Ordina qui l'edizione estiva

La musica durante il regno del terrore

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Quando Dmitri Shostakovich è un compositore difficile da raggiungere, non è perché ha un linguaggio tonale difficile e non tradizionale; è perché la sua musica è così emotivamente carica che uno è mentalmente esausto dopo averla ascoltata.

Peccati pentiti

C'è una ragione per questa emotività. Shostakovich (1906-75) creò la sua musica durante un periodo quasi insopportabile per gli artisti russi, il regno del terrore di Stalin. Gli artisti correvano costantemente il rischio di essere caratterizzati come "formalisti", il che poteva significare rovina artistica e personale o peggio.

Shostakovich compose la sua prima sinfonia negli anni 1923-25 ​​come pezzo d'esame al Conservatorio di Leningrado. È un'opera sorprendente di enorme energia e brillantezza. Il 1936 fu un punto di svolta per il compositore quando Stalin condannò la sua opera Lady Macbeth di Mtsensk e ricevette la temuta etichetta di "formalista" e fu caratterizzato come un nemico del popolo. In risposta a ciò, nel 1937 compose la sua quinta sinfonia, che un giornalista definì "la risposta creativa di un artista sovietico alle giuste critiche". Questa sinfonia ebbe un successo immediato, anche presso le autorità poiché almeno apparentemente all'altezza delle esigenze artistiche del realismo socialista. In retrospettiva, si può dire che solo una persona ideologicamente cieca può evitare di sentire che l'opera ha un doppio fondo, che contiene molto sarcasmo e prende in giro ciò che apparentemente glorifica. A proposito del finale apparentemente ottimista, Shostakovich dice nelle sue memorie che è come se qualcuno ti colpisse con un bastone e ti costringesse a marciare e dire che il tuo compito è essere felice.

Queste due sinfonie, la prima e la quinta, sono ora disponibili in una nuova, brillante edizione. Come molti altri musicisti e orchestre, anche la London Philharmonic Orchestra ha fondato una propria etichetta discografica. L'etichetta LPO è stata fondata per pubblicare le registrazioni dal vivo dell'orchestra, e questa è la prima uscita.

In questa registrazione di Shostakovich, l'orchestra è diretta da Kurt Masur, che è il direttore principale dell'orchestra dal 2000. Raramente, se non mai, ho ascoltato un'esibizione così acuta e brillante come questa. Anche il suono è in classe dimostrativa e la versione è disponibile in formato ibrido SACD/CD. Questa è una delle migliori uscite orchestrali dell'anno ed è altamente raccomandata.

realismo socialista

L'ex direttore principale dell'Orchestra Filarmonica di Oslo, Mariss Jansons, ha registrato per un periodo di quasi dieci anni la maggior parte delle 15 sinfonie di Shostakovich insieme a varie orchestre alla EMI. Ora è uscito con la tredicesima sinfonia insieme all'orchestra sinfonica e al coro della Bayersk Radio.

La tredicesima sinfonia di Shostakovich (13), "Babij Jar", è scritta per basso solo, coro e orchestra, ed è davvero più un ciclo di canzoni che una sinfonia nel senso comune. La sinfonia prende il titolo dall'omonima poesia del poeta russo Yevgeny Yevtushenko, che è musicata nel primo movimento. Questa poesia tratta dell'antisemitismo russo come manifestato dal persistente blocco da parte delle autorità dei piani per erigere un memoriale al massacro nazista degli ebrei a Babij Yar nel 1962. Yevtushenko fu perseguito per incitamento all'odio dopo che la poesia fu pubblicata nel 1941, e il le autorità hanno tentato senza successo di fermare la prima esecuzione della sinfonia di Shostakovich.

Oltre alla poesia "Babij Jar", Shostakovich mette in musica altre quattro poesie dello stesso autore in quest'opera: "Humor", "In the shop", "Fear" e "A career". Il secondo movimento, "Humor", prende in giro sarcasticamente la convinzione delle autorità di poter comandare l'umorismo. La poesia "Paura" in particolare descrive bene la vita nell'Unione Sovietica sotto Stalin. Infine, in questa poesia, il sé lirico dice che teme di non scrivere con tutte le sue forze. Questo è stato uno dei grandi dolori di Shostakovich: che per gran parte della sua vita non ha potuto esprimere appieno il suo talento per paura di essere condannato dalle autorità, ma ha dovuto adattare gran parte della sua musica all'estetica del cosiddetto realismo socialista . Anche questa sinfonia porta l'impronta di questa estetica – non è una delle sue più inventive.

Il bassista di questa registrazione è uno sconosciuto per me, ma eccellente Sergej Aleksashkin. Sia lui che il coro e l'orchestra fanno un lavoro eccezionale, e Jansons è un direttore che conosce il linguaggio di questa musica. Se stai cercando questo lavoro, non devi esitare.

Potrebbe piacerti anche