Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Traffico di esseri umani

Per ogni calciatore africano che affronta un futuro in Europa, molte intere squadre sono distrutte. La compravendita di calciatori è una forma legale di tratta di esseri umani. Per ogni ragazzo africano che si fa strada verso un futuro in Europa, ci sono molti ragazzi che vengono demoliti dai club.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[caccia al giocatore] – Da grande diventerò un calciatore, dice il ragazzo scalzo.

Inganna una pallina sul campo marrone e ben battuto di Jamestown ad Accra. La banda di ragazzi della capitale ghanese gioca a calcio tutto il giorno. Alcuni indossano la divisa della nazionale del Ghana, mentre altri indossano la divisa del Chelsea. Hanno tutti il ​​sogno di diventare una delle stelle della nazionale ghanese, di venire in Europa e di sostenere le loro famiglie. È in questa parte di Accra che sono nate e cresciute molte delle stelle della nazionale che hanno impressionato durante i Mondiali in Germania.

Pochi mesi dopo: un altro gruppo di ragazzi africani ha iniziato il lungo viaggio che molti ragazzi sulla strada sterrata di Accra sognano. La squadra senegalese dell'accademia di calcio Diambars incontra la Kurland Coop all'Ekebergsletta di Oslo, in Norvegia. L'attaccante Pape Mowba Didum Sow dribbla i difensori norvegesi e mette la palla in porta. Ha 14 anni ed è alla Coppa di Norvegia.

Va benissimo comprare le persone

Nel calcio è ancora legale comprare e vendere persone. Ogni anno migliaia di scolari speranzosi provenienti dai paesi poveri dell’America Latina e dell’Africa si recano in Europa. La maggior parte di questi giocatori non ottiene mai un contratto con le squadre di calcio europee. Allo stesso tempo, i club europei guadagnano molto rivendendo giocatori africani con cui sono entrati in contatto quando i ragazzi erano molto giovani.

Ragazzi che giocano a calcio speranzosi si mettono in fila per lasciare andare la libertà. Affidano il loro futuro ai club europei. Non è insolito che le famiglie dei ragazzi vengano attirate da favolose ricchezze e indotte con l'inganno a pagare ingenti somme ad agenti che affermano di poter aiutare i ragazzi a condurre una vita di opulenza in Europa.

"Questa è la versione attuale della tratta degli schiavi", dice l'ex giocatore della nazionale del Camerun Jean-Claude Mbvoumin al quotidiano International Herald Tribune. In Francia sono probabilmente più di 7000 i giovani sotto i 18 anni che soggiornano illegalmente nel paese, dopo essere stati abbandonati a se stessi dagli agenti che li hanno portati in Europa. Mbvoumin gestisce da sei anni un centro di volontariato a nord di Parigi e solo nella sua zona conosce almeno 600 giovani che non hanno raggiunto il concorso.

Per i calciatori migranti più sfortunati, il viaggio da sogno in Europa può diventare un incubo. La strada per finire come immigrato clandestino in una grande città europea è breve, senza soldi né possibilità di tornare a casa.

Silje Johannessen nell'organizzazione dei giocatori norvegesi Niso ha avuto diversi casi in cui ha aiutato giocatori africani in Norvegia.

- Ci sono un numero incredibile di problemi che sorgono con il modo in cui vengono reclutati i giovani giocatori. Il problema più grande è per coloro che non ci riescono. La maggior parte ritorna. Con le aspettative riposte su di te, sembra una sconfitta, dice Johannessen.

Una miniera d'oro di talento

Il Ghana veniva chiamato la Costa d'Oro a causa degli enormi giacimenti d'oro nella regione. Oggi sono i calciatori l'oro del Paese. Anche loro sono una risorsa che sta scomparendo dal Paese. La partecipazione alla Coppa del Mondo di quest'anno ha trasformato i giocatori del Ghana in oggetti di vendita caldi.

Per portare il mercato dei trasferimenti in forme più ordinate, la federazione internazionale di calcio FIFA ha introdotto l'approvazione degli agenti che effettueranno la compravendita dei giocatori. Attualmente ci sono tre agenti approvati dalla FIFA in Ghana.

Joseph Epton del Topsport Group in Ghana non è uno di questi. Lui, come tanti altri, cerca di guadagnarsi da vivere con il calcio come talent scout. In realtà i talent scout spesso lavorano allo stesso modo degli agenti, ma non possono essere coinvolti nella vendita vera e propria. Le loro attività non sono regolate dalle regole della FIFA.

- Né io né Topsport Group siamo coinvolti in tutto questo per sfruttare i giocatori o per distruggere il gioco che amiamo così tanto. Il nostro obiettivo è contribuire altruisticamente a rendere possibile l'arena del calcio mondiale, afferma Joseph Epton.

Dice che deve dire ogni giorno ai ragazzi che solo i migliori hanno una piccola possibilità di successo.

