Teatro della crudeltà

Diritti umani per chi ha interessi speciali

Diritti umani e Norvegia. Sviluppo giuridico, legalizzazione e democrazia
Il governo popolare è indebolito da tribunali sovranazionali, ha stabilito la Power Inquiry già nel 2003. E i diritti umani in questo quadro?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In sei decenni, le autorità norvegesi si sono progressivamente impegnate a realizzare un numero crescente di diritti per i cittadini del paese. Diritti umani e Norvegia. Sviluppo giuridico, legalizzazione e democrazia non fornisce una panoramica di tutti questi diritti, cosa che non era nemmeno nelle nostre intenzioni. Secondo la copertina del libro, gli autori mappano l’importanza dei diritti umani per la Norvegia e se questa legalizzazione internazionale abbia limitato il potere dello Storting. Il libro creerà così le basi per un dibattito più illuminato, afferma. Dei 15 autori dei capitoli del libro, 12 sono avvocati molto qualificati negli ambienti professionali legali centrali e nella vita sociale norvegese. Il tredicesimo è un ex dipendente del Dagbladet, gli ultimi due sociologi giuridici dell'Università di Oslo. I tre redattori del libro lavorano per Pluricourt, un centro di ricerca eccezionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Oslo.

Azione prima dell'anniversario. Diritti umani in Norvegia fornisce un quadro generale della situazione dei diritti umani nella Norvegia di oggi – vista dalle istituzioni centrali norvegesi – dopo che lo Storting nella primavera del 2014 ha deciso di sancire quattro importanti diritti nella costituzione e che le autorità norvegesi hanno anche il dovere di far rispettare i diritti sanciti nei diritti umani dichiarazioni e convenzioni che la Norvegia ha ratificato. I quattro diritti ruotano attorno al giusto processo; rispetto della privacy, della vita familiare e della comunicazione; formare, aderire e ritirarsi dalle associazioni, nonché le richieste dei bambini di integrità e dignità umana. La costituzionalizzazione non significa che siano stati introdotti nuovi diritti, ma che quelli esistenti diventano più difficili da modificare politicamente e ne garantisce l’applicazione. Questa mossa era particolarmente adatta poco prima del Giubileo della Costituzione nel maggio 2014.

Quanto sono stati davvero intelligenti i media nel porre domande sulla legittimità dei diritti umani tra la popolazione? 

Finjus. Gli autori giuridici affrontano i diritti umani sulla base della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), della Corte suprema norvegese, dello Storting e del difensore civico civile. I capitoli contengono materiale importante e fondamentale sull’importanza dei diritti umani per le operazioni di queste istituzioni giuridicamente molto importanti. Tuttavia, poiché i testi sono estesi e caratterizzati da approfondite trattazioni giuridiche, bisogna essere disposti a dedicare molto tempo per acquisire il materiale. Ciò vale in particolare per i capitoli con una forte enfasi sulle questioni di metodo giuridico, una materia giuridica fondamentale, come l’importanza delle fonti internazionali del diritto nel diritto costituzionale dello stato norvegese. Si tratta ovviamente di un argomento giuridico importante, ma a mio avviso non è necessario come base per una conversazione illuminata sull’importanza dei diritti umani in Norvegia. La "finezza" con interpretazioni e demarcazioni giuridiche dettagliate che gli esperti altamente qualificati incontrano nel loro lavoro professionale agisce piuttosto come un ostacolo alla discussione di questioni più generali.

Il fallimento dei media. Il capitolo sull'importanza dei diritti umani per i media, scritto da un dipendente di lunga data del Dagbladet, è un tributo unilaterale ai diritti umani con pochissima influenza giuridica come "gold standard globale per i giornalisti". Anche qui l’autore ha scelto un punto di vista interno nel suo resoconto su come i diritti umani siano stati utili ai giornalisti e ai media in modi diversi. Non c’è motivo di dubitarne, ma quanto sono stati davvero intelligenti i media nel porre domande sulla legittimità di questi diritti tra la popolazione? A volte creano conflitti piuttosto strazianti tra persone, gruppi e autorità? La Corte europea dei diritti dell’uomo limita indebitamente il potere delle autorità legislative? Oppure gli ideali su cui poggiano i diritti umani sono così evidenti e ampiamente accettati che l'unico compito dei media è quello di renderli ulteriormente conosciuti e quindi universalmente realizzati? La Cina ha lasciato la Norvegia nel congelatore per sei anni dopo che il premio Nobel è stato assegnato a Liu Xiaobo nel 2009, e il modo in cui i capi di stato norvegesi hanno camminato in punta di piedi durante le loro visite in Cina a maggio illustra chiaramente quanto siano contestati anche i classici diritti umani.

