Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Quando patriarcato e violenza di Stato vanno di pari passo

Una lettura femminista del debito
DEBITO / Le donne sono più vulnerabili ai metodi di prestito aggressivi, ai tassi di interesse e alle commissioni elevati.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Una lettura femminista del debito è uno sguardo femminista critico al debito e al credito. Gli autori Lucí Cavallero e Verónica Gago hanno ricevuto l'English Pen Award per il libro pubblicato nel 2021. Gli autori sostengono in modo convincente che il genere è un fattore che contribuisce alle disuguaglianze economiche. Poiché il debito colpisce in modo sproporzionato le donne, aumenta l’emarginazione sia delle donne che delle persone LGBTQ+ in generale.

Cavallero e Gago spiegano che il marketing delle società di credito e degli istituti finanziari si rivolge in particolare alle donne, poiché le donne sono spesso responsabili delle finanze domestiche e svolgono lavori di cura non retribuiti per il resto della famiglia. Allo stesso tempo, il lavoro per il quale vengono effettivamente pagati è fortemente sottovalutato. Le donne sono anche più propense a contrarre prestiti perché hanno lavori poco retribuiti, perché una percentuale maggiore di loro è disoccupata o è esclusa dalla vita lavorativa ordinaria perché ha responsabilità di assistenza a casa. Pertanto, sono anche più vulnerabili ai metodi di prestito aggressivi, ai tassi di interesse e alle commissioni elevati.

Feministbevegelsen Non una di meno

Sebbene il tasso di inflazione dell’Argentina sia attualmente superiore al 100%, il livello peggiore degli ultimi 30 anni, il debito sta inoltre influenzando ulteriormente la vita quotidiana della popolazione del paese. Tuttavia, negli ultimi anni si sono espresse anche reazioni collettive al debito e alla disuguaglianza economica tra i sessi. Nel 2016 si sono svolte diverse manifestazioni contro la violenza sulle donne; sono arrivati ​​come reazione al brutale omicidio di un'adolescente. Ciò ha ispirato anche la creazione del movimento femminista inclusivo Ni una menos, che è stato abile nel collegare la propria lotta politica con gruppi studenteschi e casalinghi, sindacati e organizzazioni di migranti.

Il coinvolgimento degli autori in Ni una menos ha influenzato l'argomentazione del libro, che fondamentalmente traccia il modo in cui il patriarcato va di pari passo con la violenza di stato. Sostengono inoltre che la politica economica neoliberista è una forma tacita di violenza contro le donne, poiché le condizioni quadro economiche colpiscono maggiormente le donne. Difendono misure come la cancellazione del debito per eliminare la disuguaglianza economica tra i sessi.

Diritti riproduttivi

Una lettura femminista del debito presenta una comprensione equilibrata dell’economia. Si riflette sul valore del lavoro di assistenza e gli autori riconoscono l’importanza di affrontare le disuguaglianze sistemiche, nonché la necessità di introdurre accordi alternativi nella comunità finanziaria per compensare le avide pratiche di prestito.

Il capitolo “Alcune pietre miliari di una breve cronologia” esamina il modo in cui la vita quotidiana in Argentina è stata finanziata negli ultimi cinque anni – un periodo che coincide anche con un discorso femminista che sostiene sempre più i diritti riproduttivi (compreso l’accesso all’aborto medico). Qui si contestano il pagamento dei debiti e la disuguaglianza finanziaria tra i sessi.

Interesse a "circa il 24% annuo"

Il capitolo racconta come i giovani argentini hanno avuto accesso ai conti di risparmio e alle carte di pagamento nel 2016. Si descrive inoltre l'acquisizione di Cordial Microfinanzas da parte del Banco Supervielle nel marzo 2017, con cinque filiali nei quartieri poveri di Buenos Aires e dintorni e un prestito portafoglio del valore di 192 milioni di dollari. Nel luglio 2017 la direzione ha introdotto opzioni di credito e prestito per pensionati, beneficiari di assicurazioni sociali e altri gruppi più deboli con tassi di interesse di "circa il 24% annuo". Nello stesso periodo, nell’ottobre 2018, il W20 – il “gruppo delle donne” del G20 – ha sostenuto che il più alto tasso di povertà tra le donne è dovuto al “divario economico” tra i sessi, e vuole che i programmi di microcredito compensino questo fenomeno.

