Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Élite musulmane, esercizio del potere e terrore

Vivere la crisi sul lago Ciad. Violenza, lavoro e risorse
Forfatter: Alessio Iocchi
Forlag: Routledge, (London)
AFRIKA / Cosa può dire un libro su Boko Haram o sul confine poroso tra l'odierno Camerun e l'odierno Ciad? O del regno precoloniale di Kanem-Bornu?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In questo libro, il politologo italiano Alessio Iocchi ci accompagna in un viaggio di 1000 anni nelle aree intorno Tsjadil mare. Il viaggio inizia con le battaglie di conquista nel grande stato centralizzato di Bornu-Kanem nel 1076 e termina nell'aprile 2021, quando il presidente ciadiano Déby viene ucciso sul campo di battaglia. Il materiale di partenza per il libro Vivere la crisi è impressionante: Iocchi usa saggistica in arabo, francese, inglese e italiano, oltre a vari resoconti di viaggio da Ibn Kaldun (1377) a Gustav Nachtigal (1879-89) – così come interviste e osservazioni dal suo lavoro sul campo nel presente -day Nigeria and Chad, condotto tra il 2014 e il 2021. Iocchi ha scritto questo libro, un adattamento del suo dottorato all'Università Orientale di Napoli, mentre era borsista post-dottorato al NUPI di Oslo.

Iocchi fa riferimento al termine "stato di eccezione" di Agamben e alla "necropolitica" di Mbembe.

Iocchi si riferisce all'italiano Giorgio agambens termini "stato di eccezione" e "la nuda vita" e Achille camerunese Mbembes "necropolitica" – dove il controllo sulla morte è più importante del controllo sulla vita, e dove il possesso di armi determina quanto potere si ha. Cerca di farci capire come se la cavano le persone in questa zona tormentata dell’Africa. Chiunque abbia viaggiato in questa parte del Sahel sa che se chiedi a un uomo comune per strada se sta bene ("Ça va?"), ti verrà risposto: sto bene ("Je me debrouille") . Iocchi dedica quasi 200 pagine densamente scritte cercando di comprendere questa risposta. Crisi, o stato di emergenza, probabilmente chiameremmo le condizioni di vita della popolazione locale, che però convive con l'incertezza, lo stato di emergenza, da così tanto tempo che è diventato la normalità.

Boko Haram

Gli schiavi e le colonie

Nella prima parte del libro si tratta dell'accumulo di risorse e della mobilità nel regno precoloniale Kanem-Bornu (dell'VIII secolo). Nella sua forma più potente, il regno comprendeva parti dell'attuale Libia, Niger, Nigeria, Camerun e Ciad. Gli schiavi erano di gran lunga la risorsa più importante del regno e l’élite musulmana effettuava ogni anno una serie di incursioni di schiavi contro gruppi di persone pagane, cioè non musulmane. Spesso diverse migliaia di persone, sia donne che uomini, venivano catturate e portate al re. Una parte di schiavone venivano venduti ad altri re o a mercanti di schiavi della costa: circa un milione (poco meno del dieci per cento) degli schiavi della tratta transatlantica provenivano originariamente dal regno interno di Kanem-Bornu. Ma molti schiavi venivano utilizzati anche internamente dall’élite del regno. Agli schiavi più fidati venivano affidati compiti importanti nell'amministrazione statale, come esattori delle tasse o comandanti dell'esercito, e vivevano meglio della gente libera e comune. In altre parole, gli schiavi non erano una categoria uniforme: il loro status variava da semplici beni in vendita tramite soldati a piè di tasse.

Gli schiavi più fidati vivevano meglio delle persone libere e comuni.

Il regno di Kanem-Bornu crollò alla fine del XIX secolo in un misto di guerre interne tra diversi pretendenti e colonizzazione da parte di inglesi (Nigeria), francesi (Ciad, Niger) e tedeschi (Camerun). Ma Iocchi non è molto interessato a segnare una rottura tra la monarchia precoloniale e gli stati coloniali. Trova somiglianze nell'esercizio del potere, nelle gerarchie e nella tassazione tra i periodi, e nel resto del libro si occupa di prove empiriche più aggiornate.

