Teatro della crudeltà

Quando il sé crolla

schizofrenia
Forfatter: Paul Møller
Forlag: Universitetsforlaget (Norge)
La schizofrenia è ancora un mistero per i ricercatori, ma Paul Møller ci ha fornito un libro ben informato sul fenomeno.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Gli schizofrenici costituiscono il più grande gruppo di pazienti con psicosi negli istituti psichiatrici norvegesi e ogni anno si verificano 600 nuovi casi di malattia. Lo psichiatra e ricercatore in dipendenze e psichiatria Paul Møller ha scritto un libro importante su questo disturbo, che è ancora un mistero per i professionisti. Oltre a mettere in evidenza questo fenomeno diffuso, il libro fornisce indicazioni su come il sistema sanitario e il mondo esterno dovrebbero incontrare le persone con schizofrenia. 

"Il cervello può essere misurato, pesato e rappresentato in modo esatto e dettagliato. La psiche, invece, è soggettiva, fluida, fugace e astratta, e quindi molto più impegnativa da ricercare", come scrive Møller. Il suo libro si basa sulle esperienze dei pazienti, compresi i tentativi dei pazienti prepsicotici di integrare le loro esperienze di attraversamento del confine in una coerente comprensione di sé. La conoscenza della propria malattia mentale o fisica è di fondamentale importanza per ogni paziente, per capire come questa condizione può manifestarsi qui e ora. Per gli schizofrenici ciò significa capire cosa rende possibile udire le voci senza che qualcuno sia presente. 

Hippietidens antipsykiatri

In Europa, a metà degli anni Sessanta, le psicosi divennero il fulcro dell’attenzione popolare rivolta ai disturbi mentali, grazie in gran parte a un uomo: lo psichiatra scozzese RD Laing. Attraverso la sua esplorazione della follia – che polemicamente definì "normale" – illuminò la natura della malattia mentale e rese comprensibili i misteri della mente anche a un pubblico non accademico. 

L'uso di nuovi farmaci psicotropi era solo una forma più avanzata di disumanizzazione del paziente.

La schizofrenia era anche un argomento in Norvegia per molti importanti opinion leader della società, tra cui lo scrittore e sostenitore dell'LSD Axel Jensen. Jensen visse per un periodo in una delle comunità terapeutiche di Laing e fu amico personale dello scozzese. Da La vita vista da Nimbus scrive Axel Jensen: "L'idea era quindi di riunire un certo numero di persone che erano state stigmatizzate con questa diagnosi, e poi abbandonare tutto ciò che veniva chiamato trattamento per osservare cosa sarebbe successo. Quindi questo è stato fatto a Kingsley Hall, ed è stato in quel contesto che ho parlato per la prima volta con Ronald David Laing, che era l'ideologo dietro tutto questo... Kingsley Hall era forse il posto più eccitante di tutta Londra all'epoca."

Le parole chiave per il nuovo approccio alla schizofrenia erano comprensione og integrazione amichevole, come controreazione ai metodi terapeutici strettamente comportamentali degli anni '50. Il metodo di cura di Laing fu utilizzato in una certa misura anche in Norvegia, ad esempio l'LSD fu utilizzato per un periodo in psicoterapia (qualcosa che alcuni terapisti sostengono ancora oggi).

Psichiatria e controllo

Le nuove tecniche di controllo psichiatrico, in cui lo sviluppo e l'uso di psicofarmaci sostituivano parzialmente altri metodi di trattamento più rigidi, erano per Laing solo una forma più avanzata di disumanizzazione del paziente. L'idea era che la società e la famiglia dovessero essere protette e tenute separate dallo psicotico, che poteva ritornare solo se si fosse adattato, il che spesso significava robotizzato. 

Laing non fu il solo a reagire contro la visione dell'umanità che era alla base di questo caso, dove spesso il risultato era l'alienazione e il maltrattamento dei malati. Una nuova comprensione dell'empatia del paziente è emersa sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, dove sono stati enfatizzati il ​​significato soggettivo e le esperienze del paziente. 