Legittimità democratica. Tre capitoli che trattano aspetti più limitati e concreti della vita della gente comune – e non la pratica professionale istituzionalizzata – sono probabilmente quelli che coinvolgeranno più facilmente i lettori al di fuori dei ranghi degli avvocati professionisti. Questi affrontano argomenti come l’importanza dei diritti umani nei casi penali e i diritti umani come quadro di riferimento nella nuova società diversificata, dove l’immigrazione e i flussi di rifugiati hanno creato molti nuovi problemi interpersonali e legali. Qualcosa di simile vale per i diritti degli indigeni: la situazione dei Sami in Norvegia e il rapporto tra i Sami e gli altri residenti, imprese e autorità.

La camminata faccia a faccia dei capi di stato norvegesi durante la loro visita in Cina a maggio illustra chiaramente quanto siano contestati anche i classici diritti umani.

Il libro dice poco sul significato che i diritti umani hanno avuto per la Norvegia, quando per "Norvegia" si intende qualcosa di più dei media e delle istituzioni giuridiche centrali: noi "non abbiamo condotto ricerche empiriche sul rispetto dei diritti umani, su come la limitazione della governance opzioni percepite dallo Storting e dall'amministrazione o quale importanza hanno i diritti umani nella vita quotidiana delle persone", scrivono anche i redattori.

Si può aggiungere che il libro non fa riferimento ad altri sondaggi sulla percezione dei diritti umani da parte dei norvegesi o sulle loro conseguenze per la Norvegia. Pertanto in questo libro non troverete risposte e nemmeno domande.

La possibilità che la pubblicazione possa creare le basi per un dibattito più illuminato è limitata, a mio avviso, dalle posizioni interne degli autori; sembra che la Norvegia sia composta esclusivamente da istituzioni giuridiche ed esperti. Il fatto che molti compromessi tra diritti diversi riguardano molto più della semplice legge e che la legittimità di diritti diversi influisce su importanti questioni di politica pubblica non è tematizzato. Che gli avvocati nella loro attività professionale trovino democraticamente non problematico che lo Storting abbia adottato regole e ratificato convenzioni sui diritti umani va bene. Ma il sostegno dello Storting ai diritti umani non è di per sé un buon argomento per dimostrare che ciò sia democraticamente non problematico.

Le persone lasciate fuori. Democrazia è un aspetto centrale della democrazia: le norme giuridiche stabilite dai rappresentanti del popolo devono poter essere modificate eleggendo altri rappresentanti con potere legislativo. Ma una simile prospettiva di governance non si trova tra gli autori, anche se uno degli avvocati sottolinea che "un costante rafforzamento ed espansione dei diritti che sono di per sé sanciti dalla convenzione, possono facilmente entrare in conflitto con altri valori ​​e obiettivi di sviluppo sociale, e in uno Stato di diritto democratico spetterà poi agli organi eletti determinare gli sviluppi giuridici a livello nazionale e alle modifiche dei trattati con nuovi protocolli sviluppare nuovi vincoli internazionali sulla legislazione nazionale".

Altrimenti, sembra che "democrazia" sia sinonimo di "diritti", come li hanno elaborati e soppesati gli avvocati del tribunale. Pertanto non viene discussa né l'assenza di un'assemblea legislativa internazionale con rappresentanti eletti che possano modificare le disposizioni sui diritti umani, né il fatto che il cambiamento sia quasi impossibile perché ciò può avvenire solo previo accordo tra gli Stati ratificanti. In pratica, la possibilità di cambiamento risiede nel fatto che i giudici della Corte europea dei diritti dell’uomo cambino l’interpretazione/ponderazione dei diritti. Ciò significa che la percezione dei valori personali e le gerarchie all’interno del sistema della Corte EDU sono di importanza decisiva per ciò che le autorità nazionali devono considerare come legge applicabile e quindi anche applicarla. Ciò è stato sottolineato anche nel rapporto finale degli investigatori del potere nel 2003: che il governo popolare viene indebolito da tribunali sovranazionali e nazionali più attivi e pionieristici, così che il potere viene spostato dagli organi eletti dal popolo ai tribunali. Nessun materiale inserito Diritti umani e Norvegia. Sviluppo giuridico, legalizzazione e democrazia tende a indebolire questa conclusione, anzi il contrario.

lpolaussen@jus.uio.no
l.p.olaussen@jus.uio.no
Olaussen è professore emerito in giurisprudenza.

Potrebbe piacerti anche