata accolta calorosamente in Oriente, il neoliberismo ha aperto la strada a una crescente polarizzazione tra pochi ricchi e il resto – individui che si sentono sempre più impotenti.

La differenza tra i paesi occidentali e quelli orientali sta nell'entità di questa malattia legata al sistema immunitario del paese. In Occidente, il neoliberalismo e la globalizzazione hanno creato una post-democrazia (Colin Crouch), un sistema in cui i politici si rivelano semplici gestori degli interessi economici di pochi e lasciano la maggioranza della popolazione senza rappresentanza politica.

Paesi come l’Albania vivono la manifestazione più drammatica della post-democrazia, per due ragioni principali: in primo luogo, per usare l’espressione di Crouch, sono passati direttamente dalla dittatura alla post-democrazia senza aver sperimentato la democrazia, cioè senza sviluppare alcun sistema immunitario per proteggere se stessi contro il potere di pochi.

In secondo luogo, perché "i pochi" in Albania sono principalmente esponenti della criminalità organizzata che si è impadronita dello Stato e ha fatto delle istituzioni del Paese un'estensione del proprio potere economico.

La globalizzazione ha fallito

Per concludere: il sostegno dato al narcostato albanese dall'establishment occidentale si basa principalmente sull'avversione dell'Occidente a riconoscere che il neoliberismo e la globalizzazione hanno fallito – sia nei propri paesi che contro il progetto europeo.

Rifiutando di vedere l’Albania come una caricatura di se stessi, cercano di preservare l’ottimismo e di usare vecchie definizioni che corrispondono solo in parte alla realtà – dove paesi come l’Albania sono “diversi” a causa del loro passato comunista, e che il paese supera queste differenze con la loro aiuto.

In questo sforzo, gli euro-burocrati – in comune con le élite corrotte dei Balcani occidentali – devono preservare la storia della transizione verso l’Occidente come ideologia di potere, per distogliere l’attenzione dall’opinione pubblica che minaccia la narrazione, da movimenti dei populisti a sinistra o a destra (o agli effetti geopolitici di paesi considerati nemici, come la Russia), e non al problema essenziale che hanno prodotto con le loro politiche: l’instaurazione di una post-democrazia con diritti umani o disumani volti in Europa.

- proprio annuncio -

Ultimi commenti:

Articoli Recenti

Il nostro sfortunato destino (ANTI-ODIPO ED ECOLOGIA)

FILOSOFIA: Può un modo di pensare in cui il divenire, la crescita e il cambiamento sono fondamentali, aprire nuove comprensioni e atteggiamenti verso il mondo nuovi ed ecologicamente più fruttuosi? Per Deleuze e Guattari il desiderio non inizia con la mancanza e non è desiderio di ciò che non abbiamo. Attraverso un focus sul desiderio come connessione e connessione – una comprensione dell’identità e della soggettività come fondamentalmente legate all’intermedio che la connessione costituisce. Ciò che mettono in luce sottolineando questo è come il desiderio edipico e il capitalismo siano legati tra loro e alla costituzione di una particolare forma di identità personale o soggettività. Ma in questo saggio di Kristin Sampson l'Anti-Edipo è legato anche al presocratico Esiodo, a qualcosa di completamente pre-edipico. TEMPI MODERNI offre al lettore qui una profonda immersione filosofica nel pensiero.

Una storia d'amore con il tessuto della vita

CIBO: Questo libro può essere descritto così: «Una celebrazione di storie, poesia e arte che esplora la cultura del cibo in un tempo di crisi ecologiche convergenti – dalla macchina agricola divoratrice al vaso di fermentazione rigenerativa.»

Sul rapporto tra poesia e filosofia

FILOSOFIA: Nel libro La poetica della ragione, Stefán Snævarr va contro un concetto troppo rigido di razionalità: vivere razionalmente non significa solo trovare i mezzi migliori per realizzare i propri obiettivi, ma anche rendere la vita significativa e coerente. Parti di questo lavoro dovrebbero interessare tutte le discipline interessate da modelli, metafore e narrazioni.

Il bagliore dell'utopia

FILOSOFIA: il problema dell’ottimismo fiducioso è che non prende abbastanza sul serio l’attuale crisi climatica e finisce per accettare lo stato delle cose. Ma esiste una speranza e un’utopia che nasconde una forza creativa e critica? TEMPI MODERNI esamina più da vicino la filosofia della speranza del tedesco Ernst Bloch. Per il tedesco Ernst Bloch bisogna riscoprire nella nostra esperienza concreta il fuoco che anticipa futuri possibili nel reale qui e ora.