Gli autori mostrano che le comunità emarginate ed economicamente vulnerabili sono costrette ad acquisire schemi di credito che espongono la popolazione al debito eterno e alla povertà.

Ccompagni

La parte del libro che raccoglie una serie di interviste ad altri attivisti, intitolata compagni, è particolarmente perspicace. Queste donne, provenienti da diverse organizzazioni di attivisti, forniscono testimonianze dirette di resistenza e tattiche concrete contro il debito.

En campesina descrive, ad esempio, un sistema di prestito alternativo come risposta ai tradizionali accordi di prestito. I migranti boliviani che vivono in Argentina hanno aderito a un sistema congiunto come metodo di cancellazione del debito. Questo sistema si chiama pasanaku, che significa più o meno "trasmetterlo". È una forma di prestito senza interessi, dove tutti depositano ogni mese la stessa somma di denaro, e ogni mese una compagna riceve la somma totale di quanto versato, finché tutti non l'hanno ricevuta una volta. Il metodo funziona per liberarsi dei debiti e per evitare che le compagne ricorrano a crediti e prestiti per comprare qualcosa di costoso di cui hanno bisogno.

Le testimonianze

Altri intervistati raccontano di come le donne vengono sfruttate e finiscono schiave per debiti, e anche di come i genitori o i lavoratori vulnerabili devono ricorrere ai prestiti, sia che si tratti di acquistare una motocicletta come nel primo caso, sia di assicurarsi mezzi di produzione per poter Continuare a lavorare. Questa parte del libro aiuta il lettore a valutare l'argomentazione degli autori attraverso diversi esempi, nonché a confrontare questi casi concreti con casi simili in altre parti del mondo.

Inoltre, le testimonianze raccontano di una pratica femminista emersa all’interno dei gruppi di sensibilizzazione. In un capitolo precedente, gli autori fanno riferimento a Rosa Luxemburg e al modo in cui i suoi testi hanno influenzato la loro comprensione delle "forme attuali di sfollamento, [e] sfruttamento" e hanno plasmato il quadro teorico del libro, mentre la sezione delle interviste illustra la pratica degli autori.

Una critica al debito

Il libro si conclude con due manifesti dei collettivi Ni una menos e Yonofui, rispettivamente a sostegno della cancellazione del debito e dell'autonomia economica.

Rosa Luxemburg ha delineato il quadro teorico del libro.

Questa sezione colloca inoltre la posizione degli autori, e del libro, all'interno di un contesto politico intricato. In sintesi, il libro offre "una metodologia per connettere esperienza e lotta" e una critica del debito che si fonda sulla convinzione che la politica e la pratica economica debbano essere rimodellate sulla base di una prospettiva femminista al fine di rettificare le condizioni e i bisogni dei cittadini. società emarginata.

Patricia Sequeira Bras
Patricia Sequeira Brás
Patricia Sequeira Brás insegna Culture portoghesi moderne. Il rapporto tra politica e cinema che ha motivato il suo dottorato continua a dare forma ai suoi nuovi progetti di ricerca. I suoi interessi attuali includono rappresentazioni di crisi nel cinema e nel video; esplorazioni sugli spettatori dei film e sugli impegni politici ed etici; comunicativo e affettivo capitalismo. Questi interrogativi sono informati dal lavoro di una serie di campi disciplinari all'interno delle discipline umanistiche: teoria del cinema, filosofia, teoria politica e recenti ricerche in neuroscienze.

Potrebbe piacerti anche