Mappa dei mondi. Chad. 3d

Boko Haram

Ci sono tre capitoli in particolare che trovo interessanti, due dei quali riguardano Boko Haram e uno sul confine poroso tra l'odierno Camerun e l'odierno Ciad.

I doganieri, gli addetti alla sicurezza, i commercianti, gli intermediari, gli esattori delle tasse e i contrabbandieri della piccola città di confine.

Iocchi racconta dettagliatamente l'ascesa di Boko Haram e del fondatore del gruppo, il giovane e molto studioso sufi Mohammed Yusuf (1970–2009). Sotto la guida di Yusuf, Boko Haram era costituito da un piccolo gruppo di giovani che ricevevano una solida guida sufi-musulmana. Ma quando Yusuf fu ucciso nel 2009, Boko Haram si trasformò in un’organizzazione militante che addestrò i suoi simpatizzanti alla guerriglia e si espresse contro tutto ciò che sapeva di Occidente, compreso il regime nigeriano.

Nel capitolo successivo, il processo di terrorizzazione delle popolazioni locali da parte di Boko Haram è esemplificato da un'analisi dettagliata di un attacco a Bol, un villaggio sulla sponda ciadiana del Lago Ciad. Con l'aiuto delle osservazioni e delle interviste condotte a Bol si analizza l'enorme differenza che la "lotta al terrorismo" crea tra la popolazione locale e coloro che la combattono.

Secondo l'ONU è assolutamente sconsigliabile recarsi a Bol, ma Iocchi vi si reca su invito del sultano del villaggio. I soldati internazionali di pace a Bol vivono completamente isolati dalla popolazione; l'isolamento è fisico in quanto restano dietro alte mura di sicurezza, ma anche mentale in quanto non hanno nulla a che fare con la popolazione locale. Il Sultano afferma che la popolazione locale non riesce a prendere parte all’incremento dell’attività economica che deriva dalla forza internazionale di mantenimento della pace, né vede alcun miglioramento come risultato di tutti gli aiuti in denaro che abbondano nella comunità locale, poiché non vi è una forma di isolamento reciproco tra la popolazione locale e le forze di pace.

Al posto di frontiera

Nel penultimo capitolo del libro, Iocchi analizza l'economia morale in un posto di frontiera, Nguéli, tra Ciad e Camerun.

Ha osservato e intervistato doganieri, personale di sicurezza, commercianti, intermediari, esattori delle tasse e contrabbandieri in questa piccola città di confine, abbastanza vicina alla capitale del Ciad, N'Djamena. Il confine fisico è molto poroso, arioso e permeabile, sostiene. Ciò significa che la linea di demarcazione tra i requisiti formali e le regole per poter attraversare la frontiera è oggetto di negoziazione. I rapporti personali tra chi controlla e chi passa sono importanti almeno quanto i requisiti formali e i regolamenti per l’attraversamento della frontiera.

Usando il termine "stato di eccezione" di Agamben come "stato di necessità", Iocchi mostra che lo stato su entrambi i lati del confine tollera questa forma di trattative personali piuttosto che dazi doganali regolamentati. Non reprimendo le forme personali non regolamentate di dogana e riscossione delle tasse, lo Stato offre ai doganieri sottopagati e ai soldati smobilitati l’opportunità di aumentare il proprio reddito. Certo, a scapito delle entrate dello Stato, ma in cambio il regime statale ottiene un certo numero di sostenitori passivi, il che può essere utile quando si organizzano nuove elezioni o si organizzano manifestazioni a sostegno del regime.

Infine: la completezza e la completezza di Iocchi fanno sì che questo libro non diventerà mai un bestseller, ma diventerà un'opera di riferimento per i professionisti che lavorano nel Sahel.

Ketil Fred Hansen
Ketil Fred Hansen
Hansen è professore di studi sociali alla UiS e revisore regolare di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche