Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Potere femminile maschile

Un candidato presidenziale maschio può essere migliore sulle questioni femminili di un'aspirante presidenziale donna?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[elezioni] Questa domanda sembra assurda in vista del secondo turno delle elezioni presidenziali francesi del 6 maggio: il ministro dell'Interno conservatore Nicolas Sarkozy e la leader socialista Ségolène Royal, prima donna nella corsa finale francese, sono il più distanti possibile. Mentre la Royal ha concluso la sua campagna elettorale sottolineando che "sta qui come una donna forte", e quindi dovrebbe rappresentare meglio metà della popolazione, Sarkozy e il suo popolo hanno messo in dubbio che lei, come donna e madre, possa guidare un intero paese .

Ma se guardiamo alle elezioni presidenziali in un altro paese francofono, il Mali, sarà una questione di donne contro donne. l'uomo-opposizione è più sfumato. Per non dire sottosopra. Il 29 aprile si è svolto il primo turno delle elezioni in Mali. Il risultato del voto pacifico in questo paese democratico e a maggioranza musulmana dell’Africa occidentale – che ora ha tenuto la quinta elezione democratica consecutiva – non è ancora ufficiale. Ma sembra chiaro che il presidente in carica Amadou Touré andrà al ballottaggio il 13 maggio.

A prima vista può sembrare un peccato che Sidibé Aminata Diallo non sia arrivato al top. È professoressa di sviluppo sostenibile all'Università di Bamako, la capitale del Mali, e, come Royal, la prima vera contendente alla presidenza del suo paese. Quando Diallo afferma che le sfide del povero Mali dovrebbero essere risolte "ottenendo un equilibrio nell'ecosistema", si assicura la simpatia delle persone attente all'ambiente nei paesi ricchi.

Ma ci sono diverse ragioni per cui non si dovrebbe sostenere Diallo contro Touré come si fa con Royal contro Sarkozy. In primo luogo, lo scetticismo nei confronti della retorica di Diallo influenzata dal Brundtland è profondamente diffuso in Mali, anche tra le donne. "Vuole solo attenzione e un premio Nobel... Preferiremmo avere da lei piani concreti sulla disoccupazione e sulla povertà. Dopo tutto questo viene l'ambiente", spiega uno studente di giurisprudenza disoccupato alla giornalista dell'IPS Almahady Cissé.

La popolazione del Mali, che non può essere considerata responsabile del riscaldamento globale, nemmeno nel prossimo futuro, sembra giustamente non dare priorità alla retorica ambientale populista rispetto al lavoro, alla salute e alle opportunità future di donne e bambini. E Touré, da quando è stato eletto nel 2002, ha dato priorità alle donne più che ai politici potenti come Sarkozy. Touré non è solo l'eroe della democrazia che nel 1991 rovesciò un dittatore e si astenne dalla partecipazione alle prime elezioni libere del paese. Nel suo primo mandato, ha anche assicurato che le donne del Mali ricevessero tagli cesarei gratuiti alla nascita. E ha assicurato cure a 10.000 persone infette da HIV e 3500 nuove case a basso costo.

Le organizzazioni femminili hanno raccolto fondi per dargli un altro mandato: "La maggior parte delle donne del Mali voteranno per Touré a causa delle sue politiche a favore delle donne", dice Coulibaly Kéita a Bamako.

In breve: applausi alle femministe Royal e Touré!

Giorno Herbjørnsrud
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche