Teatro della crudeltà

Quando le informazioni fattuali diventano allarmanti





(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

A proposito di un messaggio "è ammucchiato di colpi e fuoco, in modo che la sua sottile carcassa non si senta" (liberamente da Ibsen), il contenuto non è più vero per questo motivo. Questo è, a mio parere, ciò che ha fatto Christer Gulbrandsen nel suo post sugli allarmi nucleari dell'11/11-05, ma anche con una serie di termini tecnici, sbaglia il bersaglio.

Da parte mia, scrivere nel modo più difficile possibile non è stato un obiettivo in sé. Il mio punto principale è scrivere in un modo che le persone dotate di comune buon senso possano capire. Per me è importante mettere in evidenza il contenuto dell'articolo 20 della "legge del 12 maggio 2000 sulla radioprotezione e l'impiego delle radiazioni", che Gulbrandsen ha completamente ignorato. È chiaro che la direttiva Euratom 96/29 del 13 maggio 1996 è stata utilizzata come modello per questa legge, perché la sezione 20 della legge norvegese recita:

"L'Autorità norvegese per la protezione dalle radiazioni può rifiutare l'importazione o la vendita di qualsiasi prodotto o sostanza e di qualsiasi merce che possa comportare un rischio per la salute o l'ambiente a causa delle radiazioni, a condizione che ciò non sia in conflitto con gli accordi internazionali di cui la Norvegia è parte."

È un testo giuridico come questo che mi ha fatto reagire. Il contenuto di questo paragrafo significa in chiaro che è consentito importare beni radioattivi, anche se comportano rischi per la salute e l'ambiente, se provengono da un paese con il quale la Norvegia ha un accordo commerciale.

Gulbrandsen fa riferimento all'articolo 4.1 della direttiva Euratom e utilizza come argomento principale che "il valore limite di 1 mSv di dose di radiazioni per persona all'anno proveniente da fonti artificiali non deve essere superato". Come pensa Gulbrandsen che ciò possa essere controllato quando le sostanze radioattive vengono diffuse nell'ambiente in questo modo? A ciò si aggiungono le radiazioni di fondo naturali, le radiazioni derivanti da cure mediche e gli incidenti nucleari. Non ci sarà alcun controllo su dove finiranno i rifiuti radioattivi. Alcuni possono assorbire molto, altri meno. Questo può andare completamente fuori controllo. È un puro pio desiderio che si debba essere in grado di controllarlo.

Nella sezione "L'entità delle dosi di radiazioni", Gulbrandsen fa riferimento al valore utilizzato nei calcoli precauzionali e ritiene che "questo debba essere considerato un livello ragionevole". Come lui stesso suggerisce, c’è una grande incertezza in questi calcoli. Molte nuove ricerche dimostrano che le radiazioni radioattive sono molto più pericolose di quanto si pensasse in precedenza, soprattutto le radiazioni a basso dosaggio che entrano nel corpo. È del tutto utopico credere che sia possibile controllare l’entità della dose che l’individuo riceve. riceve.

Nella sezione "Per il resto l'UE ha poche regole comuni", Gulbrandsen afferma che "il Trattato Euratom richiede che i rifiuti nucleari siano gestiti in modo sicuro". La mia risposta a questa affermazione è: "No, i rifiuti nucleari non vengono gestiti in modo sicuro". La direttiva Euratom ha aperto la strada alla miscelazione dei rifiuti nucleari a bassa radioattività con sostanze pulite e al riutilizzo. Le aree di stoccaggio si trovano quindi nell'ambiente, ad esempio nel manto stradale e nel muro di fondazione di un asilo nido. I rifiuti possono essere depositati anche nei mobili delle case e degli appartamenti, ad esempio nelle lampade in acciaio del soggiorno, nelle posate in acciaio. Si tratta di chiedere che i rifiuti nucleari siano gestiti in modo sicuro?

non voglio distorcere il dibattito o contribuire alla propaganda intimidatoria. Trovo però strano che il contenuto dell'art. 20 della legge sulla radioprotezione non possa essere discusso senza che ciò venga percepito come una distorsione del dibattito. Bisogna potersi porre domande del tipo: "Da dove vengono queste sostanze? C'è niente di nuovo?" Sì, è la direttiva Euratom 96/29 che consente una pratica completamente nuova, vale a dire la miscelazione dei rifiuti nucleari con beni di consumo.

Ora, da parte mia, vorrei concludere questo dibattito e lavorare piuttosto affinché venga istituito un comitato del No all’UE che possa lavorare ulteriormente su questo tema con l’obiettivo di elaborare una relazione sulla direttiva Euratom 96/29 e sui suoi effetti all’interno l’UE e l’area SEE oggi.

Gullbjørg Røisli è membro del consiglio direttivo di Akershus No all'UE.

Potrebbe piacerti anche