Moore spara di nuovo selvaggio

Il satirico Michael Moore è seriamente morto quando nel suo nuovo libro chiede che Oprah Winfrey diventi il ​​nuovo presidente degli Stati Uniti l'anno prossimo.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Michael Moore afferma che è il "caso" ad essere al centro, e non lui stesso, ma anche in "Amico, dov'è il mio paese" Moore ha scelto di decorare la copertina del libro con una sua foto. Nella versione inglese possiamo vedere un Moore sorridente con i pugni chiusi di fronte a un George W. Bush leggermente ansioso. L'edizione americana presenta anche la faccia sorridente di Moore sul davanti, questa volta con una catena sulla schiena che tira giù una statua di George W. Bush simile a Saddam Hussein.

Il suo nuovo libro "Dude, Where's My Country" è stato pubblicato negli Stati Uniti e nel Regno Unito questa settimana. Il quotidiano britannico The Guardian ha portato estratti più lunghi del libro e, per coloro che dovrebbero essere in dubbio, la caccia alle streghe contro George W. Bush continua.

Storie di successo Moore

Estratti dalla stampa del The Guardian di questa settimana mostrano che il cattolico, attivista e comico Michael Moore è ancora padrone dell'arte dell'esagerazione. Il libro calcia in direzione est e ovest, ma la posizione di scrittura è saldamente ancorata alla rabbiosa sinistra. Come verrà accolto è ancora incerto, perché la posizione di Moore negli Stati Uniti e in Europa dopo il gigantesco successo "Stupid White Men" non è più quella di una volta. Moore può rivendicare lo status di outsider quanto vuole, ma "Stupid White Men" è stato il libro di saggistica più venduto negli Stati Uniti nel 2002, e il secondo libro più venduto degli Stati Uniti dopo "Harry Potter" di JK Rowling. Di conseguenza, il milionario del dollaro Michael Moore è oggi il dissidente preferito dell'America. È "Chomsky per i bambini", come ha detto un critico sarcastico.

Negli Stati Uniti è spesso considerato un satirico istericamente divertente, ma in Europa è altrettanto spesso considerato un serio documentarista, come è stato prodotto nel Regno Unito l'anno scorso quando "Stupid White Men" è stato nominato libro dell'anno.

- annuncio pubblicitario -

Lo stesso Moore fa molto per suonare su entrambe le corde. Se dobbiamo credere all'aristocratico francese Alexis de Tocqueville, questa è una lunga tradizione americana. All'inizio del XIX secolo, scrisse un intero capitolo intitolato "Perché gli scrittori e gli altoparlanti americani sono spesso così esplosivi". L'avversario più feroce di Moore negli Stati Uniti al momento è Ann Coulter. Il suo libro si intitola "Treason and Slander" ed è, tra le altre cose, una difesa per la caccia al comunista negli anni '1800.

Chi l'ha fatto?

In anticipo, Moore ha ricevuto molta attenzione perché ha affermato che il libro dovrebbe dimostrare che George W. Bush e Osama bin Laden erano migliori amici di quanto entrambi abbiano espresso. Il capitolo è riprodotto da The Guardian.

Moore rivela poco che non sia emerso prima, vale a dire che la famiglia bin Laden aveva interessi finanziari negli Stati Uniti e in Texas, un luogo in cui anche il clan Bush aveva interessi finanziari. D'altra parte, Moore dubita che Osama bin Laden fosse dietro l'attacco terroristico al World Trade Center e al Pentagono, perché bin Laden si trovava in una grotta in Afghanistan in quel momento. D'altra parte, l'attacco avrebbe potuto benissimo essere controllato e organizzato dalle autorità saudite. "Perché sei così preoccupato di proteggere i sauditi quando dovresti proteggerci?" chiede Michael Moore.

Ma – per completare la confusione: Osama bin Laden non dovrebbe essere definito un terrorista perché è prima di tutto un multimiliardario. Pertanto, le autorità statunitensi dovrebbero chiamare multimiliardari dopo l'11 settembre, non terroristi arabi, anche se l'attacco è stato effettuato dalle autorità saudite.

Oprah per il presidente

In un altro capitolo, "Ammettilo, non sarai mai ricco", chiede ugualmente agli americani di rinunciare al sogno americano – l'opportunità di salire dalla povertà alla ricchezza – perché le aziende americane moderne non consentono comunque all'americano medio di farlo. . (con l'eccezione di Moore stesso?). In un terzo capitolo, Moore dà consigli su come convertire i repubblicani in famiglia. Il primo consiglio è: “Ammetti che la sinistra ha commesso un errore. Oh, è dura ”.

Poi propone altri consigli sul tipo di concessioni da fare al cognato repubblicano, come "Nixon era più liberale degli ultimi cinque presidenti", prima di discutere perché le misure ambientali, il movimento sindacale e acqua e aria pulite non porteranno ad un aumento delle tasse, ma al contrario daranno al repubblicano più soldi nel portafoglio.

Anche se questo probabilmente appartiene alla categoria "umorismo", Michael Moore è secondo lui molto più serio quando propone la star dei talk show e la regina del club del libro Oprah Winfey come candidata alla presidenza per le elezioni del prossimo anno. Dopotutto, è "una di noi che in qualche modo ce l'ha fatta" (il sogno americano, di nuovo).

Michael Moore è senza dubbio il più divertente quando è serio.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?