Fuori dall'ambasciata danese ad Accra, in un giorno di giugno del 2006, c'è la squadra di calcio Frankfurt Babies. Provengono dalla scuola di calcio The Frankfurt Football Academy e stanno aspettando di ottenere il visto prima di poter recarsi alla Dana Cup in Danimarca. Qui vengono prelevati i bambini di età inferiore agli otto anni.

- Coloro che fanno domanda ricevono un soggiorno di formazione di una settimana durante il quale devono convincersi che meritano di iniziare la scuola. Abbiamo spazio per 25 giocatori in ogni gruppo, dice Mumin Kadiri.

Le squadre della scuola di Kadiri hanno dimostrato di avere buoni risultati. Tra le altre cose, hanno avuto diverse squadre che hanno vinto le loro classi durante la Coppa di Norvegia e la Coppa di Dana.

- Durante tornei come la Coppa di Norvegia, abbiamo l'opportunità di offrire ai nostri giocatori un allenamento internazionale che li aiuti a trasformarsi in calciatori migliori, afferma Mumin Kadiri, che attualmente è l'allenatore capo della scuola.

Non nasconde il fatto che il suo sogno è che alcuni di questi ragazzi possano guadagnarsi da vivere facendo i calciatori in futuro.

- Diamo loro formazione ed esperienza. È importante che siano consapevoli dei requisiti se un giorno vorranno cimentarsi in Europa, dice Kadiri.

Affari poco affidabili

All'altra estremità dell'itinerario della buona gamba destra troviamo la squadra di calcio Brann. Nel dicembre dello scorso anno, il team norvegese voleva portare tre gambiani di 17 anni in Norvegia come studenti di un college comunitario. Tutto è sistemato, ma poi la Direzione dell'Immigrazione punta i piedi. Credono che lo scopo principale del soggiorno non sia l'insegnamento. Ai gambiani viene negata la richiesta di permesso di soggiorno. Venivano ancora in Norvegia – con visti turistici.

Nonostante il limite di 18 anni per i permessi di gioco, Brann crede di essersi assicurato un'opzione sui giocatori.

- Dipende da noi se li vogliamo. Abbiamo un accordo con i club dei giocatori secondo cui quando compiranno 18 anni avremo un'opzione, dice il direttore sportivo del club, Per-Ove Ludvigsen.

Silje Johannessen di Niso è molto scettica sull'accordo di opzione di Brann.

- Nessun club può assicurare un giocatore prima che abbia compiuto 18 anni. Non è possibile evitare la regolamentazione con le convenzioni private, dice il leader della federazione.

Johannessen ha l'impressione che sia stato molto più facile portare i giovani giocatori africani in Norvegia che in altri paesi europei. In Inghilterra l’applicazione delle norme è molto più rigorosa. Per questo motivo i club inglesi hanno stipulato accordi di cooperazione con club belgi che si sono presi cura dei giocatori fino al compimento dei 18 anni. La pratica è stata accolta con massicce critiche.

Ludvigsen dice che l'intenzione di portare giovani giocatori africani non è principalmente quella di fare soldi con la rivendita, ma di portare buoni giocatori al Brann.

- Speriamo sempre che sia i giocatori locali che quelli stranieri abbiano successo, ma non introduciamo giocatori africani perché offrono maggiori opportunità di rivendita. In tal caso sarà un vantaggio, afferma Ludvigsen.

Sottolinea che i giocatori vengono seguiti nel loro paese d'origine e che durante tutto il processo hanno dialogato con i loro genitori.

- Né facciamo loro alcuna pressione.

Regole vaghe in Norvegia

Johannessen sottolinea che un giovane africano che viene in Europa vive la situazione come poco chiara. Ci sono molti soldi in gioco e dietro le quinte operano vari club e agenti.

La regola secondo cui i club norvegesi possono avere in campo contemporaneamente solo due giocatori provenienti da paesi extra UE può sembrare di per sé discriminatoria. Johannessen ha sperimentato casi in cui i club norvegesi hanno utilizzato la normativa UE come mezzo di pressione per rescindere il contratto con giocatori che non ce l'hanno fatta.

I diritti dei calciatori sono contestati. Pochi altri lavoratori rinunciano alla propria libertà tanto quanto un calciatore. Firmano contratti pluriennali che li legano al club.

- Nel calcio si usano espressioni come investimento e compravendita di giocatori. È diverso dal resto della vita lavorativa. Il club ritiene di avere i diritti sul giocatore. Anche questo è speciale, dice Johannessen.

È stato difficile non cogliere l'interesse attorno al diciottenne John Obi Mikel l'anno scorso. Si affezionò a Lyn quando aveva 18 anni. Il club ha trovato una scappatoia e ha portato il ragazzo in Norvegia come studente presso il Norwegian Top Sports Gymnasium. A Lyn, ha ottenuto un contratto giovanile.

