L'uomo è come il fiore

Novacene – The Coming of Age of Hyperintelligence
Forfatter: James Lovelock
Forlag: Allen Lane (Storbritannien)
IL FUTURO / Viviamo in una nuova era, in cui l'intelligenza artificiale si sviluppa da sola e diventa la nostra salvezza, non la nostra morte. Succede solo un po' dopo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In queste settimane, un altro capitolo della saga infinita di film Terminator scorre sullo schermo del cinema. E ancora una volta abbiamo a che fare con una nozione di cyborg che ci ricorda gli umani – ma è semplicemente superiore a noi in termini di forza, velocità e sopravvivenza.

Ma cosa accadrebbe se abbandonassimo questi cliché di cyborg e invece immaginassimo una creatura che non è affatto antropomorfa. Una creatura che può avere la forma di una gocciolina, una sfera o un microrganismo. Questo essere ci osserverà e penserà a noi nello stesso modo in cui osserviamo e pensiamo al fiore.

Il grande passo è già stato fatto

Questi sono i tipi di pensieri che James Lovelock fa nel libro Novacena Il libro è qualcosa di tanto raro quanto un’opera profondamente visionaria. Il titolo si riferisce all'era in cui Lovelock crede che siamo sulla soglia, anzi, potremmo essere appena entrati: prima dell'era del Novacene, avevamo l'era dell'Antropocene, un'epoca caratterizzata dalla capacità dell'uomo di influenzare l'ecosistema del pianeta. L’era del Novacene è un periodo in cui la tecnologia cresce fuori dal nostro controllo e in cui l’intelligenza artificiale acquisisce la capacità di perfezionarsi e svilupparsi ulteriormente e diventare così veramente un essere indipendente.

Negli anni ’1970 Lovelock avanzò la teoria di Gaia.

Ne abbiamo già visti esempi, sottolinea Lovelock, citando il programma per computer di Google AlphaGo come esempio significativo. Nel 2015 il programma ha conquistato un essere umano nel gioco del Go, che è molto più complicato rispetto, ad esempio, agli scacchi. E a differenza del computer Deep Blu di IBM che ha sconfitto Kasparov Negli scacchi degli anni '1990, AlphaGo non veniva creato fornendo alla macchina molti dati da cui sembrava navigare. Invece, AlphaGo ha combinato due sistemi: in parte input umano sotto forma di dati e in parte sviluppando la capacità di apprendere il gioco da solo lungo il percorso. Quest'ultima è rivoluzionaria, sostiene Lovelock, perché significa che l'intelligenza artificiale ha ormai raggiunto uno stadio in cui l'intuizione, l'autonomia e la capacità di apprendimento diventano proprietà che l'intelligenza artificiale possiede. E se a questo aggiungiamo una gestione delle informazioni migliaia di volte più veloce del cervello umano, abbiamo la prospettiva di un’intelligenza artificiale di gran lunga superiore alla nostra. Poi abbiamo l'intelligenza artificiale che ci guarderà come noi guardiamo il fiore.

Lovelock non pensa che dovremmo temere questi esseri – ma, al contrario, gioire della loro esistenza. Perché ci aiuteranno a mantenere il pianeta abitabile più a lungo che altrimenti. Ma prima o poi probabilmente non avranno più bisogno di noi. La nostra estinzione è inevitabile, ma se avvenga per conseguenze naturali o se veniamo sterminati da queste intelligenze artificiali, Lovelock non risponde con chiarezza. Ma noi moriamo.

Dal film Terminator: Destino Oscuro
Dal film Terminator: Destino Oscuro

Fantastico o visionario?

Chi è questo fantasista e futurista, Lovelock? È infatti un inglese di 100 anni che ha appena pubblicato un altro libro. È anche uno scienziato e quasi deve essere considerato tale uomo rinascimentale con competenze sia in chimica, fisica, medicina, filosofia e geologia. Negli anni '1970 Lovelock avanzò la teoria Gaia, che implica la nozione di jorden come un sistema autoregolamentato che cerca costantemente di creare condizioni di vita ideali.

I Novacena sembra che Lovelock si allontani un po' dalla teoria dell'autoregolazione, intesa almeno come garanzia che tutto funzionerà e durerà, mentre il pianeta si autoregola comunque.

Intuizione, autonomia e capacità di apprendere diventano proprietà che possiede l'intelligenza artificiale.

Lovelock spende parte del suo lavoro sostenendo che dovremmo impegnarci al massimo per contrastare l’aumento della temperatura sul pianeta. Il fatto che rinunciamo a molte risorse per cercare la vita nello spazio, come crede, tutto indica che siamo soli nell'universo. Lovelock, d’altro canto, è un convinto sostenitore dell’uso dell’energia nucleare e ritiene che la nostra resistenza al suo utilizzo sia l’esempio più chiaro dei limiti della nostra intelligenza.

Tuttavia, la lotta contro l’aumento della temperatura non può essere vinta soltanto dall’energia nucleare. È qui che devono intervenire le intelligenze artificiali. L'essenza principale del nuovo lavoro di Lovelock è quindi l'evoluzione naturale che ha creato l'uomo, ma ha anche portato a un uomo che adotta comportamenti predatori e quindi distrugge la capacità di autoregolamentazione di Gaia. Ora dovrebbero essere sostituite da un’evoluzione delle macchine che permetterà alle intelligenze artificiali di svilupparsi da sole e prendere il sopravvento laddove noi non possiamo più essere coinvolti.

Un'opera rara

Nonostante il libro soffra un po' delle troppe ripetizioni e di un editing un po' disordinato, è un piacere leggere un'opera così ponderata. Ed è sorprendente quanto raramente tali libri vedano effettivamente la luce. Forse perché i grandi pensieri sono spesso facili bersagli di disprezzo e ridicolo. Di tanto in tanto, non puoi fare a meno di riflettere, magari indossare la faccina sorridente, esitare. Diventi dubbioso su ciò che è realistico e ciò che sembra davvero una fantasia senza radici e pura speculazione. Ma questa è proprio una delle attrattive del libro. Lo rende ricercato, saggistico e diverso.

Qualcosa su cui ho lottato lungo il percorso era se sia uno sviluppo naturale anche quando non è più organico? E se il partout naturale è il bello. Lovelock non dà risposte chiare a questo genere di cose. Egli ipotizza e riflette ulteriormente.

Abbonamento NOK 195 al trimestre