Teatro della crudeltà

La mafia – parte dello Stato

Sparare alla mafia
Regissør: Kim Longinotto
(USA)

LETIZIA BATTAGLIA / Non si è mai presentata come la "fotografa mafiosa" italiana. Battaglia ha fotografato Palermo, racconta nel film, una città dove la mafia fa parte della vita quotidiana.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Letizia Battaglia una volta disse: “Sono un essere umano, non una fotografa. Sono una persona che fa foto”.

Eppure, per l'Italia, Battaglia – classe 1935 – non è solo un fotografo; lei er il fotografo; lei è Il fotografo mafioso italiano. Negli archivi nazionali italiani ci sono poche fotografie come la sua. Queste non sono fotografie normali, come quelle scattate da giornalisti o fotografi dopo un omicidio sulla scena del crimine. Sono genuini, reali e inquietanti. Sì, le fotografie di Battaglia possono davvero essere chiamate fotografie di guerra.

Ha iniziato a lavorare come giornalista presso L'Ora – quotidiano palermitano – nel 1969; poi ce n'erano più di mille uccisi ogni anno. E ogni tanto anche cinque, sette omicidi al giorno. È in Sicilia che Luciano Leggio, storico leader di Cosa Nostra, dopo essere stato finalmente arrestato, entra in aula a testa alta. Capovolge i ruoli e fa sembrare i poliziotti dietro di lui dei fuorilegge.

"Se non sparano ai politici è perché non ne hanno più bisogno." Letizia Battaglia

Letizia Battaglia

È in Sicilia che Battaglia allestisce una mostra per le strade di Corleone, cuore della mafia, strade che ricordano il Libano, e all'improvviso si ritrova sola, mentre tutti i passanti guardano dall'altra parte spaventati.

Anno dopo anno in trincea: passano 20 anni fino al 1992, quando viene ucciso il giudice Giovanni Falcone, che guidò la lotta alla mafia siciliana. I giornalisti dell'epoca, che a differenza dei colleghi dell'Ora tendevano a scrivere da Roma piuttosto che da Palermo, sostenevano che fosse tutta una messa in scena. Che Falcone abbia esagerato con le sue affermazioni sulla mafia per diventare un eroe.

Il giudice Paolo Borsellino, con cui Falcone ha collaborato nella lotta alla mafia, è già in ospedale quando Falcone arriva in barella, morente, e dice semplicemente ai giornalisti: "L'incontro di oggi con lui è solo rinviato". Borsellino fu ucciso due mesi dopo.

Oggi, quando guardiamo, sembra un mondo diverso Sparare alla mafia di Kim Longinotto con tutte le vecchie foto, le vecchie registrazioni.

I diversi volti della mafia italiana

Ma Battaglia non si è mai presentato come fotografo della mafia. Perché non ha fotografato la mafia, dice, ma Palermo. Palermo con tutte le sue contraddizioni, infiltrata dalla mafia e le condizioni che ne seguirono. Serate danzanti dell'alta borghesia, bambini poveri delle baraccopoli, bambini che si svegliavano con i topi che gli rosicchiavano un dito, luci e ombre, come nel suo ritratto più famoso: di Rosaria Schifani. La vedova di una delle guardie del corpo di Falcone, che si rivolge ai mafiosi durante i funerali in diretta tv, gli uomini che senza vergogna hanno partecipato al grooming come tutti gli altri, supplicandoli: "di cambiare, di cambiare" e prima di svenire: "Alla resa dei conti, so che non cambiare mai ."

Letizia Battaglia

Ma quando Hollywood rese popolari le storie criminali sulla mafia, come in Il Padrino e film simili, Battaglia ha invece rivelato la miseria che la mafia porta a tutti. "Non volevo dare loro alcun tipo di bellezza", dice ora. Battaglia non voleva che i gangster sembrassero forti e potenti. Come uomini di successo, ricchi e molto rispettati oggi. Troppi ragazzi sognavano di diventare assassini. Quando Totò Riina, il boss mafioso dei boss mafiosi, finisce in carcere e vede per la prima volta il suo volto e i suoi comportamenti, afferma: “E ci ha rovinato la vita. Che scemo."

Roberto Saviano, l'autore di Gomorra che è sotto costante sorveglianza della polizia, racconta: "I giornalisti stranieri vengono, restano una settimana, non vedono riprese di drammi, e poi tornano a casa e pensano che la mafia non esiste più. Invece è semplicemente cambiato”.

Da organizzazione antistatale a diventare parte dello Stato

Letizia Battaglia

Adesso sono a Bari, la città da cui provengo nel sud Italia, dove sono seduto e scrivo in un famoso bar, Il Caffè del Marchese. Recentemente è stato chiuso a causa di un'indagine sul riciclaggio di denaro. Ora è aperto come al solito. Come ogni italiano del sud, so quale clan controlla quali negozi e quali strade. Ancora oggi, se ti rubano l'auto, vai dal capo del quartiere, non dalla polizia. La mafia è molto meno visibile di prima, è vero. Ma è solo perché è ovunque. Si è sviluppata e diffusa in un Sud povero e arretrato come una sorta di società parallela. La mafia ha fornito ciò che il governo centrale non ha fornito e per molto tempo è stata un'organizzazione criminale. Ma oggi è molto più di questo: da organizzazione antistatale è diventata parte dello Stato.

La mafia gioca un ruolo in tutto, dalle infrastrutture ai migranti. Non si tratta più solo di contrabbando. E forse la cosa più importante: non è più solo italiano. Oggi Londra è la capitale del riciclaggio di denaro. "Se non sparano ai politici è perché non ne hanno più bisogno", dice Battaglia. "Oggi la mafia è dentro le istituzioni". Se non c’è più la guerra è perché ha vinto la mafia.

Leggi l'intervista con lei qui: Il potere della mafia

Francesca Borri
Francesca Borri
Borri è un corrispondente di guerra e scrive regolarmente per Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche