Ordina qui l'edizione estiva

Quando uccidiamo

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Qual è stata la notizia più scioccante di questa settimana? Per mantenerci nel mondo domestico dei giornali al dettaglio, si può evidenziare la prima pagina del lunedì su Dagbladet:

"Papà ha ucciso Mark (5) il giorno del suo compleanno."

Sotto il titolo, l'omicidio di Odense è descritto come segue: "Tragedia danese: – Ho un regalo di compleanno in più per te. Quelle devono essere state le ultime parole di Bjørn Schaap (37) prima di far saltare in aria se stesso e suo figlio Mark (5).

Com'è possibile che un ufficiale danese faccia saltare in aria il proprio figlio di cinque anni, e questo nel giorno del suo compleanno, davanti alla madre e alla famiglia del ragazzo? È stato commesso un crimine più brutale in Scandinavia nell'ultimo decennio? Difficilmente, con la possibile eccezione degli omicidi di Baneheia.

Tuttavia: la cosa più sorprendente è la mancanza o la scarsa menzione del caso nei media norvegesi e danesi. A parte l'annuncio di vendita sul Dagbladet di lunedì, c'è stato silenzio sul caso sulla stampa norvegese.

Dopo l'ampia copertura mediatica di questa estate di un possibile omicidio di Rahila Iqbal (23) in Pakistan, verrebbe da pensare che si possa menzionare anche l'assassinio molto più scioccante di Mark (5) in Danimarca – per dimostrare che non è solo "gli altri "chi uccide. Ora, un argomento per la mancanza di copertura potrebbe essere che l'assassino in Danimarca è noto, così come che l'omicidio non è avvenuto in Norvegia, ma questi due fattori erano presenti anche nel tanto discusso omicidio di Fadime Sahindal (26) tre anni fa. Sia il fatto che l'omicidio di Fadime sia avvenuto in Svezia, sia il fatto che sia diventato subito chiaro che dietro c'era il padre, non hanno impedito un'ampia e duratura copertura mediatica in Norvegia.

Sia nel caso Rahila che nel caso Fadime, abbiamo visto molte indagini su come si dice che la cultura, la religione e l'onore abbiano segnato il destino delle due donne.

Ma quando Mark (5) viene ucciso, si parla solo di "tragedia familiare", mentre la questione è diventata nota solo tre settimane dopo l'omicidio "per motivi umani". Pertanto non si discute se ci sia qualcosa di sbagliato nella "cultura" danese o scandinava, o quali misure dovrebbero essere generalmente adottate per stabilizzare uomini nordici frustrati e divorziati.

La mancanza di una "spiegazione culturale" per il brutale omicidio di Mark è probabilmente un bene, ma richiede almeno che noi del pubblico norvegese usiamo gli occhiali corrispondenti quando le persone appartenenti a una minoranza commettono atti criminali. Un paragone tra l'assassinio di Mark e quello di Fadime, e con il possibile assassinio di Rahila, in quel caso, la "cultura" danese e scandinava non riuscirà molto bene. Sia Rahila che Fadime erano in conflitto con le loro famiglie prima di morire. Mark, 5 anni, d'altra parte, non era in conflitto con nessuno fino a quando non è stato ucciso da suo padre.

Il fatto che il padre si tolga la vita non migliora le cose. Al contrario, l'assassino priva così i sopravvissuti di ogni possibilità di comprendere come sia potuto avvenire il bestiale omicidio infantile.

In generale, sembra esserci una mancanza di orizzonti di comprensione nel nostro stagno delle anatre scandinave che possono essere utilizzati anche per fornire una visione del mondo degli "altri". Tra le altre ragioni, Ny Tid può oggi portare il commento del cittadino londinese Soumayya Ghannoushi su Al-Qaeda e l'abuso dell'Islam alle pagine 6 e 7. Buona lettura.

DH

Potrebbe piacerti anche