Ordina qui l'edizione estiva

LO temeva un attacco

Prima che il licenziamento di Ingunn Yssen finisse in VG, la leadership di LO temeva attacchi da parte di reti ostili.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[bufera mediatica] Lunedì 8 gennaio, diversi giorni prima che Ingunn Yssen lasciasse VG, l'avvocato di Yssen, Ingeborg Moen Borgerud, ha inviato le dimissioni formali a LO per conto del suo assistito. Lì annuncia brevemente che Yssen si dimetterà dal suo lavoro alla LO e rinuncerà al posto assegnato alla Norwegian Defense Academy questa primavera. In allegato c'era anche un certificato medico per l'assenza di Yssen in autunno.

L'avvocato Borgerud scrive nelle dimissioni che Yssen invierà una lettera separata tra pochi giorni con i motivi delle sue dimissioni. Come noto, è stata inviata anche a VG, che giovedì 11 gennaio ha sciolto la vicenda. Secondo le informazioni di Nytid, la leadership del LO era totalmente impreparata al grande annuncio e alla tempesta mediatica che ne seguì e temeva che fosse in corso un attacco pianificato e organizzato da "una rete ostile" attorno all'avvocato Borgerud.

Quando gli ex segretari di stato Berit Reiss-Andersen e Øystein Mæland si sono fatti avanti poco dopo in una campagna coordinata a VG e Dagens Næringsliv, ciò ha confermato i sospetti nei corridoi di LO. Entrambi hanno dichiarato ai media di non essere stati in "contatto diretto" con Yssen riguardo alla trama.

La corrispondenza tra l'avvocato Borgerud e LO è iniziata a novembre, dopo che Ingunn Yssen era in congedo per malattia dalla festa estiva del 17 agosto, in un momento in cui il rapporto tra Valla e Yssen è descritto come buono. Avevano poi lavorato insieme su piani separati a Folkets Hus per un totale di 14 mesi, interrotti dal congedo di maternità di Yssen e dal congedo per malattia di Valla per una frattura alla schiena. È solo nella lettera di Borgerud dello scorso autunno che LO apprende che Yssen si sente molestato dal leader di LO. Come va a finire in VG la corrispondenza tra LO e l'avvocato di Yssen?

- Non abbiamo commenti in merito, risponde il capo dell'informazione Jenny Ann Hammerø in LO.

Ingeborg Moen Borgerud è partner della società Arntzen de Besche, uno dei principali studi legali norvegesi in diritto commerciale, diritto tributario e diritto del lavoro. In precedenza, tra le altre cose, è stata avvocato nell'ufficio legale di LO. Ha anche presieduto il comitato per il diritto del lavoro, da cui LO si è ritirato nell'ottobre 2003 per protesta. È una delle massime esperte di diritto del lavoro del Paese. Nel 1996, Borgerud era segretario di stato al ministero della Giustizia, dove il suo successore fu Berit Reiss-Andersen e appena sette mesi dopo, Yssen. Reiss-Andersen e Borgerud sono conoscenti da diverse relazioni, anche nel consiglio dell'amministrazione giudiziaria fino al 2005. La lettera pubblicata su VG mercoledì è stata trovata solo in una copia: con l'avvocato di Ingunn Yssen, Ingeborg Moen Borgerud. Borgerud non è stato disponibile per un commento.

- Una campagna diretta

Il professore di giornalismo Sigurd Allern ritiene che i media, VG in particolare, abbiano condotto una caccia alle streghe acritica e una campagna in parte diretta.

- Quando VG ha annullato il licenziamento di Ingunn Yssen, è stato ben diretto congiuntamente tra Yssen e VG. Altri media avrebbero dovuto essere molto più critici nei confronti del quadro interpretativo ("povero Yssen, meschino Valla") istituito da VG. Il fatto che così tante persone corrano così tanto in gruppo è sensazionale, dice Allenn.

Ritiene inoltre che le azioni degli ex segretari di stato Berit Reiss-Andersen e Øystein Mæland – apparsi contemporaneamente in Dagens Næringsliv e VG – siano state coordinate. In Dagsnytt 18 questa settimana, il caporedattore di VG, Bernt Olufsen, afferma che la copertura del giornale è stata preparata nel corso di diversi mesi:

- Questo non era un caso che Ingunn Yssen ha portato a VG quel giorno. Abbiamo lavorato a questo caso per mesi, ma solo quando Yssen ha annunciato le sue dimissioni siamo stati in grado di descriverlo con fonti aperte, ha detto Olufsen.

Potrebbe piacerti anche