Rivisitare la vera sala macchine

ORA: Appena 50 anni dopo la pubblicazione dell'Anti-Edipo di Gilles Deleuze e Félix Guattari, l'opera non ha perso la sua attualità, secondo il nuovo numero tematico della rivista norvegese AGORA. L’Anti-Edipo si è piuttosto rivelato uno strumento concettuale profetico e altamente applicabile per l’esame del capitalismo finanziario e dell’informazione contemporaneo. In questo saggio si fa riferimento anche all'affermazione del libro secondo cui non esiste economia o politica che non sia permeata al massimo grado dal desiderio. E che dire del fascista in cui qualcuno è portato a desiderare la propria oppressione come se significasse salvezza?

L’auto-messa in scena come strategia artistica

FOTO: Frida Kahlo era al centro di una sofisticata cerchia internazionale di artisti, attori, diplomatici e registi. In Messico, fu presto una tehuana – un simbolo di una donna emancipata che rappresenta un ideale di donna diverso da quello radicato nel marianismo tradizionale. Ma possiamo vedere gli stereotipi femminili della “puttana” e della “madonna” anche in una stessa persona?

Viviamo in un mondo da sogno collettivo

SAGGIO: La Bibbia secondo Erwin Neutzsky-Wulff: I testamenti nella Bibbia sono legati ad una "particolare miscela di mitologia babilonese, miti e falsificazione storica". Per lui, nessuna religione ha prodotto tante affermazioni mostruose quanto il cristianesimo, e nessuna ha preso le stesse come verità evidenti nella stessa misura. Neutzsky-Wulff parla correntemente dieci lingue e sostiene che nessun mondo esterno si oppone a quello interno. Inoltre, con un cosiddetto “io” soggettivo siamo prigionieri in una prigione somatica. Possibile capire?

Perché ci chiediamo sempre perché gli uomini commettono atti di violenza, invece di chiederci perché non lo permettono?

FEMICIDO: Gli omicidi di donne non avvengono solo in modo strutturale e non solo per motivi misogini, ma sono anche in gran parte banalizzati o rimangono impuniti.

Ne ero completamente fuori

Tema: L'autore Hanne Ramsdal racconta qui cosa significa essere messi fuori combattimento e tornare di nuovo. Una commozione cerebrale provoca, tra le altre cose, che il cervello non è in grado di sopprimere impressioni ed emozioni.

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIORITÀ: Molti di coloro che sollevano domande sulla legittimità delle guerre americane sembrano essere stati spinti fuori dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Institute for Peace Research (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che è improbabile che appartenessero agli amici intimi delle armi nucleari.

La Spagna è uno stato terrorista?

SPAGNA: Il Paese riceve aspre critiche a livello internazionale per l'uso estensivo della tortura da parte della polizia e della Guardia Civile, che non viene mai perseguita. I ribelli del regime vengono incarcerati per sciocchezze. Le accuse e le obiezioni europee vengono ignorate.

C'è qualche motivo per tifare per il vaccino corona?

COVID19: Dal lato pubblico, non viene espresso alcun reale scetticismo sul vaccino corona: la vaccinazione è raccomandata e le persone sono positive sul vaccino. Ma l'adozione del vaccino si basa su una decisione informata o su una cieca speranza per una normale vita quotidiana?

I comandanti militari volevano spazzare via l'Unione Sovietica e la Cina, ma Kennedy si oppose

Militare: Consideriamo il pensiero militare strategico americano (SAC) dal 1950 ad oggi. La guerra economica sarà integrata da una guerra biologica?

Nostalgia

Bjørnboe: In questo saggio, la figlia maggiore di Jens Bjørneboe riflette su un lato psicologico meno noto di suo padre.

Arrestato e messo in isolamento per il blocco Y

BLOCCO Y: Cinque manifestanti sono stati portati via ieri, tra cui Ellen de Vibe, ex direttrice dell'agenzia di pianificazione e costruzione di Oslo. Allo stesso tempo, l'interno Y è finito in container.

Un ragazzo del coro perdonato, purificato e unto

Le pinze: L'industria finanziaria prende il controllo del pubblico norvegese.

Il nuovo film di Michael Moore: Critical to alternative energy

AmbientePer molti, le soluzioni di energia verde sono solo un nuovo modo per fare soldi, afferma il direttore Jeff Gibbs.

La pandemia creerà un nuovo ordine mondiale

Mike Davis: Secondo l'attivista e storico Mike Davis, ci sono fino a 400 tipi di coronavirus nei bacini selvatici, come tra i pipistrelli, che aspettano solo di infettare altri animali e persone.

Lo sciamano e l'ingegnere norvegese

COMUNITÀ: L'attesa di un paradiso libero dal progresso moderno si è trasformata nella storia del contrario, ma soprattutto Newtopia parla di due uomini molto diversi che si sostengono e si aiutano a vicenda quando la vita è più brutale.

Esposizione senza pelle

Anoressia: spudorata Lene Marie Fossen usa il proprio corpo tormentato come una tela per il dolore, il dolore e il desiderio nella sua serie di autoritratti – rilevanti sia nel film documentario Auto ritratto e nella mostra Gatekeeper.