Ordina qui l'edizione estiva

Corresponsabilità e non colpa

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Sono stato intervistato di Ny Tid (n. 37) in occasione di mia moglie, il doppiogiochista. Ma il giornale ha dato all'intervista un titolo fuorviante: dovrei sentirmi "complice", dice. "Colpevole" è una parola carica. Le ho dato il via libera fin dall'inizio, se ne avesse bisogno, su richiesta dei palestinesi, per assistere con i servizi segreti. Rimango fedele a quella posizione.

Ci sono molti conflitti in corso nel mondo, e uno è tra i palestinesi e Israele. È semplice, quando si tratta di giusto e sbagliato. I palestinesi hanno ragione. E Israele ha torto. Possiamo servire il primo in molti modi. La cosa naturale è come lavoratori della solidarietà. Ma il conflitto si verifica su molti livelli. Quello che spicca è il confronto aperto. Inoltre, è propaganda. Poi ci sono i servizi nascosti, come in ogni conflitto.

A mia moglie è stato chiesto di assistere di recente. Può essere una scelta coraggiosa. A cui ha comunque accettato. E ha seguito il suo cliente.

Quel tipo di servizi appartiene alla vita reale. Possiamo lasciarli ad altri. E può certamente essere il più sicuro. Ma non possiamo chiudere gli occhi sul fatto che esistano. Sono una parte importante del conflitto.

Questo è anche il caso tra i palestinesi e Israele. Il primo vuole informazioni sul secondo e viceversa. Ciò che l'individuo sa gli dà un vantaggio. I palestinesi potrebbero averne bisogno.

Non bisogna essere ingenui. Ma i palestinesi hanno chiesto servizi nascosti, e probabilmente c'era un movente dietro. Quello che hanno ottenuto, possono valutare da soli se è stato utile per loro. Ma, molti anni fa, nella nostra giovinezza, ho dato il via libera per alzarmi in piedi.

Prevede la corresponsabilità, ma non la "colpa", a favore di chi ne ha diritto.

Trond Ali Linstad è un medico, ex capo del Comitato Palestinese e sposato con Karin Linstad.

Potrebbe piacerti anche