Poi inizia il grande gioco: nel giorno del suo 18esimo compleanno firma un contratto professionale con Lyn. La settimana successiva firma per il Manchester United, mentre nella foto c'è anche il grande club Chelsea. Il giocatore è sotto pressione da più parti. Al suo fianco c'è l'agente John Shittu.

Un anno dopo, il denaro sta arrivando sul conto di Lyn. Il club può incassare tra i 47 ei 60 milioni di corone norvegesi dal trasferimento di Mikel al Chelsea.

Il caso Mikel non ha allarmato la direzione della Lyn. "Lyn vuole coinvolgere più giovani africani", dice al Dagbladet il direttore uscente della Lyn, Morgan Andersen. Il connazionale di Mikel, Chinedu "Edu" Obasi Ogbuke, entrato nel club nello stesso periodo di Mikel, "potrebbe diventare una miniera d'oro per noi", ha detto Andersen, che aggiunge che questa miniera d'oro è di proprietà di Lyn.

Passa attraverso la cruna dell'ago

Per la maggior parte delle persone, tutto procede in modo più silenzioso rispetto a Mikel. Alcuni fanno fortuna in Norvegia, altri scompaiono rapidamente nel paese da cui provengono o tentano la fortuna altrove.

Nel giugno 2006, Molde incontra HamKam in una partita di fondo nella massima divisione norvegese. Per una persona, c'è un'eccitazione extra legata a questa partita. Il senegalese Pape Paté Diouf ha appena ricevuto un permesso di gioco temporaneo. Gli altri attaccanti sono fuori in quarantena e Diouf riesce a giocare in modo un po' inaspettato fin dall'inizio. Il ventenne offre un gioco brillante e assicura la vittoria al Molde con due grandi gol.

Dietro la storia di Diouf c'è anche una storia più sconosciuta e molto meno affascinante. Contemporaneamente a Diouf è venuto a Molde anche il connazionale Ibrahima Ngom. Entrambi hanno ottenuto un posto alla Rauma Folkehoyskole. Ma mentre Diouf è diventato un giocatore chiave con cinque gol in cinque partite, Ngom è stato svincolato dal club all'inizio dell'estate. Ora è a Siviglia, in Spagna. Lì tenta la fortuna in un club di 2a divisione.

- Naturalmente è stato difficile per me non ottenere un contratto, ma è così. Lavorerò duro nella speranza di ottenere un contratto altrove, dice Ngom.

Non ha rinunciato alla speranza di approdare a un top club norvegese.

A Molde, Diouf siede e si piazza in alto dopo le critiche elogiative. Recentemente gli è stato concesso un permesso di lavoro.

- Sono contento della situazione attuale, ma ricordo la scuola calcio in Senegal, dove solo due o tre per ogni gruppo di 150 giocatori avevano un contratto da professionista.

Pensa anche al suo compagno che ha continuato la sua esistenza nomade nell'Europa meridionale.

- È stato difficile per lui quando solo uno di noi ha avuto successo, ma può avere successo altrove, dice Diouf.

Entrambi i senegalesi hanno sperimentato quanto sia importante avere un buon agente, ma non sono disposti a parlare delle loro esperienze con gli intermediari.

Il futuro è un segreto

Di nuovo a Ekebergsletta. Dentro e fuori dal campo c'è gioia sportiva, risate ed eccitazione. Tutti sanno che gli agenti sono qui, ma ufficialmente non sono presenti. La Coppa Norvegia è la vetrina e gli agenti seguono gli obiettivi attuali.

Pape Mowba Didum Sow proviene dal settore giovanile del Senegal Diambars, tifoso dalla Francia e dal giocatore dell'Inter Patrick Vieira. Pape è anche l'omonimo dell'attaccante del Molde che ha fatto tanto bene a inizio estate. A 14 anni è già sotto i riflettori dei club europei. È l’allenatore a tirare le fila. Lo stesso Pape non sa nulla delle opportunità che potrebbe avere.

- L'ideale sarebbe giocare nel Barcellona o nel Real Madrid dove ci sono Ronaldo e Ronaldinho, ma poi devo lavorare bene a scuola e rispettare le altre persone. Solo allora posso farcela, dice il senegalese.

Ha la speranza negli occhi.

SCAMBIO GIOCATORE:

  • Grandi club come Barcellona, ​​Chelsea e Manchester United danno la caccia a giocatori di appena sette anni.
  • Diverse nuove regole internazionali rafforzano lo sviluppo. Si richiede la produzione interna dei giocatori, quindi è vantaggioso connettere i talenti fin dall'inizio.
  • Sempre più club stanno creando le proprie accademie per mettere in contatto i bambini con loro fin dalle prime fasi.
  • Nel campionato norvegese lo scorso anno c'erano 105 giocatori stranieri provenienti da 34 nazioni. Di loro 19 provenivano dall'Africa, 7 dall'America Latina.

Di Jógvan H. Gardar, Accra in Ghana e Lars Kristian Solem, Oslo (post@nytid.no)

Potrebbe piacerti anche