Laing si ispirò alla teoria dei giochi, che fu centrale per lo sviluppo della cosiddetta terapia familiare sistemica, sviluppata, tra gli altri, dall’antropologo sociale, biologo e teorico della comunicazione britannico Gregory Bateson (1904–80). Bateson riteneva che la schizofrenia avesse le sue origini nella famiglia, e in particolare potesse essere collegata a modelli di comunicazione paradossali, che rendevano impossibile per il bambino stabilire una stabile comprensione di sé. Anche la misura in cui l'educazione e le relazioni familiari sono la causa dello sviluppo della schizofrenia è un argomento di discussione ricorrente.

Esistono importanti parallelismi tra le opinioni critiche sulla psichiatria di Laing e il messaggio principale di Paul Møller. Laing era un esistenzialista e conosceva Sartre Critica della ragione dialettica; Anche Møller trova nella filosofia dell'esistenza il suo punto di partenza teorico più importante.

Prospettiva fenomenologica

L'enfasi di Møller sulla conversazione aperta come strumento nella mappatura e nel trattamento della schizofrenia si basa sulla fenomenologia, che vuole proprio descrivere e interpretare da vicino i fenomeni così come appaiono alla persona che li vive. Una chiara fonte di ispirazione è lo psichiatra e filosofo esistenziale tedesco Karl Jaspers (1863–1969), che inizialmente effettuò ricerche approfondite sulle idee e le esperienze dei pazienti psichiatrici. 

schizofrenia è essenzialmente un libro di testo, ma leggibile e rilevante anche per i non addetti ai lavori. La prima metà contiene una critica alla psichiatria ad orientamento comportamentale e argomenta approfonditamente perché la fenomenologia è la via maestra verso la comprensione. Centrale qui è una descrizione filosofica della prospettiva soggettiva e della conversazione profonda e informale come strumento più importante del terapeuta.

Il sé e la propria esperienza

Disturbo del sé è uno dei termini centrali nel libro di Møller, un sintomo che si verifica nella cosiddetta fase di allarme, la prima fase di un possibile decorso della malattia. Il sentimento di alienazione, come lo hanno formulato ad esempio Obstfelder e Solstad, ha caratteristiche sovrapposte al disturbo di sé prepsicotico e la comprensione di tali esperienze borderline può essere decisiva per la progettazione e l'esito di un trattamento successivo.

Il sé intende Møller, in linea con Søren Kierkegaard, come il rapporto nell'uomo che si riferisce a se stesso. Si dovrebbe distinguere tra due lati del sé, l'identità og egli stesso, l'attenzione dinamica e riflessiva stessa. L'identità è la cosa stabile che si riproduce nel tempo, mentre l'ipse-ness è ciò che crea coerenza nelle nostre esperienze e nei nostri vissuti. 

Psicosi incipiente

Secondo Møller, è la parte ipse del sé che viene colpita dall'autodistruzione, cioè ciò che sta dietro  motivo per creare una narrazione significativa su se stessi. Ciò è evidente dalle numerose descrizioni che gli schizofrenici danno della propria esperienza di sé, soprattutto quando questa è in gioco.

A metà degli anni '1960, le psicosi divennero il centro dell'attenzione popolare riservata ai disturbi mentali.

I fenomeni di allarme possono portare allo sviluppo della schizofrenia. Il linguaggio letterario spesso utilizzato per descrivere esperienze borderline così diffuse e terrificanti le rende, isolatamente, inadatte a formulare una diagnosi e a prevedere un possibile decorso della malattia. Uno screening ampio e approfondito fornisce un punto di partenza migliore sia per la prevenzione che per il trattamento della malattia, soprattutto per i giovani. 

schizofrenia è un'imponente opera pionieristica, una presentazione coscienziosa di un fenomeno enigmatico, in cui traspare costantemente l'entusiasmo e il dovere dell'autore di diffondere la sua conoscenza al mondo esterno. Ma il libro non è certo l’ultimo a dire qualcosa sull’argomento. 

Sigurd Ohrem
Sigurd Ohrem
Ohrem è uno scrittore per Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche