Ordina qui l'edizione estiva

Penso che la Norvegia sia stata troppo passiva

La Norvegia riceve critiche da Amnesty per non aver sollevato problemi di armi con la Cina.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[armi leggere] La Cina potrebbe bloccare il Trattato sul commercio di armi (ATT). La Norvegia sostiene l'accordo, ma non ha sollevato la questione durante l'incontro con la Cina la scorsa settimana.

- L'agenda della riunione era lunga, ma ATT non faceva parte dei colloqui, afferma il segretario di Stato Raymond Johansen (Ap).

Sottolinea che il commercio di armi è stato un argomento in passato negli incontri tra Norvegia e Cina.

Lunedì prossimo l'ONU terrà una conferenza sulle armi leggere a New York. Il project manager della campagna "Control Arms" in Amnesty International Norvegia, Kaja Glomm, afferma che la conferenza sarà estremamente importante, anche per la Norvegia.

- Qui la Norvegia può dimostrare di essere seria riguardo alla dichiarazione di Soria Moria e alle promesse di lavorare per un accordo legalmente vincolante sul commercio di armi, afferma Glomm.

Il segretario di Stato Johansen conferma di aver chiesto all'ambasciatore cinese all'Onu un incontro in connessione con la conferenza.

Gli iniziatori di "Control Arms" credono che la grande fornitura di pistole e la mancanza di normative internazionali abbiano enormi conseguenze per la maggior parte delle persone. Le armi leggere ogni anno prendono più vite delle bombe nucleari

Hiroshima e Nagasaki hanno fatto insieme.

La campagna "Control Arms" ha presto raccolto le immagini di un milione di persone che sostengono il lavoro su un accordo internazionale sulle armi leggere. Le foto saranno consegnate al segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan alla conferenza di lunedì a New York. Il progetto internazionale è stato chiamato "Million Faces" e Amnesty in Norvegia ha raccolto circa 12.000 volti. Possono essere visti nel volto di Jonas Gahr Støre. Un grande poster a mosaico del ministro degli Esteri è stato infatti svelato la scorsa settimana davanti allo Storting.

Kalashnikov supporta ATT

[supporto] In vista della grande conferenza sulle armi leggere a New York, l'uomo che ha creato il famoso fucile russo AK-47, Mikhail Kalashnikov, sostiene il lavoro su un accordo internazionale che limiti l'uso delle armi leggere.

- Non mi preoccupa che le mie armi siano usate nella resistenza e nell'autodifesa, ma quando vedo che persone pacifiche vengono ferite e uccise da queste armi sono molto turbato, ha detto al Times l'ex generale sovietico di 86 anni questa settimana.

"Avtomat Kalashnikova 47" prende il nome dal suo fondatore e dall'anno in cui è stato introdotto nell'esercito sovietico. Il fucile divenne rapidamente un'arma popolare grazie alla sua affidabilità. Oggi ci sono dieci volte più AK47 di qualsiasi altra arma simile.

Pistola

  • 1000 persone vengono uccise ogni giorno con armi leggere.
  • Oxfam, Ansa e Amnesty International collaborano alla campagna "Control Arms".
  • La Norvegia è il quattordicesimo esportatore di armi al mondo e il più grande in rapporto alla sua popolazione.
  • Vengono prodotte dieci volte più armi leggere di quante ne vengono distrutte.
  • Il 90% di tutti gli omicidi nelle aree di conflitto sono commessi con pistole.

Potrebbe piacerti anche