Teatro della crudeltà

Il Medio Oriente – verso nuovi conflitti

In questo articolo, il nostro dipendente John E. Andersson fornisce una panoramica della situazione in Medio Oriente e delle forze coinvolte nel conflitto. Mentre il rapporto tra Israele e gli Stati arabi è ancora molto teso, anche dopo le esecuzioni di massa in Iraq, le due superpotenze stanno pianificando una nuova politica nell'area, ma con motivazioni diverse.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Le forze di guerriglia in Medio Oriente hanno le loro basi più importanti in Giordania. Due terzi della popolazione sono costituiti da profughi palestinesi che, dopo la fondazione dello Stato d'Israele, dovettero fuggire verso la sponda occidentale della Banca del Giordano. Lì si stabilirono nei campi profughi. Dopo la Guerra dei Sei Giorni nel 1967, furono costretti ad attraversare il fiume Giordano e ora vivono in condizioni miserabili nei campi profughi intorno alla capitale della Giordania, Amman. Le forze della guerriglia vengono reclutate in questi campi e qui hanno i loro punti di appoggio. Le unità guerrigliere rappresentano un serio problema politico per re Hussein. È costretto per ragioni politiche ad accettare la loro attività. Il re ha il suo appoggio nella popolazione beduina, mentre i profughi palestinesi non si fidano della sua manovra. In un'intervista all'English Observer ha dichiarato che in un compromesso con Israele cederebbe la sponda occidentale del fiume Giordano. Poteva immaginare quest'area come un'area per i rifugiati palestinesi, ma allo stesso tempo era consapevole che l'area sarebbe stata sotto il controllo di Israele.

La risoluzione dell'ONU nel 1948

Vista in una prospettiva storica, questa sarebbe una grande concessione. Durante la prima guerra del 1948, gli ebrei estesero il loro territorio di oltre il 20% in più rispetto a quanto assegnato loro dalle Nazioni Unite. Lo Stato arabo palestinese previsto dalla risoluzione delle Nazioni Unite non è mai nato. Le altre aree assegnate dall'ONU ai rifugiati erano occupate dalla Giordania e dall'Egitto. La proposta del re non è accettabile per i rifugiati. È stato quindi costretto a ritirare l'offerta. L'atteggiamento della guerriglia nei confronti di Saddam Hussein comincia a farsi sentire anche nei confronti di Nasser. Adesso lo sospettano che abbia come unico obiettivo il recupero delle zone perdute nel 1967.

El Falah

Le organizzazioni guerrigliere, di cui El Fatah è la più grande, non ricevono sostegno né da Nasser né da Hussein, ma la loro influenza in Giordania è in costante crescita. Ha circa 50 basi nelle montagne giordane e si stima che El Fatah sia composto da circa 10 soldati con un'organizzazione sviluppata nei campi profughi. Le azioni israeliane con attacchi in Giordania, Egitto e Libano sono giustificate come rappresaglie per attività terroristiche in Israele o nei territori occupati. Ma le attività di sabotaggio della guerriglia non hanno alcun rapporto ragionevole con le massicce rappresaglie. Forze regolari sono state dispiegate da Israele e le azioni hanno colpito paesi che non hanno il controllo sulle organizzazioni di guerriglia che operano da lì.

La nuova politica degli Stati Uniti

Sia gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica stanno progettando una nuova politica nell’area, ma con motivazioni diverse. Gli americani si rendono conto che devono acquisire maggiore influenza nei paesi arabi. Il motivo è che dipendono da una fornitura costante di petrolio dal Medio Oriente. I gruppi di pressione e le lobby petrolifere sono tra le forze più forti dietro Nixon. Tra gli investimenti americani all’estero, sono gli investimenti petroliferi in Medio Oriente a fruttare i dividendi maggiori. Il viaggio del governatore Scranton nella zona e le dichiarazioni da lui rilasciate suggeriscono una nuova politica. Ha affermato che sia Hussein che Nasser si sono proposti di adottare una politica realistica e sensata. Ciò non significa che gli Stati Uniti rinunceranno a Israele come strumento nella zona. Il Paese può ancora servire a rallentare le forze progressiste. Ma negli ultimi tempi il paese ha perseguito una politica che ha radicalizzato le masse nei paesi arabi e indebolito l'influenza degli Stati Uniti nelle stesse aree. Nixon non dipende, come il suo predecessore, dall’appoggio degli ebrei negli Stati Uniti. Non lo hanno aiutato a diventare presidente. All’ONU gli americani si sono schierati con l’Unione Sovietica nella loro critica a Israele.

L’Unione Sovietica e la decisione del Consiglio di Sicurezza del 1967

La posizione dell'Unione Sovietica è ancora che occorre una soluzione politica e che questa deve basarsi sulla risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 22 novembre 1967. Questa posizione, che implica una crescente condanna di Israele, dei leader del paese e di coloro che li sostengono , ma con l'accento su una soluzione politica alla crisi è stato ribadito da Tabeev, membro del Presidium del Soviet Supremo, alla conferenza di solidarietà tenutasi recentemente al Cairo. Bisogna ricordare che Tabeev si trovava ad affrontare un'assemblea militante. Ciò sottolinea la volontà dei sovietici di trovare una soluzione politica. I russi temono anche la crescente influenza della Cina nell'area. Sottolineano che uno dei metodi dei maoisti è quello di “sostenere tutti i movimenti con tendenze separatiste ed estremiste e allo stesso tempo fornire loro armi”. Secondo il Cremlino, una soluzione politica indebolirebbe contemporaneamente l’influenza di Pechino. Forse questa non è la ragione meno importante per cui l'Unione Sovietica insiste fermamente sulla richiesta che venga attuata la risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 22 novembre 1967.

Potrebbe piacerti anche