Ordina qui l'edizione estiva

Incomprensione da parte del Servizio per i diritti umani

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il 30 settembre, Ny Tid ha puntato i riflettori sul Servizio per i diritti umani e sul loro rapporto, "L'immigrazione attraverso il matrimonio", che ha ricevuto l'attenzione dei media. Il direttore di Ung Muslim, Athat Akram, è stato autorizzato a parlare con le critiche che ha nella sua controrelazione "Errori di fatto e metodologici commessi dal Servizio per i diritti umani nel rapporto Immigration through Marriage". Inoltre, Statistics Norway ha evidenziato diversi punti deboli nel rapporto HRS.

I Ny Tids conduce "Legg om debatten!" Il 30 settembre si sostiene che il dibattito sull'immigrazione norvegese dovrebbe ora prendere una strada diversa. Ha affermato che i cosiddetti "matrimoni combinati non sono indesiderabili di per sé, ma solo se il matrimonio viene celebrato sotto costrizione".

Nel Ny Tid della scorsa settimana risponde Nighet Shafi di HRS. Scrive di "vivere l'editoriale di Ny Tid come un nuovo attacco alla mia dignità umana".

Tuttavia, questa esperienza sembra essere dovuta a un malinteso. La base per la formulazione dell'editorialista secondo cui in Norvegia si dovrebbe essere in grado di ottenere "legislazione e buoni meccanismi per la segnalazione" senza HRS è la premessa che non si vuole HRS come "fornitore indispensabile di locali nel dibattito sull'immigrazione".

Naturalmente, questo non significa che Ny Tid voglia mettere al bando il Servizio per i Diritti Umani o organizzazioni simili. È il grado di influenza e la tendenza nel cambiamento della parola norvegese che l'editoriale ha criticato.

Quando ora HRS riceve oltre due milioni di corone all'anno in aiuti di stato superiori al bilancio statale, NRS e Nighet Shafi dovrebbero tollerare e aspettarsi che vengano poste loro domande critiche. Ny Tid non negherà ancora una possibilità alle voci critiche. Questo è quanto dovrebbero sopportare sia HRS che l'esperienza della dignità umana di Shafi.

Redattore responsabile di Ny Tid.

foto dell'avatar
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche