Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La massa e il popolo

PSICOLOGIA / È possibile capire perché la maggioranza sceglie un autista o un'esistenza da schiavo?

La "massa" è una potenziale "regola della mafia"? Diversi nuovi libri cercano di avvicinarsi a ciò che la massa ignorante, primitiva o infuriata può significare, come titoli come La follia delle folle   (menzionare qui) e altri suggeriscono. C'è qualcosa di più psicologico da imparare sulle persone, sulla maggioranza o sulla mandria?

Il nuovo libro di Eirik Høyer Leivestad Paura e disgusto nella democrazia (Vagante) ripercorre i secoli dove si confronta con pensatori id di massaéstoria: Platone concluse con orrore che la maggioranza era troppo suscettibile alle seduzioni dei demagoghi. Alexis de Tocqueville cita nel 1835 una "falsa sete di uguaglianza […] che fa preferire l'uguaglianza nella schiavitù alla disuguaglianza nella libertà". Karl Marx ha parlato dell'intelligenza delle masse manifestata nella lotta rivoluzionaria – anche secondo Leivestad "una stupidità delle masse manifestata in riflessi conservatori".

Og Baruch Spinoza si chiedeva "cosa potrebbe portare le masse ad abbracciare tirannie non mascherate", che Leivestad ripete costantemente nel libro. Nel 1670 Spinoza definì gli "affetti passivi" della massa come paura, odio, ansia e vendetta. E Stendhal scrisse nel 1835: "Non lo sopporto la folla, ma sotto il nome persone Sono appassionato della lotta per la loro felicità”.

Oggi nei media si parla probabilmente più del "popolo" che della "massa". Ma come sottolinea Leivestad: “In realtà non esiste nessun popolo; ci sono solo modi per attrarre la gente”. O come ha scritto Raymond Williams: “In realtà non esistono masse; ci sono solo modi di considerare le persone come masse”.

Søren Kierkegaard si riferiva al cosiddetto Almeen-Aanden come alla massa, all'anonimo "tutti e nessuno". È così che la sinistra odierna – come il giornale Klassekampen – afferma di essere i difensori del “popolo”. Kierkegaard invocava la contraddizione nell'"individuo", l'individuo che è capace di preservare la propria libertà soggettiva nonostante una lusinghiera pressione pubblica e popolare al conformismo.

La psicologia delle masse

Una delle lezioni a cui ho assistito come studente di filosofia a New York City era tenuta da un avvocato, dove la "civiltà" sedeva sul molo sfidata da Nietzsche og Freud – con la rivoluzione o la riforma. Nietzsche sosteneva una rivalutazione di tutti i valori, Dio era morto, l’uomo era abbandonato a se stesso senza grandi narrazioni metafisiche. Lo sosteneva Freud Eros è una forza che porta alla comunità, ma allo stesso tempo gli impulsi e le forze vitali sono stati "civili" – con un'aggressività repressa e un crescente senso di colpa di conseguenza. Il disagio ribollente nella cultura era una pentola a pressione. Chiediti se tu, come giudice, puoi giudicare in un processo del genere: riforme democratiche per l'intero popolo attraverso la psicoanalisi, o liberare la minoranza "rivoluzionaria" dei normodotati in una meritocrazia nietzscheana?

Quello di Leivestad Paura e disgusto fare riferimento a Sigmund Freud 22 volte, compreso il suo “Psicologia di massa e analisi dell’Io” (1921) e Il disagio della cultura (1930). Vorrei integrare con quelli rilasciati di recente La teoria sociale di Freud di Atle Møen (Spartacus Forlag). Scrive che Freud fu ispirato "a comprendere la formazione della 'massa' come una forma di identificazione narcisistica". Si sostituisce volontariamente se stessi o il proprio soggetto con un'idealizzazione, un legame emotivo con un leader o leader carismatico. Penso al popolo sostanzialmente civilizzato della Germania nazista quando Møen scrive che "nella massa, le persone possono diventare barbari governate dalle pulsioni primitive dell'inconscio". Egli accenna con Freud: "Le masse hanno bisogno di illusioni per presentare la verità, e allo stesso modo che nel bambino, nel nevrotico e nell'uomo primitivo, le realtà psichiche sono molto più importanti delle realtà reali".

Ebbene, ricordatevi delle elezioni populiste dei "guidatori", come negli Stati Uniti, in Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca.

Freud edipico La teoria dell'uccisione del padre per ottenere l'amore della madre si applica anche alla società. In Freud Totem e tabù (1912) è violato il divieto ritualmente verso il basso, dove il totem è la figura paterna in senso figurato – l'ordine simbolico. Ma quando la massa, il popolo o il gregge demoliscono furiosamente ciò che esiste con gioia maniacale in una sommossa, spesso segue qualcosa di triste e malinconico quando ciò che è fisso si dissolve.

