Ordina qui l'edizione estiva

Martire per la libertà di parola

- L'omicidio di Anna Politkovskaja dimostra quanto avesse ragione in ciò che ha scritto, dice l'editor Martine Aurdal su Ny Tid a proposito del suo giornalista abituale.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Anna Politkovskaja è stata uccisa a colpi di arma da fuoco oggi, 7 ottobre 2006. La giornalista e autrice russa ha scritto in esclusiva per Ny Tid, in una rubrica mensile regolare.

- Sono profondamente scosso dalla notizia, afferma l'editore responsabile Martine Aurdal.

- Anna Politkovskaja è stata una coraggiosa e forte critica nei confronti di Putin e dei progressi del governo russo. Era la principale critica della guerra in Cecenia ed era aperta sulla paura per la propria vita. L'omicidio ha dimostrato quanto Anna avesse ragione in ciò che ha scritto.

La Politkovskaya è stata trovata morta in un ascensore nel condominio in cui viveva a Mosca. Ha lavorato al quotidiano Novaja gazeta di Mosca e ha pubblicato il libro La Russia di Putin. Nel 2004 ha ricevuto il premio Olof Palme per la libertà di espressione e nel 2003 ha ricevuto il premio per la libertà di espressione della Norwegian Writers' Association. Il difensore dei diritti umani è stato oggetto di ripetute minacce di morte per il suo lavoro in Cecenia e aveva scritto un testamento per paura di essere ucciso. Nel 2002 ha agito come mediatrice quando i ribelli ceceni hanno preso diverse centinaia di ostaggi al teatro Dubrovka di Mosca. Le è stato impedito di coprire il dramma degli ostaggi a Beslan nel 2004, quando è stata avvelenata sull'aereo. La stessa Anna Politkovskaja non aveva dubbi che dietro ci fossero le autorità russe.

- Più di recente, la scorsa settimana, Anna ha scritto su Ny Tid di come i gruppi criminali di Putin in Cecenia diffondano i loro crudeli abusi e "cecenizzino" il resto della Russia, mentre Putin protegge i suoi. Le parole possono essere pericolose. Oggi Anna è diventata una martire per la libertà di espressione, dice Aurdal.

- Noi di Ny Tid ora speriamo che il governo norvegese faccia proteste violente e chieda la partecipazione internazionale alle indagini sull'omicidio. La verità deve venire a galla.

Potrebbe piacerti anche