Ordina qui l'edizione estiva

Invita alla riconciliazione

I golpisti in Thailandia sono favorevoli al dialogo con i ribelli musulmani del sud.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[colpo di stato militare] L'ormai deposto primo ministro thailandese, Thaksin Shinawatra, si è rifiutato di negoziare con i ribelli musulmani a sud del confine con la Malaysia, e ha ricevuto forti critiche dal suo capo dell'esercito, Sonthi Boonyaratglin. Il comandante dell'esercito, che è musulmano, guida la giunta militare che ha preso il potere martedì 19 settembre.

- La Thailandia è ancora una democrazia, ha detto Sonthi al quotidiano di Bangkok The Nation dopo il colpo di stato.

Violenti scontri tra soldati governativi e ribelli musulmani hanno provocato oltre 1400 vittime dal gennaio 2004.

La giunta è composta sia da buddisti che da musulmani, e Sonthi è il primo musulmano a servire come capo dell'esercito nella Thailandia buddista. Sonthi ha promesso che un nuovo primo ministro sarà insediato entro due settimane e che le elezioni si terranno non appena una nuova costituzione sarà approvata in un referendum.

- Questa è una rivoluzione di palazzo e una resa dei conti interna tra le élite del potere a Bangkok, afferma Hugo Stokke.

È ricercatore presso l'istituto di Chr. Michelsen ed era a Bangkok durante il precedente colpo di stato del 1991, quando tutto andò liscio.

La politica di sicurezza è solo una delle tante aree in cui Thaksin è stato molto insensibile all'opposizione, ritiene Stokke.

- Non è scontato che la giunta militare sarà più pesante di Thaksin.

Per tutto il secolo scorso, la Thailandia ha alternato governo militare e civile, e fino all'ultimo colpo di stato del 1991 ci sono stati 17 colpi di stato.

- Il re ha un grande potere reale ei golpisti devono aver avuto un consenso più o meno tacito dal re, ritiene Stokke.

Paragona Thaksin a Silvio Berlusconi.

- Entrambi sono uomini d'affari che hanno acquistato lealtà e sostegno, ed entrambi sostengono una politica nazionalista e populista.

Mentre il partito di Berlusconi si chiamava Forza Italia, heia Italia, il nome del partito di Thaksin, Thai Rak Thai, può essere tradotto come "I thailandesi amano i thailandesi".

Thaksin non proviene dall'establishment politico di Bangkok, ma è un outsider del nord della Thailandia. Quando ha vinto le elezioni nel 2001, ha avuto il sostegno di agricoltori e lavoratori rurali e ha promesso una politica di ridistribuzione favorevole al distretto per la maggior parte delle persone.

Di recente, è aumentata l'insoddisfazione per il governo di Thaksin. I principali partiti di opposizione non si sono presentati alle elezioni di aprile, accusando di corruzione il regime di Thaksin. Dopo l'elezione, il re ha avviato un'indagine indipendente e l'elezione è stata dichiarata non valida. Thaksin avrebbe dovuto organizzare nuove elezioni nel 2006, ma ciò è fallito e recentemente si è diffusa la voce che a Bangkok avrebbe avuto luogo un colpo di stato.

Il capo della banca centrale thailandese Pridiyathorn Devakula ha accettato di assumere la carica di primo ministro e sta tornando a casa dopo l'incontro del Fondo monetario internazionale (FMI) e della Banca mondiale a Singapore, scrive The Nation.

Potrebbe piacerti anche