Ordina qui l'edizione estiva

Quando la violenza chiama

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

I recenti violenti attacchi alle spiagge australiane fanno paura. L'inevitabile domanda che si risveglia in ogni coscienza scandinava è: può succedere anche qui in Scandinavia, quando solo la neve si scioglie?

I possibili parallelismi con i disordini di Parigi sono già stati evidenziati in Aftenposten questa settimana. Ma la domanda più importante è qual è il limite al quale la maggioranza qui a casa consentirà anche attacchi a persone innocenti in mezzo a noi.

Perché la cosa spaventosa non è che alcuni giovani di origine mediorientale abbiano aggredito due bagnini a Cronulla Beach a South Sydney. La minaccia irrazionale e totalitaria all'ordine della società mondiale sta nel fatto che domenica, una settimana dopo, ben 5000 bianchi agitati si sono radunati in una folla gigantesca sulle spiagge. Erano stati convocati da messaggi di testo sui loro telefoni cellulari che li esortavano ad andare in spiaggia a picchiare "Lebs and wogs", gergo razzista per persone di origine libanese e mediorientale.

Tra le altre cose, dietro la citazione c'erano gruppi di estrema destra, noti anche come neonazisti.

La cosa spaventosa sta in quanti australiani cosiddetti "ordinari" che nel 2005 si lasciano sedurre dalle vendette più primitive che la razza umana, e la famiglia dei mammiferi, possano inventare. Mentre gridavano "No more Lebanese" e "Aussie, Aussie, Aussie... oi, oi, oi", giovani ubriachi si sono drappeggiati con la bandiera australiana mentre attaccavano donne, bambini e uomini che non erano bianchi.

Il velo di una donna musulmana è stato brutalmente strappato via, un'altra donna è stata inseguita in un negozio, uomini innocenti sono stati picchiati in strada. 31 sono rimasti feriti, 16 sono stati arrestati. Sei poliziotti e due autisti di ambulanza sono rimasti feriti mentre cercavano di reprimere la folla.

All'attacco criminale portato avanti da un pugno di gruppi si è così risposto con qualcosa di ben peggiore: la mille volte irrazionalità portata avanti da un collettivo, una setta governata dalla natura totalitaria del fascismo. Ci è voluto solo un altro attacco prima che l'odio collettivo tra la maggioranza della popolazione divampasse e si lasciasse governare dalla convocazione dei neonazisti.

Il primo ministro australiano John Howard si è affrettato a scusarsi per questa folla bianca: "Non accetto che ci sia un razzismo di fondo in questo paese".

Un'affermazione assurda, mentre le immagini mostrano giovani bianchi che attaccano un uomo dall'aspetto arabo sul treno, solo per il suo aspetto.

Ma questa è una tipica affermazione di Howard. È lo stesso ogni volta che qualcuno dei nostri fa qualcosa di criminale – allora bisogna sempre scusarsi e spiegarlo. Sono sempre gli altri a minacciare.

Questa settimana c'è stato anche il messaggio secondo cui il servizio di sicurezza della polizia norvegese ritiene che un attacco terroristico contro la Scandinavia possa essere imminente. Tali messaggi in futuro si risveglieranno nell'inconscio del cittadino medio, come ha fatto per molto tempo in Australia, mentre l'estrema destra lo userà per suscitare più odio. Solo il tempo dirà quanti si presenteranno sulle spiagge di Oslo l'anno prossimo, quando i messaggi di testo della folla invocheranno vendetta collettiva una volta che la pressione psicologica sulla popolazione sarà diventata abbastanza grande. E quando una misera scusa può essere presentata.

DH

Potrebbe piacerti anche