Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Manuale utente misantropico

Rimani vivo
SAGGI / La verità è scandalosa? Michel Houellebecq si nasconde dietro le maschere, e alla fine le maschere gli si attaccano al viso: è diventato la sua autorappresentazione.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Michel Houllebecq è per molti versi il portavoce della generazione incel solitaria e arrabbiata. Ma accusarlo di essere un misogino sarebbe troppo sciocco, dal momento che è quello che è così ovviamente – con un lato di se stesso.

La sofferenza moderna esiste senza alcuna misura.

Ma è anche quello moderno sofferenzans portavoce. Il disordine moderno non è come quello antico. La vecchia sofferenza romantica aveva qualcosa di grandioso. Ne aveva uno opinione. Non ha il disordine moderno. La sofferenza moderna esiste senza alcuna misura. È grigio, gommoso e amaro. È questa sofferenza che Houllebecq descrive nei suoi libri. È la sofferenza che ti fa astenervi dall’avere figli. Il che ti fa rifiutare di farti per gli altri. Il che ti fa rifiutare di riempire la tua vita con ogni sorta di cianfrusaglie, e questo difficilmente ti rende una brava ragazza. È un osservatore dell'ombelico, ma l'ombelico a volte è divertente e interessante da guardare per le altre persone
in.

Houllebecq è divertente in modo triste e intelligente. Questi saggi risalgono alla prima giovinezza, prima che l'enfant terribile della letteratura francese diventasse quello che è oggi. È una sorta di manuale utente misantropico per un giovane scrittore che cerca di sopravvivere. Non esprime mai rabbia, piuttosto una sorta di laconica tristezza autoironica. D'altra parte: se nella vita di Houllebecq c'è un obbligo verso qualcosa, è l'obbligo di articolare qualcosa.

La volontà e la capacità di articolazione

Nel saggio che dà il titolo, descrive come prende forma la sua personalità e come inizia lentamente a comprendere le miserabili condizioni di vita dell'amore nel nostro tempo. Descrive come questa intuizione si trasforma in odio per se stessi. "Immergiti nelle profondità più profonde del desiderio d'amore", scrive. “Coltiva l’odio per te stesso. Odio di sé, disprezzo umano. Misantropia, disprezzo di sé. Mescola tutto insieme, crea un tutto. Sii sempre il perdente nella caduta della vita.

Ma devi articolarlo. Senza la volontà e la capacità di articolazione, hai finito prima di iniziare. Allora la sofferenza ti divorerà dall'interno. Devi rimanere in vita, perché non puoi scrivere quando sei morto. Se non altro: resta in vita per scriverne. Ma come rimanere in vita? Jo: Se possibile, essendolo parassita: "I regimi di assistenza sociale (indennità di disoccupazione, ecc.) dovrebbero essere sfruttati al massimo, così come il sostegno finanziario degli amici più agiati. Non sentirti eccessivamente in colpa per questo. Il poeta è un santo parassita”.

Un life coach intelligente per persone disilluse e stanche della vita.

Questo saggio è uno dei migliori del libro. Come life coach intelligente per persone disilluse e stanche della vita, scrive su come acquisire l'esperienza di vita necessaria: "Una certa partecipazione professionale può darti una certa conoscenza su come funziona la società, che potrebbe tornare utile in un lavoro successivo. Ma un periodo all’esterno, in cui ci si abbandona all’outsider, darà altri spunti. L’ideale è alternarsi”.

houllebecq

Pessimismo aristocratico

Una delle cose divertenti di Houllebecq è che diventi un po' insicuro su chi sia veramente: è il sovrano solitario che si sente migliore degli altri, o è afflitto da sentimenti di inferiorità e odio per se stesso che lo fanno vergognare di stare con lui. altri esseri umani? Come lettore, non sono mai del tutto sicuro di quale di queste persone sia veramente. Forse è un misto di diversi. Il personaggio letterario conserva il suo potere di fascino. Questo crea una dinamica nei suoi testi che li rende molto leggibili. Ci sono sicuramente tracce di una sorta di aristocratico pessimisme nei testi, mescolato solo con un moderno disgusto per tutto ciò che sa di socialità.

"Perché sei qui" è un testo che parla di una visita a una fiera del porno. Le esperienze che fa durante questa fiera sono così noiose che conclude: "Per la prima volta, comincio a provare una vaga simpatia per le femministe americane".

Illecito

Inizialmente questo autore non sarebbe stato attribuito timidezza. Tanto più divertente che in realtà rivela di essere una persona timida. Houllebecq è divertente proprio per le inaspettate contraddizioni della sua personalità. Non sai bene cosa credere: chi è questa persona? Si nasconde dietro le maschere, e alla fine le maschere gli restano attaccate al viso: è diventato la rappresentazione di sé stesso. Non si deve pensare che non fosse né possibile né desiderabile “accumulare le proprie lamentele contro la vita”. Non se è reale. Ma cosa è veramente reale e cosa è una bugia? "Il pregiudizio è la condizione necessaria per ogni vera creazione artistica", scrive. "Bisogna averlo sempre a portata di mano, anche se si sceglie di non esprimerlo."

Si avvicina a una sorta di programma letterario quando scrive: "La verità è scandalosa […] basta dire la verità, niente di più e niente di meno".

Houllebecq ha un carattere onesto mascherare. Questa è forse la cosa migliore che si possa dire di lui. Probabilmente la maschera è molto più onesta del volto che si nasconde dietro ad essa. Pertanto: se vuoi conoscere questo autore, esamina la maschera, non il volto. Perché come scriveva Oscar Wilde: "Ciò che rende le persone interessanti è la maschera che ognuno di loro indossa".

Henning Næs
Henning Næss
Critico letterario in TEMPI MODERNI.

Potrebbe piacerti anche