Møen si ispira anche alternativamente a pensatori francesi come Jacques Lacan, o Gilles Deleuze og Felix Guattari (anti-øspazzato, 1980). Dal punto di vista psicologico è interessante come si possa raggiungere un ordine pacifico all’interno della nazione solo creando nemici esterni contro cui dirigere il malcontento e l’odio delle masse. Come scrisse Freud nel 1915 i «Instincts» ed Le loro vicissitudini, la prima guerra mondiale fu "anche una dimostrazione che l'amore per i propri amici nazionali si rafforzava sullo sfondo di un grande odio per i popoli di altre nazioni". Musulmani o Russia? E la rabbia e la paura per l'“ondata di profughi” non sono alimentate anche da una psicologia così sospetta?

Il disagio culturale è piuttosto che la democrazia non funziona davvero.

La maggior parte delle persone-sé psicologicamente impoverite ignorano quindi le proprie carenze psicologiche e trovano oggetti di odio o persone che allontanano la propria impotenza e inadeguatezza. Møen aggiunge che "la desimbolizzazione del soggetto, questa creazione di un soggetto piatto e vuoto, può essere studiata da diversi punti di vista, ad esempio il fatto che la struttura narrativa del soggetto sia sostituita da intense immagini visive in TV e nell'industria dell'intrattenimento".

La maggioranza viene sedotta? Con la citazione di Jean Baudrillard da parte di Leivestad, è piuttosto un'ipotesi ipocrita che le masse "vengano fuorviate" – poiché la maggior parte delle persone non "aspira spontaneamente all'illuminazione naturale della ragione". Sia l’élite che le masse usano la manipolazione: il potere e la tirannia della maggioranza sono inebrianti, come Trump e la massa di 70 milioni di persone possono inventare insieme. Hannah Arendt ha da tempo sottolineato tali caratteristiche nei suoi studi sul totalitarismo.

Populismo ambientale

Che dire allora del populismo come erede delle masse? Il giornale filosofico norvegese Agora pubblicò in autunno due enormi edizioni di oltre 600 pagine ciascuna – sul populismo og neoliberismo (con Michel Foucault). Nel saggio “#WhateverItTakes. Populismo climatico e democrazia alla fine del mondo" di Andreas H. Hvidsten sottolinea tre caratteristiche populiste dell'attivismo climatico: "È critico verso le élite, parla a nome del "popolo" e ha poca pazienza con i partiti politici ordinari. " Il populismo climatico si trova di fronte a una “scelta ideologica tra riforma e rivoluzione”.

Hvidsten sottolinea inoltre che nelle elezioni generali del 2017 solo una minoranza di elettori aveva considerato l’ambiente la questione più importante: il 20%. Anche se la tecnologia verde come l'energia solare può coprire il fabbisogno energetico del pianeta, la maggioranza democratica spesso non agisce nel modo in cui la minoranza (attenta all'ambiente) lo ritiene sensato. Piuttosto, la maggioranza vota emotivamente per i propri privilegi, i propri consumi e il proprio lavoro.

E qui sta il punto di questo leader. Il disagio culturale è piuttosto che la democrazia non funziona davvero. Che dire della minoranza di persone ecologicamente e psicologicamente consapevoli, la minoranza di persone sensibili, capaci, esperte o creative? L'impopolare "superuomo" di Nietzsche è probabilmente piuttosto, come ha sottolineato il pensatore ebreo Emmanuel Lévinas nella sua filosofia dell'"Altro", un essere umano che si estende a lungo termine ancora stessa, solidarmente, autonomamente sensibile nel senso kantiano o freudiano. Dà più di quanto prende. L'élite monetaria e le masse agiscono in modo opposto: hanno bisogno sia di un leader che di un mito etnico su se stessi come "popolo".

Piuttosto che un inebriante "grande noi", alcuni di noi preferiscono il "piccolo noi".


Leggi anche riguardo massa/persone:
Il vento politico dell'identità contemporanea (Hhordernes Hergen – genere, razza, identità per autore Douglas Murray)
L'antirazzismo come ideologia totalitaria
Foucault e il neoliberismo

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

I nuovi barbari

MIGRAZIONE: Quali esperienze si possono collegare alla teoria dell'Altro quando si visita un'isola di migranti come Lampedusa? Forse alcuni filosofi possono indicare la via. A meno che i migranti non siano le migliori guide.

Morte: più o meno reale

LA REALTÀ: Percepiamo la realtà in modo molto diverso. Vorrei quindi suggerire tre ambiti in cui la realtà è reale, forte e diretta per tutti noi. Ma anche cosa dice un nuovo libro tradotto di Pier Paolo Pasolini sul contatto del film con la realtà.

Quando la violenza diventa l'unica cosa

POTENZA: Secondo Hannah Arendt l’uso della violenza, delle armi e delle bombe ci lascia politicamente senza parole. Le sue particolari analisi del potere possono insegnarci qualcosa sulla violenza che viene perpetrata oggi da e dentro Gaza?