Teatro della crudeltà

L'appartenenza ai blocchi delle superpotenze è diventata una minaccia per gli stessi paesi

ORIENTERING 22. APRILE 1969 / Oggi è più chiaro che mai che è la politica di blocco delle grandi potenze a minacciare la pace nel mondo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il 4 aprile, la NATO esiste da 20 lunghi anni e la NATO Norvegia ritiene che questo sia un motivo per festeggiare. Il consiglio nazionale del Partito socialista popolare affermerà al riguardo:

Dopo 20 anni, gli Stati membri possono, secondo il patto, porre fine alla loro adesione all'alleanza con un anno di preavviso. Ma alla riunione nazionale del Partito conservatore di recente, il ministro degli Esteri John Lyng ha affermato che le continue relazioni della Norvegia con la NATO sono state confermate dall'esame e dalla decisione di Storting nel giugno 1968. Ha affermato che le basi per la nostra politica di sicurezza sono state quindi stabilite per un tempo considerevole per venire.
Come tante altre volte, i politici della NATO cercano di determinare la politica di sicurezza del nostro paese al di sopra delle persone. La nostra politica estera e di difesa è tenuta fuori dalla campagna elettorale, ma dopo le elezioni affermeranno di aver ricevuto un nuovo mandato per subordinare il nostro paese alla NATO.
Questa politica significa che anche nei prossimi anni la Norvegia parteciperà alla corsa agli armamenti internazionale. Dal 1949 al 1969, le spese per la difesa aumentarono da 370 a 2400 milioni di corone norvegesi all'anno. La forte carica militare, soprattutto nella Norvegia settentrionale, ha reso il nostro Paese un bersaglio di attacchi in caso di guerra.
Attraverso l'integrazione completa | Presso la NATO, le autorità norvegesi hanno rinunciato al diritto del nostro Paese di formulare la propria politica estera e di sicurezza non solo in una situazione di crisi, ma anche in tempo di pace.

L'appartenenza nei grandi blocchi di potere è diventata una minaccia per i paesi stessi. Restano in piedi gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica per una politica di potere di cui sono cadute vittime sia la Grecia che la Cecoslovacchia. IN In Grecia, sul fianco meridionale della NATO, è stata instaurata una dittatura militare con l'assistenza degli Stati Uniti e utilizzando il piano di emergenza della NATO, che ha il suo equivalente in tutti i paesi della NATO.

È oggi è più chiaro che mai che è la politica di blocco delle grandi potenze a minacciare la pace nel mondo.

Grazie alla nostra adesione alla NATO, la Norvegia è membro dell'alleanza militare dei paesi ricchi. Siamo sempre più coinvolti nella cooperazione con regimi fascisti e autoritari che, con il sostegno della NATO, combattono i movimenti di liberazione ed espandono l’oppressione e lo sfruttamento di altri popoli.
Il consiglio direttivo nazionale del Partito Socialista Popolare incoraggia tutti gli oppositori della NATO a diventare membri della campagna NORVEGIA FUORI dalla NATO e a rafforzare i loro sforzi per liberare il nostro paese dalla politica dei blocchi.

(ORIENTERING 22 aprile 1969)

Potrebbe piacerti anche